Dakar 2018: Auto
Topic

Dakar 2018: Auto

Dakar, Auto, Tappa 12: svetta ancora Toyota, ma oggi con Al-Attiyah

condivisioni
commenti
Dakar, Auto, Tappa 12: svetta ancora Toyota, ma oggi con Al-Attiyah
Giacomo Rauli
Di: Giacomo Rauli
18 gen 2018, 18:29

Sainz perde 18' dal qatariota e 16' da Peterhansel, ma continua a gestire l'enorme margine di vantaggio sui due rivali quando mancano appena 2 tappe alla fine. Terzo De Villiers.

Con Carlos Sainz ormai impegnato nella gestione del suo vantaggio quando mancano appena 2 tappe alla fine della Dakar 2018, Toyota ha centrato la vittoria anche oggi, nella Tappa 12 che ha portato i piloti da Chilecito a San Juan in una tappa lunga 793 chilometri complessivi (523 di stage, il resto di trasferimento), grazie a un finale eccellente di Nasser Al-Attiyah.

Il pilota qatariota si sta giocando il secondo posto nella classifica generale dedicata alle auto con Stéphane Peterhansel, e non è un caso che oggi i due abbiano occupato la prima e la seconda posizione della classifica. Per Toyota un altro buon risultato, arrivato grazie a un'accelerazione di Al-Attiyah che ha silenziosamente beffato il pilota ufficiale della Peugeot, passato a condurre le operazioni in riapertura di speciale dopo un tratto di trasferimento.

L'obiettivo di Al-Attiyah è quello di artigliare il secondo posto, che ora dista poco più di 20 minuti. L'impresa appare difficile, quasi impossibile considerando il ridotto chilometraggio che separa i protagonisti della gara dal suo termine. Ma abbiamo potuto apprezzare come questa edizione del rally raid sia stata più imprevedibile che mai. E' dunque lecito che Nasser provi sino in fondo a conquistare la piazza d'onore.

Per Peugeot si profila sempre più una doppietta che, a un certo punto di questa manifestazione, sembrava impossibile. Peterhansel potrà gestire il suo vantaggio sull'avversario anche domani, ma senza perdere troppo tempo, perché basterebbe un piccolo inconveniente per rimettere tutto in discussione. E in Peugeot vogliono chiudere l'avventura alla Dakar con vittoria e secondo posto.

Come spesso gli è accaduto in questa Dakar, Giniel De Villiers ha mostrato di avere un'andatura altalenante. Oggi è arrivato un buon picco, con il terzo posto a "soli" 4'33" dal vincitore della tappa, nonché compagno di squadra Al-Attiyah. Il sudafricano è stato autore di una buona rimonta, perché all'inizio della giornata aveva perso qualche posizione di troppo e sembrava davvero arduo rivederlo nella Top 5 a fine giornata, come invece è stato.

Orlando Terranova ha illuso tutti - non solo il suo team, il MINI X-Raid - nella prima parte di gara. Sino alla neutralizzazione dovuta a un tratto di trasferimento, l'argentino sembrava poter essere profeta in patria. Partito fortissimo, è rimasto in prima posizione sino alla ripartenza, poi ha dovuto cedere il passo alle due Toyota Hilux ufficiali e alla Peugeot di Peterhansel, chiudendo alla fine in quarta posizione a quasi 6' dal leader.

Il vincitore della tappa di ieri, Bernhard Ten Brinke, oggi non è riuscito a ripetersi. Si è infatti dovuto accontentare di una quinta piazza ben distante dal risultato ottenuto appena 24 ore fa. Sesta piazza per Mikko Hirvonen, che ha portato in Top 6 il Buggy della MINI. Questo è il risultato migliore del nuovo mezzo preparato dal team X-Raid, anche grazie a una giornata senza particolari intoppi per l'ex pilota di WRC. Bene invece Khalid Al-Qassimi, che con la Peugeot gestita dal team PH Sport continua a siglare tempi molto interessanti. In questa seconda parte della Dakar, il saudita ha aumentato il suo ritmo di gara, entrando costantemente e con merito nei primi a ogni tappa.

Gara regolare e molto tranquilla per Carlos Sainz, anche oggi scortato sino al traguardo dal fido Cyril Despres. Il madrileno ha chiuso la tappa a 18' da Al-Attiyah, consapevole di avere ancora più di un'ora di vantaggio su di lui e 45' sul compagno di squadra Peterhansel, che difficilmente lo attaccherà tra domani e nella giornata conclusiva di sabato. Despres continua invece nel suo lavoro di scudiero, una sorta di angelo custode che segue da vicino Sainz, pronto a intervenire qualora vi fossero situazioni che richiedessero il suo intervento.

Dakar 2018 - Classifica generale dopo la Tappa 12

     PosizionePilota/navigatoreVetturaTempo/distacco
1 Sainz/Cruz Peugeot 3008 DKR 42.24'31”
2 Peterhansel/Cottret Peugeot 3008 DKR +44'41"
3 Al-Attiyah/Baumel Toyota Hilux +1.05'55"
4 Ten Brinke/Perin Toyota Hilux +1.17'21"
5 De Villiers/von Zitzewitz Toyota Hilux +1.26'31"
6 Przygonski/Colsoul MINI John Cooper Works +2.51'02"
7 Al-Qassimi/Panseri Peugeot 3008 DKR +3.20'45
8 Prokop/Tomanek Ford F150 EVO +7.04'26"
9 van Merkensteijn/Marton Toyota Hilux +7.10'59"
10 Halpern/Pulenta Toyota Hilux +9.01'05"
Prossimo articolo Dakar
Dakar: Luca Lorenzato, un meccanico tricolore al servizio di Al-Attiyah

Previous article

Dakar: Luca Lorenzato, un meccanico tricolore al servizio di Al-Attiyah

Next article

Dakar: 13esima tappa accorciata di 55 km per moto e quad

Dakar: 13esima tappa accorciata di 55 km per moto e quad

Su questo articolo

Serie Dakar
Evento Dakar
Sotto-evento Stage 12: Chilecito - San Juan
Autore Giacomo Rauli
Tipo di articolo Tappa