Dakar 2022 | Camion
Topic

Dakar 2022 | Camion

Dakar | Camion, Tappa 7: Shibalov svetta, Van Kasteren soffre

Quello che doveva essere il gregario del leader Sotnikov, ha avuto via libera di andare all'attacco dopo il problema che ha rallentato il Kamaz di testa nella tappa 7 riservata ai camion della Dakar. Nikolaev, secondo, ha ridotto a cinque minuti il distacco dalla testa, mentre Van den Brink ha portato al terzo posto l'Iveco Powerstar nel momento in cui Van Kasteren ha pagato 38 minuti, cedendo il quarto posto al Praga di Loprais.

Dakar | Camion, Tappa 7: Shibalov svetta, Van Kasteren soffre
Carica lettore audio

Quante sorprese nella tappa che ha fatto seguito alla giornata di riposo della 44esima Dakar! Le strategie studiate al bivacco di Riyadh sono saltate per aria quasi subito nella speciale di 402 km, offrendo ai “gregari” l’opportunità di mettersi in luce mentre i capitani hanno dovuto fare i conti con delle difficoltà.

Dmitry Sotnikov, leader della classifica camion con il Kamaz K5, sembrava destinato a riprendere il cammino vincente: nelle prime battute della speciale ha preso saldamente il comando della gara, sfruttando il fatto che Andrey Karginov era costretto ad aprire la strada e, con molta navigazione, non era certo un vantaggio.

Sotnikov al km 221 ha dovuto cedere oltre cinque minuti per una foratura e all’allora lo stratega Vladimir Chagin ha lasciato libero di andare all’attacco Anton Shibalov, lo “scudiero” di Dmitry, che ha avuto l’opportunità di aggiudicarsi la prima speciale di questa edizione, dopo che ne aveva vinte cinque nelle due precedenti.

Anton, terzo nella graduatoria assoluta, si è tirato dietro Eduard Nikolaev che, con il K5, ha concluso secondo a 1’37” dal vincitore: lo zar ha cercato di capitalizzare il momento difficile di Sotnikov, che ha chiuso la giornata al quinto posto, dopo essere sprofondato settimo, riducendo a poco più di cinque minuti il distacco da Dmitry che imperterrito mena la danza dal secondo giorno.

Nikolaev, però, sta giocando una partita molto tattica: non si mette a prendere rischi quando in ballo ci sono solo 5 minuti. Lo vedremo entrare in azione nei momenti risoluti della corsa che oggi ha offerto uno scossone: Janus Van Kasteren, il “primo degli altri” con l’Iveco Powerstar del team Petronas De Rooy è incappato in una giornata nera. Al km 121 ha pagato mezz’ora e poi, non potendo risolvere i problemi del suo camion, ha visto il distacco ingigantirsi.

Il simpatico Janus, che aveva promesso una strategia Iveco molto combattiva nella seconda settimana della Dakar, ha pagato un dazio che lo penalizza fortemente in classifica: da 35esimo è risalito fino al 16esimo posto di tappa, ma i 38 minuti lasciati sulla strada lo fanno scivolare al quinto posto assoluto, lasciando il prestigioso ruolo di “primo degli altri” ad Ales Loprais con il Praga. Il ceco può contare su un vantaggio di oltre mezz’ora sull’olandese e il ruolo di cacciatore dei Kamaz torna al regolare Ales.

Van Kasteren, invece, sente vacillare anche la quinta piazza, perché a meno di un minuto c’è Karginov, intenzionato più che mai a ristabilire un contatto con i primi tre equipaggi dell’armata russa.

L’onore Iveco è stato salvato da Van den Brink capace di cogliere un inatteso terzo posto di tappa davanti a due peperini come Karginov e Sotnikov. Con il Powerstar della Mammoet gestito da De Rooy. Martin ha confermato che il potenziale Iveco sarebbe molto elevato, ma per una ragione o l’altra non riesce mai a manifestarsi pienamente.

La classifica generale
Tappa 6 (Riyadh – Al Dawadimi)
speciale: 402 km; trasferimento: 299 km; totale: 701 km

Pos.

Pilota/Meccanico/Navigatore

Camion

Tempo/distacco

1.

Sotnikov-Akhmadeev-Akhmetzianov

Kamaz K5 435091

+26.05’54”

2.

Nikolaev-Iakovlev-Rybakov

Kamaz K5 435091

+5’14”

3.

Shibalov-Nikitin-Tatarinov

Kamaz 43509

+31’25"

4.

Loprais-Pokora-Valtr

Praga V4S DKR

+1.07’25”

5.

Van Kasteren-Snijders-Rodewald

Iveco Powerstar

+1.36’51”

6.

Karginov-Mokeev-Malkov

Kamaz 43509

+1.37’50”

7.

Ma Van den Brink-Willemsen-Der Kinderen

Iveco Powerstar

+1.59’45”

8.

