Dakar 2022 | Auto
Topic

Dakar 2022 | Auto

Dakar | Auto, Tappa 1: Al-Attiyah vola. Giornata nera per Audi

Nasser Al-Attiyah domina la Tappa 1 della Dakar 2022 e vola in vetta alla classifica generale davanti a un ottimo Loeb. Terzo un sorprendente Martin Prokop. Per Audi giornata nera: Peterhansel fuori dai giochi per la vittoria. Sainz quasi.

Dakar | Auto, Tappa 1: Al-Attiyah vola. Giornata nera per Audi

La Tappa 1B della 44esima edizione della Dakar rischia già di essere uno snodo fondamentale per quanto riguarda la classifica generale e la lotta alla vittoria della classe Auto. Dopo aver vinto il Prologo nella giornata di ieri, Nasser Al-Attiyah ha colto il secondo successo di tappa.

Il qatariota del team Toyota Gazoo Racing si è imposto anche nella prima, vera tappa della Dakar 2022, la prima ad anello, che ha portato la carovana da Ha'il ad Ha'il, dopo 333 chilometri cronometrati di gara.

Si è trattato di una tappa a dir poco complessa per la navigazione, una tappa di deserto, in cui dal WayPoint posto al 160esimo chilometro è diventato tutto più difficile. L'unica costante di questa tappa è stata, appunto, la Toyota Holux numero 201, quella di Al-Attiyah, il quale ha vinto ancora e ha aperto un gap già considerevole sui principali rivali per la vittoria finale.

Al-Attiyah, partito decimo in prova, non ha avuto esitazioni degne di nota e ha battuto con 12'07" il primo degli inseguitori, l'ottimo Sébastien Loeb, al volante della prima Hunter del team BRX e realizzata da Prodrive.

L'alsaziano è stato autore di una prova regolare e, grazie a un passo più che buono, ha concluso al secondo posto, portendosi così al secondo posto nella classifica generale. Splendido terzo posto per un altro pilota che nel WRC ha corso: Martin Prokop.

Il polacco, al volante della prima Ford Raptor RS Cross Country ha firmato il terzo crono di giornata, staccato però di quasi 9 minuti da Loeb e di 21'21" da Al-Attiyah. Questo mostra quanto il ritmo del pilota della Toyota sia stato insostenibile per tutti, indirizzando la gara in maniera inattesa sin dalla prima tappa.

Se Toyota sorride anche grazie al quarto posto di Lucio Alvarez (Team Orlen) e al settimo di un Giniel De Villiers ancora non al cento per cento dopo aver contratto il COVID-19 nelle scorse settimane, Audi si trova ad affrontare una giornata a dir poco nera.

Al chilometro 153 della prova Stéphane Peterhansel è stato costretto a fermarsi in prova per aver rotto la sospensione posteriore sinistra sulla sua RS Q e-tron dopo un urto contro qualcosa che non è riuscito a individuare. A quel punto "Monsieur Dakar" è stato costretto a rimanere fermo e ad aspettare l'assistenza per cercare di riparare il danno e concludere la prova.

Leggi anche:

Ma non è tutto, perché se Peterhansel è ormai fuori dalla lotta per la vittoria e per il podio sin dalla Tappa 1, potremmo sostenere che anche Carlos Sainz sia nella medesima condizione. Lo spagnolo, già vincitore di tre edizioni della Dakar con 3 vetture differenti, si è perso verso il chilometro 250 della tappa odierna, perdendo oltre 2 ore da Al-Attiyah. Per completare la terribile giornata di Audi, il miglior pilota sarà alla fine Mattias Ekstrom, classificatosi ben fuori dalla Top 10 e con un ritardo da Al-Attiyah pari a un'ora e mezza.

Giornata difficile anche per tanti altri piloti di alta classifica, come Jakub Przygoski. Il polacco del team Orlen, al volante del primo Buggy, è ottavo di tappa ma staccato di quasi 41 minuti dal leader. Stesso discorso per Yazeed Al Rajhi, nono a quasi 43 minuti. Cyril Despres è decimo e chiude la Top 10 davanti alla seconda Hunter del team BRX, quella di Orlando Terranova.

