Dakar 2018: Moto
Topic

Dakar 2018: Moto

Dakar, timore Barreda: "Proverò a curare il ginocchio, altrimenti..."

condivisioni
commenti
Dakar, timore Barreda:
Sergio Lillo
Di: Sergio Lillo
Tradotto da: Francesco Corghi
13 gen 2018, 19:47

Il pilota spagnolo è caduto nella settima tappa della Dakar verso Uyuni sbattendo violentemente il ginocchio destro; al momento non esclude di poter continuare, ma tutto sarà da valutare dopo i controlli medici...

#5 Monster Energy Honda Team Honda: Joan Barreda
#5 Monster Energy Honda Team Honda: Joan Barreda
#5 Monster Energy Honda Team Honda: Joan Barreda
#5 Monster Energy Honda Team Honda: Joan Barreda
#5 Monster Energy Honda Team Honda: Joan Barreda
#5 Monster Energy Honda Team Honda: Joan Barreda
#5 Monster Energy Honda Team Honda: Joan Barreda
#5 Monster Energy Honda Team Honda: Joan Barreda
#5 Monster Energy Honda Team Honda: Joan Barreda
#5 Monster Energy Honda Team Honda: Joan Barreda

Joan Barreda è sceso dalla moto zoppicando non appena è giunto al parco chiuso della Tappa Marathon di oggi della Dakar. In faccia mostrava segni tangibili di sofferenza e dolore mentre si avviava verso il centro medico del bivacco di Uyuni, dove i medici lo hanno iniziato a visitare.

Nelle prossime ore si valuteranno meglio le sue condizioni, dunque al momento non si può affermare con certezza se potrà continuare o meno l'evento.

Una delle vittorie più amare, quindi, per Barreda, il quale ha preceduto al traguardo per 2'51" Adrien
Van Beveren, il nuovo leader della categoria, nonostante la brutta caduta in una curva a sinistra con scarsa visibilità arrivati circa al km 300 dei 425 della Speciale di sabato.

"Sono un po' scocciato, avevamo fatto un buon lavoro, ma in un punto con pozze d'acqua piuttosto grandi sono caduto e la moto mi è franata addosso - racconta il concorrente sdraiato sulla barella del centro medico - In un primo momento non sono nemmeno riuscito a rialzarmi e ho avvertito malessere, la gamba non si muoveva".

"Ho impiegato minuti per rialzarmi, poi mi sono tranquillizzato e ho ricominciato con il mio ritmo, ma in un paio di successive curve non riuscivo ad appoggiare nemmeno la gamba, il ginocchio era instabile; praticamente mi sono dovuto buttare per terra".

Alla domanda sui primi riscontri medici, ecco la risposta di Joan: "Nemmeno loro sono riusciti ad essere precisi, hanno notato che c'è versamento e il legamento esterno è instabile. Ora faranno un'altra radiografia, ma non so se ne sapranno molto di più sull'entità dell'infortunio. Vedrò come sto, se si riuscirà a stabilizzare l'articolazione con delle bende allora domani potrò provare a correre. Tenterò".

Barreda non esclude nulla, ma molto dipenderà da come si metteranno le cose nelle prossime ore.

"Vedremo, la verità è che nella seconda parte sono stato piuttosto veloce e ho concluso con un buon tempo, ma appena arrivato al parco chiuso non riuscivo ad appoggiare la gamba ed è stato un momento molto duro. Se migliora e me la sentirò andrò avanti, altrimenti..."

Prossimo articolo Dakar
Dakar, sospiro Benavides: "Tappa durissima, ma ho perso meno del previsto"

Previous article

Dakar, sospiro Benavides: "Tappa durissima, ma ho perso meno del previsto"

Next article

Dakar, leadership da sogno per Van Beveren: "Vivo un momento incredibile"

Dakar, leadership da sogno per Van Beveren: "Vivo un momento incredibile"

Su questo articolo

Serie Dakar
Evento Dakar
Sotto-evento Stage 7: La Paz - Uyuni
Piloti Joan Barreda
Autore Sergio Lillo
Tipo di articolo Intervista