Verstaijnen-Van Dal-Smits

Iveco Powerstar

+3.10’53”

9.

R. De Groot-Hulsebosch-Laan

Iveco Magirus 4X4 DRNL

+4.02’46"

10.

Macik-Tomasek-Svanda

Iveco Powerstar

+4.03’31”

condivisioni
commenti
Dakar | Sunderland: "Questa tappa è stata come un casinò"
Articolo precedente

Dakar | Sunderland: "Questa tappa è stata come un casinò"

Prossimo Articolo

Dakar | Lucci sogna la top 20: "Spero che sia solo l'inizio"

Dakar | Lucci sogna la top 20: "Spero che sia solo l'inizio"
Carica commenti
Dakar: Audi, la RS Q e-tron cerca nuove vie di sviluppo elettrico Prime

Dakar: Audi, la RS Q e-tron cerca nuove vie di sviluppo elettrico

Audi ha svelato la RS Q e-tron, arma elettrica con cui andrà alla caccia della vittoria alla Dakar. La Caa dei 4 anelli punta davvero sulla propulsione elettrica, tanto da puntare forte su strumenti che altre categorie hanno reso standard e plafonate.

Dakar
25 lug 2021
Paradosso Formula E: chi vuole sviluppare l'elettrico se ne va Prime

Paradosso Formula E: chi vuole sviluppare l'elettrico se ne va

L'addio di Audi per abbracciare una categoria che permetta di sviluppare l'auto e la tecnologia elettrica da zero è un campanello d'allarme preoccupante. E ora anche la Extreme E propone innovazioni che vanno oltre quelle in uso dalla Formula E.

Dakar
9 apr 2021
Motorsport senza età: dieci Over 50 ancora vincenti e Campioni Prime

Motorsport senza età: dieci Over 50 ancora vincenti e Campioni

Il bello del motorsport è che spesso si rivela senza età! Fra i tanti veterani del panorama internazionale, ne abbiamo scelti dieci Over50 che ancora riescono a vincere gare e titoli. Ecco i loro nomi e profili in ordine anagrafico.

WTCR
24 mar 2021
Elena, molto più di un copilota. Ecco cosa perde Loeb Prime

Elena, molto più di un copilota. Ecco cosa perde Loeb

Loeb, convinto da Prodrive, ha annunciato che non correrà più alla Dakar con lo storico navigatore Elena perché considerato il problema dopo la deludente edizione 2021. Analizziamo cosa perderà certamente il "Cannibale" senza avere accanto Elena dopo 23 anni di sodalizio.

WRC
17 mar 2021
Dakar: KTM sconfitta, ma non con le ossa rotte (tranne Price) Prime

Dakar: KTM sconfitta, ma non con le ossa rotte (tranne Price)

La Casa di Mattighofen ha incassato la seconda sconfitta consecutiva, ma nonostante il ko del suo uomo di punta Toby Price ed una Honda capace di vincere 10 speciali su 13, è rimasta in lizza per il successo finale fino all'ultima tappa con Sam Sunderland.

Dakar
20 gen 2021
Dakar: Husqvarna e Yamaha, che delusioni! Prime

Dakar: Husqvarna e Yamaha, che delusioni!

Questi sono gli altri due marchi che si presentavano al via della Dakar 2021 con ambizioni importanti, ma solamente Pablo Quintanilla ha visto il traguardo, con un settimo posto molto distante dal secondo dello scorso anno. Scopriamo insieme cosa è successo.

Dakar
19 gen 2021
Dakar Camion: scopriamo qual è il vero segreto Kamaz Prime

Dakar Camion: scopriamo qual è il vero segreto Kamaz

Andiamo a scoprire come mai la Kamaz ha collezionato la 18esima vittoria alla Dakar, festeggiando anche una storica tripletta che non si ripeteva dal 2015. Non c'è solo una superiorità tecnica dei camion 43509, ma c'è un'intera città, Naberezhnye Chelny, nata e cresciuta intorno alla fabbrica, che vive per imporsi nel Rally Raid più famoso. C'è una scuola karting che forma i futuri piloti e li alleva con mezzi OTK forniti da Alonso. E, inoltre...

Dakar
17 gen 2021
Dakar 2021: il premio Fair play al team Orobicaraid Prime

Dakar 2021: il premio Fair play al team Orobicaraid

Hanno aiutato gli avversari diretti che si erano capotati su una duna e hanno perso molto tempo: Giulio Verzelletti, poi, ha dovuto chiedere l'intervento dell'elisoccorso a causa di una violenta colica renale, ma l'Unimog con Giuseppe Fortuna a Marino Mutti è arrivato al traguardo, dove il direttore di corsa, Castera, gli ha consegnato il premio Fair Play per aver interpretato al meglio lo spirito della corsa. E non sono stati nemmeno usclusi dalla classifica.

Dakar
16 gen 2021