Dakar, Bianchi difende la Honda: "Non abbiamo provato a fare i furbi"

Il grande capo dello squadrone HRC non dice se ritiene giusta o meno la penalità di un'ora che è costata la vittoria a Barreda, ma spiega che si è trattato di un'incomprensione al briefing. Per il resto elogia il suo team e i suoi piloti.

Dakar, Bianchi difende la Honda: "Non abbiamo provato a fare i furbi"
#17 Monster Energy Honda Team: Paulo Goncalves, #11 Monster Energy Honda Team: Joan Barreda
#17 Monster Energy Honda Team: Paulo Goncalves
Paulo Goncalves, Monster Energy Honda Team
#11 Monster Energy Honda Team: Joan Barreda
#11 Monster Energy Honda Team: Joan Barreda
#11 Monster Energy Honda Team: Joan Barreda
#9 Monster Energy Honda Team: Ricky Brabec
#9 Monster Energy Honda Team: Ricky Brabec
#9 Monster Energy Honda Team: Ricky Brabec
Michael Metge, Monster Energy Honda Team
#15 Monster Energy Honda Team: Michael Metge
#11 Monster Energy Honda Team: Joan Barreda
#11 Monster Energy Honda Team: Joan Barreda
#17 Monster Energy Honda Team: Paulo Goncalves
#17 Monster Energy Honda Team: Paulo Goncalves
#17 Monster Energy Honda Team: Paulo Goncalves
#9 Monster Energy Honda Team: Ricky Brabec

Honda HRC Rally si ritrova per una grande cena alla fine della 39esima edizione della Dakar. Una gara che lascerà grossi strascichi per decisioni prese dalla direzione gara, in collaborazione con ASO, che hanno falsato moltissimo purtroppo la classifica.

Honda ha sicuramente commesso una leggerezza, ma la cosa non è stata gestita in maniera professionale dalla giuria e dalla direzione gara e non esiste nessun articolo che spieghi con esattezza cosa si può e non si può fare nel corso di una neutralizzazione, e ancora meno esiste una lista di penalità in cui rientri questo "delitto".

Se la pena sia un'ora, o tre, o dieci, non lo sa nessuno. Tutto viene applicato in modo arbitrario dalla giuria che non è tenuta a darne avviso al colpevole o al penalizzato. Difficile quindi appellarsi quando non esiste neanche un pezzo di carta a cui far riferimento, o un articolo contro il quale far ricorso, o una decisione di giuria scritta da impugnare.

Ma è arrivata l'ora di gettarsi tutto alle spalle e di guardare avanti, perchè ormai se il reclamo andrà avanti, a gara ormai finita, sarà solo a livello legale. Con il General Manager, Martino Bianchi, invece, è ora di parlare di bilanci e di programmi.

Prima di tutto, al di là di quello che è accaduto, ti è piaciuta questa gara?
"Su 12 tappe ne abbiamo fatte, reali, nove perchè due sono state cancellate e due sono state tagliate per metà, e quindi il totale fa tre tappe in meno. E già 12 erano meno del solito, visto che negli ultimi anni la gara si è svolta su 13, o 14 tappe. Il fattore meteo è stato micidiale, non si può andare in Bolivia sapendo già che prenderemo un sacco di pioggia e troveremo tanta acqua sul terreno. Personalmente la gara non mi è piaciuta, chilometri e chilometri di trasferimento...Mi chiedo, ma che senso ha che i piloti facciano tanti chilometri di asfalto per poi fare delle speciali corte?".

Il lavoro di Marc Coma, la direzione che ha intrapreso, ti piace?
"Coma ha fatto un buon lavoro, perchè c'è da dire che alcune tappe erano molto complicate, diciamo almeno 4 su 12, anche se all'inizio sulla carta erano almeno 6 su 12 poi sono state tolte la marathon intera, la Belen-Belen, la sesta tappa...Il cambiamento nella navigazione con l'avvento dei WPC mi piace, è stata una bella idea. E' interessante, oggi si naviga di più. E funziona l'idea perchè in una delle tappe in cui si navigava il nostro Joan Barreda ha dato venti minuti al secondo, e in un'altra tappa gliene ha dati altri 20".

