Dakar 2018: Peugeot

Dakar, Depres sulle polemiche della Tappa 10: "L'esperienza conta"

Il pilota francese della Peugeot riconosce che l'organizzazione ha preparato un percorso complicato, ma chiarisce che non c'era nulla di impossibile da trovare.

Al termine della decima tappa della Dakar è scoppiata una vera e propria polemica per quanto riguarda la categoria moto. E chi può giudicare questa situazione meglio di un cinque volte vincitore come Cyril Despres?

Il francese ha dovuto lasciar passare Carlos Sainz nella tappa di ieri e "vegliare" su di lui e Stephane Peterhansel nel complicato cammino che conduceva da Salta a Belen.

Il francese ha chiarito con Motorsport.com che il roadbook della giornata non era affatto semplice.

"Alla partenza seconda speciale abbiamo sentito che c'era un punto in cui era facile perdersi. Ma non sapevamo esattamente dove. Ci siamo presi cura di ogni WP fino alla fine, sapendo che Carlos è stato davanti a noi per tutto il giorno e questo è stato stressante, perché eravamo sempre in mezzo alla polvere" ha raccontato.

"L'area del km 407 era fuori pista, con una navigazione molto complicata. C'erano troppe tracce e da 7-8 km pensavamo di andare nella direzione giusta. All'improvviso non abbiamo più visto la polvere di Carlos ed abbiamo capito che era alla nostra sinistra. Abbiamo dovuto fare qualche metro in più, ma abbiamo preso il WP. L'esperienza conta".

Despres, tuttavia, chiarisce che questo roadbook non è il più complicato che ha trovato alla Dakar.

"No, no. E' un punto, un CAP che non è facile da trovare. Ma nella mia carriera mi era già capitato di doverne cercare altri".

Scrivi un commento
Mostra commenti
A proposito di questo articolo
Campionati Dakar
Evento Dakar
Sub-evento Stage 10: Salta - Bélen
Piloti Cyril Despres
Articolo di tipo Ultime notizie
Tag cyril despres, dakar, dakar 2018, despres, peugeot, rally dakar
Topic Dakar 2018: Peugeot