Dakar | Camion: è Sotnikov il re dell'armata Kamaz

Il vincitore della passata edizione della Dakar dei camion ha ripetuto l'impresa quest'anno con il nuovo K5: Dmitry si è aggiudicato anche l'ultima tappa che ha portato a Jeddah, collezionando la 16esima affermazione nel raid. Nikolaev ha chiuso a meno di dieci minuti, precedendo Shibalov e Karginov in un dominio Kamaz incontrastato. Il "primo degli altri" è Van Kasteren con l'Iveco del team Petronas De Rooy ma è a tre ore!

Dakar | Camion: è Sotnikov il re dell'armata Kamaz

Dmitry Sotnikov, 36enne di Naberezhnye Chelny, la città del Tatarstan che è sede della Kamaz è l’espressione più alta di cosa significhi “costruire” un pilota che si integra in un progetto. Dmitry l’anno scorso ha vinto la sua prima Dakar nei camion avendo ragione dei fortissimi compagni di squadra: Karginov, Shibalov e Mardeev. 

Nel 2021 aveva dovuto dimostrare di essere veloce, vincendo la concorrenza con cinque vittorie di tappa, dopo i secondi posti del 2019 e 2017, mentre in questa 44esima edizione del raid ha avuto un atteggiamento completamente diverso. Dmitry si è assicurato la testa della classifica assoluta nella prima tappa, dopo aver ceduto il prologo ad Eduard Nikolaev, e non ha mai ceduto il bastone del comando, tenendo lo “zar” a una distanza di sicurezza minima in quello che è stato un dominio incontrastato dei camion Kamaz.

Sotnikov è stato ripagato dell’aver sviluppato il K5, un mezzo completamente nuovo con caratteristiche pensate per la Dakar: cabina molto più piccola, con una resistenza aerodinamica sensibilmente ridotta che permette di arrivare alla velocità massima più in fretta rispetto ai vecchi ma irriducibili 43509 e un passo più raccolto ideale per sormontare le dune più difficili. Dmitry ha curato il mezzo nuovo e ha vinto il Silk Way Rally nel quale ha avuto l’opportunità di apprezzarne e conoscerne le caratteristiche a fondo, mentre Nikolaev il camion evoluto lo ha scoperto durante la Dakar.

Dmitry nell’ultima tappa verso Jeddah ha collezionato la quinta vittoria parziale (che è anche la 16esima alla Dakar) che lo ha portato al trionfo finale: “Questa nuova generazione di camion K5 ci ha permesso di fare un enorme balzo in avanti – ha spiegato Sotnikov - . La chiave del successo a mio parere sta nel tempo speso a preparare il camion a casa. La battaglia non si vince solo sulla pista, ma anche in preparazione del rally e al bivacco”.

E questa è la giusta fotografia di un trionfo Kamaz che non è mai stato così evidente: l’armata russa si è aggiudicata tutte le tappe dal prologo, lasciando agli avversari nemmeno le briciole perché uno a uno sono stati letteralmente sgominati dal poker guidato da Vladimir Chagin. L’esperto e mitico stratega ha saputo muovere le sue pedine in modo magistrale, riportando Andrey Karginov al quarto posto sebbene fosse sprofondato nel gruppo dopo una tappa di sofferenze.

Sotnikov ha lasciato il più esperto Nikolaev a una decina di minuti, con Anton Shibalov terzo con il 43509 davanti a Karginov. E poco importa che Martin Macik alla bandiera a scacchi di Jeddah abbia concluso solo a 32 secondi dal vincitore con l’Iveco Powerstar: il ceco della Big Shock Racing ha tentato il tutto e per tutto per dare un senso alla sua Dakar, ma non è riuscito ad agguantare nemmeno il “gol della bandiera” nell’ultima speciale.

Anche Ales Loprais ha cercato di estrarre tutta la potenza dal suo Praga: era secondo fino al penultimo way-point, ma poi ha ceduto di schianto lasciando sulla strada oltre sette minuti. Contro i Kamaz non c’è niente da fare: gli avversari dovranno riprogrammare le loro partecipazioni, mettendo mano ai mezzi, perché i russi hanno sensibilmente alzato l’asticella della competitività, rendendo superato anche il Powerstar che ha sempre rivaleggiato con i bisogni russi.

A Janus Van Kasteren resta la soddisfazione di essere il “primo degli altri” con il Powerstar del team Petronas De Rooy: l’olandese è buon quinto, ma con un distacco di oltre tre ore che la dice lunga sul fatto che non ci sia stata partita. L’Iveco ha piazzato sei camion dietro al poker Kamaz nella Top 10: la Casa italiana ha evidenziato di avere il passo, ma non la prestazione. Questa Dakar è nel segno dei russi come non mai e chiunque abbia l’intenzione di sfidarli in futuro dovrà rimboccarsi le maniche!

Classifica finale generale

Pos.

Pilota/Meccanico/Navigatore

Camion

Tempo/distacco

1.

Sotnikov-Akhmadeev-Akhmetzianov

Kamaz K5 435091

+41.47’32”

2.

Nikolaev-Iakovlev-Rybakov

Kamaz K5 435091

+09’58”

3.

Shibalov-Nikitin-Tatarinov

Kamaz 43509

+1’11’11”

4.