Quindi la squadra ha fatto un bel lavoro?
"Noi abbiamo fatto una bella gara, la moto è perfetta, è diventata affidabile e non abbiamo avuto un solo problema: l'unico ritiro è stato quello di Ricky Brabec che è caduto, ha bucato il radiatore, ha perso tutta l'acqua e ha fatto tutta la tappa senz'acqua, bruciando il motore alla fine. I piloti sono cresciuti tantissimo perchè se si guardano i tempi delle speciali e si fa la somma oggi i piloti Honda sarebbero primo, secondo, quarto e sesto e dalla tappa di riposo in poi abbiamo vinto quasi tutte le speciali, dimostrando che non avevamo mollato. Poi sicuramente la squadra che era ripartita a maggio, da zero... deve ancora crescere molto".

E a questo punto apriamo il capitolo penalità...
"A chi dice che nella quarta tappa abbiamo voluto fare i furbi e imbrogliare, voglio rispondere chiaramente che non è vero. Noi abbiamo interpretato male il briefing della sera prima e abbiamo pensato che ci fosse un refueling alla neutralizzazione. Non si deve pensare che Honda abbia voluto imbrogliare, partire più leggera e correre con meno litri nel serbatoio nella prima parte della speciale, questo ci tengo a dirlo. Ho letto articoli in cui si dice 'Honda cheating..' che significa Honda fedifraga, imbrogliona, perchè volevamo stare più leggeri e fare benzina dopo, ma non è così. Al CP1 dove c'era la benzina fornita a tutte le moto i nostri piloti hanno messo quei litri che ritenevano necessari per arrivare".

Parliamo a questo punto di futuro...
"Il futuro prevede un buono sviluppo della moto, ma poco perchè va già benissimo. Nakamoto, il boss Honda, ha detto che bisogna investire ma non in modo eccessivo, mentre investiremo di più nella struttura, nella squadra, per potenziarla, e faremo il Mondiale FIM probabilmente con Benavides e Goncalves, sperando che Kevin sistemi il polso. Metteremo a punto quelle cosine che non sono andate bene, la logistica, la struttura appunto. Piccoli miglioramenti, siamo giovani e dobbiamo mettere a posto un po' di cose".

Barreda cosa farà?
"Barreda ha un suo programma, perchè lui è come un cavallo di razza, a cui vanno tenute le briglie corte per tutto l'anno per poi lasciarlo libero sulla Dakar, quindi farà alcune gare, come nel 2016, tipo Baja Aragon, Vegas to Reno, magari ancora la Cina che è servita molto per far pratica nella navigazione".

Quindi sono confermati tutti i piloti?
"Non lo so dire adesso. Sicuramente Goncalves, Benavides e Barreda sì, ci piacciono molto Brabec e Michael Metge quindi parleremo ancora con loro per vedere. Il team è abbastanza consolidato su questi cinque piloti che hanno fatto vedere che c'era una bella amalgama. I meccanici sono stati spettacolari, hanno fatto un lavoro incredibile, ma tutta la squadra in effetti ha fatto un lavoro incredibile. E' stata una Dakar dura, per l'assistenza forse più dei piloti, perchè è stata massacrante. Ci sono stati giorni in cui si è guidato per 12 ore, per poi dormire 4 ore e poi guidare ancora 12 ore al giorno, durissima. Ma noi andiamo avanti!"

condivisioni
commenti
Dakar: Hirvonen crede che avrebbe meritato un risultato migliore
Articolo precedente

Dakar: Hirvonen crede che avrebbe meritato un risultato migliore

Prossimo Articolo

Dakar, Famin: "Non capita tutti i giorni di fare una tripletta!"

