Dakar 2019: Moto
Topic

Dakar 2019: Moto

Dakar, Barreda: "Ora ho una grande sensazione di controllo, di poter anticipare quello che succederà"

Joan Barreda ha iniziato la Dakar 2019 con stile, ma ha già messo le mani avanti, dicendo che bisognerà fare grande attenzione alle tappe lunghe che arriveranno nei prossimi giorni.

Dakar, Barreda: "Ora ho una grande sensazione di controllo, di poter anticipare quello che succederà"
#5 Monster Energy Honda: Joan Barreda Bort
#5 Monster Energy Honda Team Honda: Joan Barreda
#5 Monster Energy Honda Team Honda: Joan Barreda
#5 Monster Energy Honda Team Honda: Joan Barreda
#5 Monster Energy Honda Team Honda: Joan Barreda
Joan Barreda, Monster Energy Honda Team
#5 Monster Energy Honda Team Honda: Joan Barreda

Joan Barreda quest'anno è arrivato alla Dakar nelle condizioni ideali: allenato, senza infortuni e senza dolore. Nonostante la sua caduta al Rally di Acatama ad agosto, il pilota di Torreblanca è al top della forma e lunedì ha iniziato l'edizione 2019 imponendosi in una tappa che è stata meno semplice di quello che sembrava sulla carta.

"E' stato molto difficile mantenere la visione sul roadbook, perché c'erano molte linee e alla si andava molto forte, cercando però di confermare i WP e di evitare i pericoli. C'era un po' di tutto: una zona di dune, una più veloce, dune con poca visibilità, cambi di pendenza, poi anche zone con le pietre" ha commentato Barreda al bivacco.

"Sono felice di iniziare...Era una tappa corta, però erano tutti veloci. Davanti a me è partito Quintanilla e non sono riuscito a prenderlo, quindi ho tirato per tutto il tempo, ma senza sbagliare. All'inizio è sempre difficile trovare il ritmo, ma dal ventesimo chilometro ho iniziato a migliorare. E' un buon risultato, ma ora dobbiamo iniziare a pensare alle tappe lunghe, che cambiano un po' il modo di correre" ha avvertito lo spagnolo.

Barreda ha chiarito che questa vittoria di tappa, che lo pone a solo due successi di distanza dal terzo posto di tutti i tempi di Marc Coma, non è più importante degli altri, perché Quintanilla è solo a 1'34" e Ricky Brabec a 2'52".

"Iniziare con una buona giornata è positivo, ma è finita lì. Nella seconda tappa si riparte da zero, perché manca ancora troppo alla fine. Pensiamo alle strategie per le tappe più lunghe, perché è lì che bisogna dare delle risposte" ha aggiunto.

"Nella seconda tappa saremo già in deserto aperto, su una vasta area, con molti chilometri di speciale. Avremo lunghi tratti di dune e ci sarà anche qualche ostacolo. Cercheremo di fare un buon lavoro in questa Dakar, che sarà aperta per diversi giorni".

Il secondo giorno di gara, da Pisco a San Juan de Marcona, vedrà le moto scattare dopo le auto. Barreda, dunque, aprirà il gruppo, ma sulle tracce già segnate dalle auto.

"Non è facile, perché da un lato hai un riferimento con le tracce delle auto, ma a volte ti possono portare a sbagliare, perché facciamo linee diverse. Per questo bisogna mantenere la concentrazione molto alta, anche perché sarà una giornata con un ritmo importante".

"L'anno scorso non avrei dovuto correre, ma l'ho fatto perché sono così. Con due ossa rotte, è complicato. Ora fisicamente sto bene, sono concentrato ed ho un senso di controllo delle cose, mi sembra di poter anticipare tutto quello che può accadere. Tuttavia, anche così, dobbiamo essere cauti perché in questi giorni ci saranno situazioni difficili ed è qui che devono essere prese le decisioni".

condivisioni
commenti
Dakar, Cerutti guida la pattuglia tricolore: "Mi hanno dato un'ora per errore, ma sono 30°"

Articolo precedente

Dakar, Cerutti guida la pattuglia tricolore: "Mi hanno dato un'ora per errore, ma sono 30°"

Prossimo Articolo

Dakar, Sara Garcia: "Sono la prima donna che punta alla categoria 'Original by Motul'"

Dakar, Sara Garcia: "Sono la prima donna che punta alla categoria 'Original by Motul'"
Carica commenti
Paradosso Formula E: chi vuole sviluppare l'elettrico se ne va Prime

Paradosso Formula E: chi vuole sviluppare l'elettrico se ne va

L'addio di Audi per abbracciare una categoria che permetta di sviluppare l'auto e la tecnologia elettrica da zero è un campanello d'allarme preoccupante. E ora anche la Extreme E propone innovazioni che vanno oltre quelle in uso dalla Formula E.