Karginov-Mokeev-Malkov

Kamaz 43509

+1’49”55"

5.

Van Kasteren-Snijders-Rodewald

Iveco Powerstar

+3.08’30”

6.

Ma Van den Brink-Willemsen-Der Kinderen

Iveco Powerstar

+3.41’32”

7.

Macik-Tomasek-Svanda

Iveco Powerstar

+4.44’11”

8.

Verstaijnen-Van Dal-Smits

Iveco Powerstar

+4.44’34”

9.

R. De Groot-Hulsebosch-Laan

Iveco Magirus 4X4

+6.29’27"

10.

Mi. Van den Brink-Mouw-Donkelaar

Iveco Trakker

+8.10’34"

condivisioni
commenti
Dakar | Sunderland: "Vittoria migliore della prima"
Articolo precedente

Dakar | Sunderland: "Vittoria migliore della prima"

Prossimo Articolo

Dakar | Quad: Alexandre Giroud 25 anni dopo il padre Daniel

Dakar | Quad: Alexandre Giroud 25 anni dopo il padre Daniel
Carica commenti
Dakar: Audi, la RS Q e-tron cerca nuove vie di sviluppo elettrico Prime

Dakar: Audi, la RS Q e-tron cerca nuove vie di sviluppo elettrico

Audi ha svelato la RS Q e-tron, arma elettrica con cui andrà alla caccia della vittoria alla Dakar. La Caa dei 4 anelli punta davvero sulla propulsione elettrica, tanto da puntare forte su strumenti che altre categorie hanno reso standard e plafonate.

Dakar
25 lug 2021
Paradosso Formula E: chi vuole sviluppare l'elettrico se ne va Prime

Paradosso Formula E: chi vuole sviluppare l'elettrico se ne va

L'addio di Audi per abbracciare una categoria che permetta di sviluppare l'auto e la tecnologia elettrica da zero è un campanello d'allarme preoccupante. E ora anche la Extreme E propone innovazioni che vanno oltre quelle in uso dalla Formula E.

Dakar
9 apr 2021
Motorsport senza età: dieci Over 50 ancora vincenti e Campioni Prime

Motorsport senza età: dieci Over 50 ancora vincenti e Campioni

Il bello del motorsport è che spesso si rivela senza età! Fra i tanti veterani del panorama internazionale, ne abbiamo scelti dieci Over50 che ancora riescono a vincere gare e titoli. Ecco i loro nomi e profili in ordine anagrafico.

WTCR
24 mar 2021
Elena, molto più di un copilota. Ecco cosa perde Loeb Prime

Elena, molto più di un copilota. Ecco cosa perde Loeb

Loeb, convinto da Prodrive, ha annunciato che non correrà più alla Dakar con lo storico navigatore Elena perché considerato il problema dopo la deludente edizione 2021. Analizziamo cosa perderà certamente il "Cannibale" senza avere accanto Elena dopo 23 anni di sodalizio.

WRC
17 mar 2021
Dakar: KTM sconfitta, ma non con le ossa rotte (tranne Price) Prime

Dakar: KTM sconfitta, ma non con le ossa rotte (tranne Price)

La Casa di Mattighofen ha incassato la seconda sconfitta consecutiva, ma nonostante il ko del suo uomo di punta Toby Price ed una Honda capace di vincere 10 speciali su 13, è rimasta in lizza per il successo finale fino all'ultima tappa con Sam Sunderland.

Dakar
20 gen 2021
Dakar: Husqvarna e Yamaha, che delusioni! Prime

Dakar: Husqvarna e Yamaha, che delusioni!

Questi sono gli altri due marchi che si presentavano al via della Dakar 2021 con ambizioni importanti, ma solamente Pablo Quintanilla ha visto il traguardo, con un settimo posto molto distante dal secondo dello scorso anno. Scopriamo insieme cosa è successo.

Dakar
19 gen 2021
Dakar Camion: scopriamo qual è il vero segreto Kamaz Prime

Dakar Camion: scopriamo qual è il vero segreto Kamaz

Andiamo a scoprire come mai la Kamaz ha collezionato la 18esima vittoria alla Dakar, festeggiando anche una storica tripletta che non si ripeteva dal 2015. Non c'è solo una superiorità tecnica dei camion 43509, ma c'è un'intera città, Naberezhnye Chelny, nata e cresciuta intorno alla fabbrica, che vive per imporsi nel Rally Raid più famoso. C'è una scuola karting che forma i futuri piloti e li alleva con mezzi OTK forniti da Alonso. E, inoltre...

Dakar
17 gen 2021
Dakar 2021: il premio Fair play al team Orobicaraid Prime

Dakar 2021: il premio Fair play al team Orobicaraid

Hanno aiutato gli avversari diretti che si erano capotati su una duna e hanno perso molto tempo: Giulio Verzelletti, poi, ha dovuto chiedere l'intervento dell'elisoccorso a causa di una violenta colica renale, ma l'Unimog con Giuseppe Fortuna a Marino Mutti è arrivato al traguardo, dove il direttore di corsa, Castera, gli ha consegnato il premio Fair Play per aver interpretato al meglio lo spirito della corsa. E non sono stati nemmeno usclusi dalla classifica.

Dakar
16 gen 2021