Dakar, Auto, Tappa 3: Sainz svetta ed è il nuovo leader!

Il madrileno della MINI vince la tappa e supera Orlando Terranova. Ora in testa alla classifica generale c'è lui. Ottimo quinto posto per Alonso.

Dakar, Auto, Tappa 3: Sainz svetta ed è il nuovo leader!

Dopo la vittoria Toyota firmata ieri da Giniel De Villiers, MINI torna al successo nella terza tappa della Dakar 2020, la prima ad anello, che ha visto i protagonisti del Rally Raid partire ed arrivare a Neom. Carlos Sainz è stato il migliore a interpretare una tappa davvero insidiosa, tanto da riscrivere ancora una volta la classifica generale.

l madrileno del team MINI X-Raid ha sfruttato la vittoria di tappa - prova in cui Carlos ha quasi sempre comandato le operazioni nei momenti salienti - per issarsi davanti a tutti, facendo anche meglio di un ottimo Nasser Al-Attiyah, colpito nelle prime due prove da ben 6 forature complessive, 3 per giornata.

Ed è proprio il qatariota del team Toyota Gazoo Racing il primo inseguitore di Sainz sia nella tappa che nella classifica generale. Oggi l'ex iridato WRC2 ha accumulato un ritardo di 3'31 da Sainz, elevando così il suo gap dalla vetta della generale ora quantificabile in 4'55". Un nulla.

MINI può sorridere anche grazie a un privato, il polacco Jakub "Kuba" Przygonski, il quale era partito con grandi aspettative in questa edizione della Dakar ma che dopo pochi minuti di gara è stato costretto a rivalutare. Sebbene sia molto distante dai migliori, il polacco è stato autore di una prova di sostanza che lo ha portto a chiudere al terzo posto davanti al saudita Yasir Seaidan, del Race World Team (MINI JCW 4x4).

Leggi anche:

Arriva il primo acuto per Fernando Alonso, bravissimo a riprendersi dalla giornata nera di ieri che lo ha tolto di mezzo dai piani alti della classifica generale. Oggi l'asturiano del team Toyota Gazoo Racing è stato esemplare, bravo in ogni situazione, tanto da recuperare subito posizioni e chiudere meritatamente in Top 5 a 6'14" da Sainz e davanti a un pilota navigato come Yazeed Al-Rajhi (Overdrive Toyota team), ora addirittura quarto nella classifica generale.

Stéphane Peterhansel è stato a lungo in lotta per le prime posizioni, ma negli ultimi 2 Waypont ha perso tanti minuti, arrivando al traguardo dovendosi accontentare di un settimo posto insipido rispetto alle aspettative di inizio tappa. Il pluri-campione della Dakar si trova ora in quinta piazza, staccato di 19 minuti dal compagno di squadra Carlos Sainz.

I due protagonisti di ieri, Orlando Terranova e Giniel De Villiers, non sono riusciti a ripetere le grandi prestazioni di ieri. Il pilota argentino ha perso la leadership della corsa dopo aver chiuso ottavo nella tappa di oggi a oltre 16 minuti da Sainz, mentre De Villiers - vincitore della seconda tappa - oggi non è andato oltre il nono posto davanti a Bernhard Ten Brinke. Da segnalare inoltre le prestazioni opache di Mathieu Serradori - sebbene rimanga nelle zone nobili della classifica - e di Vaidotas Zala, vincitore della prima tappa di questa Dakar.

 

La gara perde uno dei suoi protagonisti, Khalid Al Qassimi, per un incidente avvenuto al chilometro 298. Il pilota emiratino ha commesso un errore finendo per capottare più volte la Peugeot 3008DKR privata, gesita dl team PH Sport. Lui e il suo navigatore Xavier Panseri sono usciti incolumi dalla carambola, da cui la vettura è uscita distrutta, ma sono stati poi portati al bivacco per essere visitati dal team medico della Dakar in modo tale da scongiurare ogni tipo di lesione. E' stato costretto al ritiro anche Vladimir Vasilyev. Al chilometro 284 la MINI del russo ha preso fuoco, costringendolo al ritiro immediato dalla competizione. Un vero peccato per lui, perché al momento del ritiro occupava la nona piazza provvisoria di speciale.