Dakar
9 apr 2021
Motorsport senza età: dieci Over 50 ancora vincenti e Campioni Prime

Motorsport senza età: dieci Over 50 ancora vincenti e Campioni

Il bello del motorsport è che spesso si rivela senza età! Fra i tanti veterani del panorama internazionale, ne abbiamo scelti dieci Over50 che ancora riescono a vincere gare e titoli. Ecco i loro nomi e profili in ordine anagrafico.

WTCR
24 mar 2021
Elena, molto più di un copilota. Ecco cosa perde Loeb Prime

Elena, molto più di un copilota. Ecco cosa perde Loeb

Loeb, convinto da Prodrive, ha annunciato che non correrà più alla Dakar con lo storico navigatore Elena perché considerato il problema dopo la deludente edizione 2021. Analizziamo cosa perderà certamente il "Cannibale" senza avere accanto Elena dopo 23 anni di sodalizio.

WRC
17 mar 2021
Dakar: KTM sconfitta, ma non con le ossa rotte (tranne Price) Prime

Dakar: KTM sconfitta, ma non con le ossa rotte (tranne Price)

La Casa di Mattighofen ha incassato la seconda sconfitta consecutiva, ma nonostante il ko del suo uomo di punta Toby Price ed una Honda capace di vincere 10 speciali su 13, è rimasta in lizza per il successo finale fino all'ultima tappa con Sam Sunderland.

Dakar
20 gen 2021
Dakar: Husqvarna e Yamaha, che delusioni! Prime

Dakar: Husqvarna e Yamaha, che delusioni!

Questi sono gli altri due marchi che si presentavano al via della Dakar 2021 con ambizioni importanti, ma solamente Pablo Quintanilla ha visto il traguardo, con un settimo posto molto distante dal secondo dello scorso anno. Scopriamo insieme cosa è successo.

Dakar
19 gen 2021
Dakar Camion: scopriamo qual è il vero segreto Kamaz Prime

Dakar Camion: scopriamo qual è il vero segreto Kamaz

Andiamo a scoprire come mai la Kamaz ha collezionato la 18esima vittoria alla Dakar, festeggiando anche una storica tripletta che non si ripeteva dal 2015. Non c'è solo una superiorità tecnica dei camion 43509, ma c'è un'intera città, Naberezhnye Chelny, nata e cresciuta intorno alla fabbrica, che vive per imporsi nel Rally Raid più famoso. C'è una scuola karting che forma i futuri piloti e li alleva con mezzi OTK forniti da Alonso. E, inoltre...

Dakar
17 gen 2021
Dakar 2021: il premio Fair play al team Orobicaraid Prime

Dakar 2021: il premio Fair play al team Orobicaraid

Hanno aiutato gli avversari diretti che si erano capotati su una duna e hanno perso molto tempo: Giulio Verzelletti, poi, ha dovuto chiedere l'intervento dell'elisoccorso a causa di una violenta colica renale, ma l'Unimog con Giuseppe Fortuna a Marino Mutti è arrivato al traguardo, dove il direttore di corsa, Castera, gli ha consegnato il premio Fair Play per aver interpretato al meglio lo spirito della corsa. E non sono stati nemmeno usclusi dalla classifica.

Dakar
16 gen 2021
Dakar, Auto: Peterhasel ha battuto Al-Attiyah con la pazienza Prime

Dakar, Auto: Peterhasel ha battuto Al-Attiyah con la pazienza

Terminata la 43esima edizione della Dakar 2021, andiamo ad analizzare quanto accaduto nella categoria Auto che ha visto prevalere Stéphane Peterhansel (MINI) dopo un bel duello con Nasser Al-Attiyah (Toyota).

Dakar
16 gen 2021