Dakar, De Rooy: "Non credevo di andare al comando!"

condivisioni
commenti
Dakar, De Rooy:
Di: Elisabetta Caracciolo
12 gen 2016, 01:20

L'olandese del team Petronas Iveco conquista la testa fra i camion, staccando i temibili Kamaz dei russi

#501 Iveco: Gerard de Rooy, Moises Torrallardona, Darek Rodewald
#501 Iveco: Gerard de Rooy, Moises Torrallardona, Darek Rodewald
#501 Iveco: Gerard de Rooy, Moises Torrallardona, Darek Rodewald
#501 Iveco: Gerard de Rooy, Moises Torrallardona, Darek Rodewald
#501 Iveco: Gerard de Rooy, Moises Torrallardona, Darek Rodewald
#501 Iveco: Gerard de Rooy, Moises Torrallardona, Darek Rodewald
#501 Iveco: Gerard de Rooy, Moises Torrallardona, Darek Rodewald
#501 Iveco: Gerard de Rooy, Moises Torrallardona, Darek Rodewald
#501 Iveco: Gerard de Rooy, Moises Torrallardona, Darek Rodewald

Gerard De Rooy ha vinto la seconda tappa di questa Dakar riservata ai camion: l’olandese di 35 anni, pilota di punta del team Petronas De Rooy Iveco si è portato in testa alla classifica assoluta dei “bisonti” lasciando a un distacco di 2'35” il Kamaz di Eduard Nikolev alla conclusione dell’ottava tappa che ha portato la carovana da Salta a Belen. De Rooy l'aveva preannunciato che nella speciale dopo il riposo divisa in due tronconi cronometrati, sarebbe andato all’attacco perché finalmente cominciava la Dakar che piace a lui, dove non conta solo la velocità pura, ma anche la tattica e la navigazione.

Gerard non nasconde di aver avuto anche un pizzico di fortuna...
“Stamattina i camion partivano mescolati alle auto e il mio Iveco Petronas scattava in quarta posizione fra mezzi pesanti. Fra i due Kamaz, il Man di Versluis e il mio Powerstar c’era anche una macchina: sono stato fortunato perché sono riuscito a superarla quasi subito, evitando la polvere che mi avrebbe rallentato molto il passo. E allora sono partito in caccia del Man di Versluis quando Peter ha bucato una gomma e si è dovuto fermare per sostituire il pneumatico. Così noi siamo andati davanti, senza nessun fastidio”.

Nel secondo tratto della speciale De Rooy ha sferrato il suo attacco:
“I due camion Kamaz stamattina erano partiti con la chiara intenzione di vincere, ne sono più che certo. Sapevo che almeno uno dei due avrebbe spinto molto forte e così è stato. Il secondo pezzo della speciale era proprio il tipo di pista che piace i russi: c’era tanto fuoripista, tanta sabbia e un sacco di curve che loro tagliano di netto, andando sempre dritti. Adottano un modo di guidare che sicuramente paga, visto che si è molto veloci, ma si prendono anche un sacco di rischi”.

Il portacolori del team Iveco Petronas non è stato certo a guardare…
“Trovandomi dietro ai Kamaz potevo vedere davanti a me la loro traccia e, quindi, potevo controllare tutto quello che stavano facevano. Non nego di aver spinto molto anche io, ma quando sono arrivato al traguardo con un vantaggio di 2 minuti e 35 secondi su Nikolaev quasi non potevo crederci. Sinceramente pensavo che il gap dal russo fosse molto più ridotto. E mai più mi sarei aspettato di infliggere così tanti minuti anche agli altri avversari”.

In terza posizione è arrivato Karginov, sull’altro Kamaz, a oltre 5 minuti, quindi il Tatra di Valtr che ha concluso a 13 minuti:
“E' un distacco incredibile per una speciale che in fondo non era così lunga”.

E domani i camion ripartiranno mescolati alle auto: anche se l’Iveco Petronas sarà il primo dei mezzi pesanti a prendere il via, De Rooy non dovrà aprire la strada navigando, lasciando la traccia ben visibile per gli avversari..
“Staremo a vedere come andrà domani: se dovesse essere una speciale veloce, dovremmo fare un bel lavoro come oggi. Se, invece, sarà un tratto cronometrato con dune e tanta navigazione, staremo a vedere. Gli equipaggi Kamaz oggi ci sono rimasti davvero male perché erano sicuri di vincere. Domani, proprio per questo motivo, saranno molto… nervosi!”.

Prossimo articolo Dakar
Dakar, una caduta costa la vetta a Paulo Goncalves

Articolo precedente

Dakar, una caduta costa la vetta a Paulo Goncalves

Prossimo Articolo

Dakar, per Moto e Quad arriva la seconda Marathon

Dakar, per Moto e Quad arriva la seconda Marathon
Carica commenti

Su questo articolo

Serie Dakar
Evento Dakar
Sotto-evento Stage 8: Salta - Belen
Piloti Gerard de Rooy
Autore Elisabetta Caracciolo
Tipo di articolo Intervista