Dakar - Classifica generale dopo la Tappa 3

Pos. Pilota/navigatore Vettura Tempo/distacco Penalità
1 Sainz/Cruz MINI 11h00'20”  
2 Al-Attiyah/Baumel Toyota +4'55"  
3 Terranova/Graue MINI +8'09"  
4 Al Rajhi/Zhiltsov Toyota +18"58 +2'00"
5 Peterhansel/Fiuza MINI +19'00"  
6 Serradori/Lurquin Century +20"56 +2'00"
7 De Villiers/Haro Bravo Toyota +23'42"  
8 Ten Brinke/Colsoul Toyota +33'23"  
9 Prokop/Chytka Ford +48'05"  
10 Zala/Jurgelenas MINI +59'59"  

condivisioni
commenti
Dakar, Moto, Tappa 3: Brabec rilancia l'armata Honda

Articolo precedente

Dakar, Moto, Tappa 3: Brabec rilancia l'armata Honda

Prossimo Articolo

Dakar, Quad, Tappa 3: zampata di Enrico, Casale resta leader

Dakar, Quad, Tappa 3: zampata di Enrico, Casale resta leader
Carica commenti
Paradosso Formula E: chi vuole sviluppare l'elettrico se ne va Prime

Paradosso Formula E: chi vuole sviluppare l'elettrico se ne va

L'addio di Audi per abbracciare una categoria che permetta di sviluppare l'auto e la tecnologia elettrica da zero è un campanello d'allarme preoccupante. E ora anche la Extreme E propone innovazioni che vanno oltre quelle in uso dalla Formula E.

Dakar
9 apr 2021
Motorsport senza età: dieci Over 50 ancora vincenti e Campioni Prime

Motorsport senza età: dieci Over 50 ancora vincenti e Campioni

Il bello del motorsport è che spesso si rivela senza età! Fra i tanti veterani del panorama internazionale, ne abbiamo scelti dieci Over50 che ancora riescono a vincere gare e titoli. Ecco i loro nomi e profili in ordine anagrafico.

WTCR
24 mar 2021
Elena, molto più di un copilota. Ecco cosa perde Loeb Prime

Elena, molto più di un copilota. Ecco cosa perde Loeb

Loeb, convinto da Prodrive, ha annunciato che non correrà più alla Dakar con lo storico navigatore Elena perché considerato il problema dopo la deludente edizione 2021. Analizziamo cosa perderà certamente il "Cannibale" senza avere accanto Elena dopo 23 anni di sodalizio.

WRC
17 mar 2021
Dakar: KTM sconfitta, ma non con le ossa rotte (tranne Price) Prime

Dakar: KTM sconfitta, ma non con le ossa rotte (tranne Price)

La Casa di Mattighofen ha incassato la seconda sconfitta consecutiva, ma nonostante il ko del suo uomo di punta Toby Price ed una Honda capace di vincere 10 speciali su 13, è rimasta in lizza per il successo finale fino all'ultima tappa con Sam Sunderland.

Dakar
20 gen 2021
Dakar: Husqvarna e Yamaha, che delusioni! Prime

Dakar: Husqvarna e Yamaha, che delusioni!

Questi sono gli altri due marchi che si presentavano al via della Dakar 2021 con ambizioni importanti, ma solamente Pablo Quintanilla ha visto il traguardo, con un settimo posto molto distante dal secondo dello scorso anno. Scopriamo insieme cosa è successo.

Dakar
19 gen 2021
Dakar Camion: scopriamo qual è il vero segreto Kamaz Prime

Dakar Camion: scopriamo qual è il vero segreto Kamaz

Andiamo a scoprire come mai la Kamaz ha collezionato la 18esima vittoria alla Dakar, festeggiando anche una storica tripletta che non si ripeteva dal 2015. Non c'è solo una superiorità tecnica dei camion 43509, ma c'è un'intera città, Naberezhnye Chelny, nata e cresciuta intorno alla fabbrica, che vive per imporsi nel Rally Raid più famoso. C'è una scuola karting che forma i futuri piloti e li alleva con mezzi OTK forniti da Alonso. E, inoltre...

Dakar
17 gen 2021
Dakar 2021: il premio Fair play al team Orobicaraid Prime

Dakar 2021: il premio Fair play al team Orobicaraid

Hanno aiutato gli avversari diretti che si erano capotati su una duna e hanno perso molto tempo: Giulio Verzelletti, poi, ha dovuto chiedere l'intervento dell'elisoccorso a causa di una violenta colica renale, ma l'Unimog con Giuseppe Fortuna a Marino Mutti è arrivato al traguardo, dove il direttore di corsa, Castera, gli ha consegnato il premio Fair Play per aver interpretato al meglio lo spirito della corsa. E non sono stati nemmeno usclusi dalla classifica.

Dakar
16 gen 2021
Dakar, Auto: Peterhasel ha battuto Al-Attiyah con la pazienza Prime

Dakar, Auto: Peterhasel ha battuto Al-Attiyah con la pazienza

Terminata la 43esima edizione della Dakar 2021, andiamo ad analizzare quanto accaduto nella categoria Auto che ha visto prevalere Stéphane Peterhansel (MINI) dopo un bel duello con Nasser Al-Attiyah (Toyota).

Dakar
16 gen 2021