Dakar, Famin: "Non capita tutti i giorni di fare una tripletta!"
Carica commenti
Dakar: Audi, la RS Q e-tron cerca nuove vie di sviluppo elettrico Prime

Dakar: Audi, la RS Q e-tron cerca nuove vie di sviluppo elettrico

Audi ha svelato la RS Q e-tron, arma elettrica con cui andrà alla caccia della vittoria alla Dakar. La Caa dei 4 anelli punta davvero sulla propulsione elettrica, tanto da puntare forte su strumenti che altre categorie hanno reso standard e plafonate.

Dakar
25 lug 2021
Paradosso Formula E: chi vuole sviluppare l'elettrico se ne va Prime

Paradosso Formula E: chi vuole sviluppare l'elettrico se ne va

L'addio di Audi per abbracciare una categoria che permetta di sviluppare l'auto e la tecnologia elettrica da zero è un campanello d'allarme preoccupante. E ora anche la Extreme E propone innovazioni che vanno oltre quelle in uso dalla Formula E.

Dakar
9 apr 2021
Motorsport senza età: dieci Over 50 ancora vincenti e Campioni Prime

Motorsport senza età: dieci Over 50 ancora vincenti e Campioni

Il bello del motorsport è che spesso si rivela senza età! Fra i tanti veterani del panorama internazionale, ne abbiamo scelti dieci Over50 che ancora riescono a vincere gare e titoli. Ecco i loro nomi e profili in ordine anagrafico.

WTCR
24 mar 2021
Elena, molto più di un copilota. Ecco cosa perde Loeb Prime

Elena, molto più di un copilota. Ecco cosa perde Loeb

Loeb, convinto da Prodrive, ha annunciato che non correrà più alla Dakar con lo storico navigatore Elena perché considerato il problema dopo la deludente edizione 2021. Analizziamo cosa perderà certamente il "Cannibale" senza avere accanto Elena dopo 23 anni di sodalizio.

WRC
17 mar 2021
Dakar: KTM sconfitta, ma non con le ossa rotte (tranne Price) Prime

Dakar: KTM sconfitta, ma non con le ossa rotte (tranne Price)

La Casa di Mattighofen ha incassato la seconda sconfitta consecutiva, ma nonostante il ko del suo uomo di punta Toby Price ed una Honda capace di vincere 10 speciali su 13, è rimasta in lizza per il successo finale fino all'ultima tappa con Sam Sunderland.

Dakar
20 gen 2021
Dakar: Husqvarna e Yamaha, che delusioni! Prime

Dakar: Husqvarna e Yamaha, che delusioni!

Questi sono gli altri due marchi che si presentavano al via della Dakar 2021 con ambizioni importanti, ma solamente Pablo Quintanilla ha visto il traguardo, con un settimo posto molto distante dal secondo dello scorso anno. Scopriamo insieme cosa è successo.

Dakar
19 gen 2021
Dakar Camion: scopriamo qual è il vero segreto Kamaz Prime

Dakar Camion: scopriamo qual è il vero segreto Kamaz

Andiamo a scoprire come mai la Kamaz ha collezionato la 18esima vittoria alla Dakar, festeggiando anche una storica tripletta che non si ripeteva dal 2015. Non c'è solo una superiorità tecnica dei camion 43509, ma c'è un'intera città, Naberezhnye Chelny, nata e cresciuta intorno alla fabbrica, che vive per imporsi nel Rally Raid più famoso. C'è una scuola karting che forma i futuri piloti e li alleva con mezzi OTK forniti da Alonso. E, inoltre...

Dakar
17 gen 2021
Dakar 2021: il premio Fair play al team Orobicaraid Prime

Dakar 2021: il premio Fair play al team Orobicaraid

Hanno aiutato gli avversari diretti che si erano capotati su una duna e hanno perso molto tempo: Giulio Verzelletti, poi, ha dovuto chiedere l'intervento dell'elisoccorso a causa di una violenta colica renale, ma l'Unimog con Giuseppe Fortuna a Marino Mutti è arrivato al traguardo, dove il direttore di corsa, Castera, gli ha consegnato il premio Fair Play per aver interpretato al meglio lo spirito della corsa. E non sono stati nemmeno usclusi dalla classifica.

Dakar
16 gen 2021