Dakar, Auto, Tappa 7: vince Sainz, Loeb torna in testa

Doppietta Peugeot con Al-Attiyah terzo e Peterhansel quarto attardato di 3'27". Un morto nel pubblico

Due Peugeot in fuga, con la Mini di Nasser Al-Attiyah all’inseguimento, ma debitamente staccata. Questo è ormai il solito copione che contraddistingue la 38esima edizione della Dakar che ha visto svanire nel finale la quarta tripletta di fila delle 2008 DKR nella settima tappa, ma non ha impedito alla Casa del Leone di cogliere la sesta vittoria di fila nella giornata che ha portato gli equipaggi a Salta, nuovamente in Argentina, dopo una speciale di 336 km divisa in due tronconi da un trasferimento. A differenza dei motociclisti che sono stati fermati al via del secondo tratto cronometrato per un violento temporale che ha gonfiato un guado oltre i limiti di sicurezza, le auto sono riuscite a proseguire dopo una neutralizzazione.

La corsa delle auto è stata funestata dalla morte di uno spettatore di 63 anni travolto dalla Mitsubishi Lancer del francese Baud che ha perso il controllo del suo mezzo dopo 82 km di speciale, quando la carovana era ancora in territorio boliviano. Inutile ogni tentativo di salvare l’uomo che sarebbe morto sul colpo nonostante i tentativi di rianimarlo da parte dell’equipe medica degli organizzatori.

La novità di giornata è che a imporsi è stato Carlos Sainz davanti a Sebastien Loeb: lo spagnolo si è aggiudicato la prima speciale al volante della Peugeot e, come ogni giorno, rosicchia qualche secondo al leader della corsa per tornare in lizza per il successo finale. Il “matador” vuole cancellare la sfortuna delle prime battute quando ha pagato 13 minuti per un problema elettronico al turbo, facendolo scivolare fino al 14esimo posto. Poi una rimonta entusiasmante per l’iberico di 53 anni che oggi si è messo davanti a tutti, per ribadire che c’è anche lui nella partita a 4'50".

Va ricordato che la supremazia di Stephane Peterhansel è durata solo una tappa, dal momento che Sebastien Loeb, ieri bersagliato da due forature e da un serio problema all’acceleratore che si era bloccato (il francese rallentava togliendo elettricità al motore!), ha subito voluto riprendere le redini della corsa, arrivando alla giornata di riposo, alla conclusione della prima settimana di gara, con lo scettro in mano e un vantaggio di 2’22”. Questa volta è toccato all’undici volte vincitore della Dakar patire i guai al turbo con un aumento della temperatura dell’olio che lo ha consigliato a rallentare nell’ultimo tratto, pagando un distacco da Carlos Sainz di 3’27”.

Il transalpino è stato beffato proprio sul traguardo da Nasser Al-Attiyah che ha arpionato il terzo posto di tappa: il principe del Qatar non si vuole arrendere allo strapotere delle Peugeot ed è disposto a mangiare la loro polvere per stare attaccato al gruppo di testa con la Mini All4 Racing del team X Raid.

Al quinto posto nella speciale si segnala Mikko Hirvonen con la Mini che ha preceduto Cyril Despres di nuovo nella condizione di dare il meglio con la quarta 2008 DKR: il finlandese si è ripreso il quinto posto, scavalcando la Toyota di Giniel De Villiers: il sudafricano apre un gruppetto di Hilux con Poulter, Alrajhi e Vasilyev nell’ordine.

DAKAR RALLY – Tappa 7 /09/01/2016
Classifica generale auto (primi dieci)
1. Peterhansel – Cottret - Peugeot 2008 DKR – in 21.46’28”;
2. Loeb – Elena - Peugeot 2008 DKR – +2’22”;
3. Sainz – Cruz – Peugeot 2008 DKR – +4’50”;
4. Al-Attiyah – Baumel - Mini All4 Racing - +17’36”;
5. Hirvonen – Perin - Mini All4 Racing - +32’53”;
6. De Villiers – Von Zitzewitz – Toyota Hilux - +33’41”;
7. Poulter – Howie – Toyota Hilux - +40’19”;
8. Alrajhi – Gottschalk – Toyota - +42’51”;
9. Vasilyev – Zhiltsov – Toyota Hilux - +53’46”;
10. Van Loon – Rosegaar – Mini All4 Racing - +1.17”41”;

Scrivi un commento
Mostra commenti
A proposito di questo articolo
Campionati Dakar
Evento Dakar
Piloti Carlos Sainz , Sébastien Loeb , Stéphane Peterhansel
Team Peugeot Sport , X-Raid Team
Articolo di tipo Tappa
Tag auto, dakar, peugeot