Dakar 2018: Moto

Dakar, Cerutti 20° con il sorriso: "Ogni anno il livello è più duro"

Il pilota lombardo ha centrato il massimo possibile con la sua Husqvarna, anche perché puntare a qualcosa di più avrebbe significato correre rischi di cui pentirsi.

Ventesimo assoluto al termine della sua terza Dakar. O seconda e mezza in realtà perchè lo scorso anno era stato costretto al ritiro con una brutta ferita alla mano e non era riuscito a concludere.

Questa volta raggiunge il traguardo di Cordoba, con la sua Husqvarna, al termine di una delle edizioni più difficili degli ultimi dieci anni.

Jacopo Cerutti è contento, ma per tutto il rally avrebbe voluto qualche cosa di più e ha chiesto tanto anche a sè stesso, mai soddisfatto della sua prestazione.

“Una giornata difficile anche quest'ultima, a parte la polvere in speciale anche il diluvio, per fortuna non in speciale, ma in trasferimento comunque, fino a venti chilometri da qui - Racconta al traguardo il pilota lombardo – Ora sono contento, più di così era veramente difficile riuscire a salire in classifica".

"Anche rischiando avrei potuto guadagnare forse due o tre posizioni in classifica, non molto di più. Il ritmo che i primi hanno imposto fin da subito alla gara è stato davvero alto. Ogni anno si sale di livello, come al solito, e quindi...”

Ma la soddisfazione di averla finita traspare dal suo sorriso: “Una gara durissima, sempre, tutti i giorni ed è ancora più bello averla finita, davvero una grande soddisfazione”.

E non appare neanche stanco l'italiano, anzi il migliore degli italiani al traguardo: “Sono stanco, sì certo, ma non troppo. Fortunatamente in questi ultimi giorni siamo riusciti a dormire e quindi ho recuperato un po'. Fisicamente sono molto stanco ma non ho quel sonno che ti richiede di farti venti ore di dormita, a letto”.

Però ride mentre lo dice perchè poi sarà tutto da vedere.

Scrivi un commento
Mostra commenti
A proposito di questo articolo
Campionati Dakar
Evento Dakar
Sub-evento Stage 14: Córdoba - Córdoba
Piloti Jacopo Cerutti
Articolo di tipo Intervista
Topic Dakar 2018: Moto