Male Nani Roma (Team BRX), 18esimo a ore un'ora, così come Matthieu Serradori (Century). E' andata ancora peggio al secondo pilota di punta di Toyota Gazoo Racing, Henk Lategan, fermatosi dopo un centinaio di chilometri dal via della tappa per aver perso una ruota sulla sua Hilux ufficiale.

E' bene ricordare che la Dakar è un rally raid lungo, difficile e pieno di insidie, ma Audi ha visto svanire in poche ore quasi tutte le possibilità di centrare un grande risultato alla sua prima apparizione con un'auto, la RS Q e-tron, dalla propulsione elettrica. Per Toyota e Al-Attiyah, si aprono invece scenari difficilmente ipotizzabili alla vigilia: vedremo se il qatariota deciderà di gestire sin dalla prossima tappa o se deciderà di attaccare per prendere margine da subito sul primo dei rivali, Sébastien Loeb.

Light Weight Prototypes: Quintero si ripete, poi Lopez Contardo

Seth Quintero aveva già fatto vedere nel Prologo di ieri di avere l'intenzione di sfoderare il suo passo sin dall'avvio di questa lunga Dakar e oggi ha dato prova di quanto possa fare vincendo la categoria Light Weight Prototypes.

Il pilota del team Red Bull Junior ha fatto il bis nella prima tappa, battendo i due piloti principali del team EKS - South Racing: Francesco Lopez Contardo e Sebastian Eriksson. Il pilota cileno è riuscito a contenere il ritardo da Quintero a poco meno di 2 minuti. Lo svedese, invece, è a oltre 6 minuti dall'americano.

Cristina Gutuerrez-Herrero, dopo essere partita nel migliore dei modi, ha perso diverso tempo a metà tappa, nel tentativo di trovare un WayPoint che ha messo in seria crisi diversi piloti di rilievo in tutte le categorie. La spagnola ha chiuso la tappa al quinto posto.

Interessante la prestazione di Andreas Mikkelsen, all'esordio alla Dakar proprio in questa edizione. Il norvegese, assieme al navigatore Ola Floene, ha colto il settimo tempo, perdendo costantemente terreno a ogni WayPoint, ma ottenendo comunque un buon risultato.

Dakar 2022 - Classifica generale dopo la Tappa 1

Pos. Pilota/navigatore Vettura Tempo/distacco
1 Al-Attiyah/Baumel Toyota Hilux 4X4 3h30'53”
2 Loeb/Lurquin Hunter BRX Prodrive +12'44"
3 Prokop/Chytka Ford Raptor RS +22'39"
4 Alvarez/Monleon Toyota Hilux 4X4 +27'42"
5 Vasilyev/Uperenko BMW X5 +28'58"
6 Halpern/Graue MINI Buggy JCW +29'37"
7 De Villiers/Murphy Toyota Hilux 4X4 +33'33"
8 Przygonski/Gottschalk MINI Buggy JCW +41'51"
9 Al Rajhi/Orr Toyota Hilux 4X4 +43'40"
10 Despres/Perry Peugeot 3008DKR +48'53"
condivisioni
commenti
Dakar | Richards: "Vogliamo Top 3. Il carburante green è un aiuto"
Articolo precedente

Dakar | Richards: "Vogliamo Top 3. Il carburante green è un aiuto"

Prossimo Articolo

Dakar 2022 | Niente Marathon, le tappe 2 e 3 saranno normali

Dakar 2022 | Niente Marathon, le tappe 2 e 3 saranno normali
Carica commenti
Dakar: Audi, la RS Q e-tron cerca nuove vie di sviluppo elettrico Prime

Dakar: Audi, la RS Q e-tron cerca nuove vie di sviluppo elettrico

Audi ha svelato la RS Q e-tron, arma elettrica con cui andrà alla caccia della vittoria alla Dakar. La Caa dei 4 anelli punta davvero sulla propulsione elettrica, tanto da puntare forte su strumenti che altre categorie hanno reso standard e plafonate.

Dakar
25 lug 2021
Paradosso Formula E: chi vuole sviluppare l'elettrico se ne va Prime

Paradosso Formula E: chi vuole sviluppare l'elettrico se ne va

L'addio di Audi per abbracciare una categoria che permetta di sviluppare l'auto e la tecnologia elettrica da zero è un campanello d'allarme preoccupante. E ora anche la Extreme E propone innovazioni che vanno oltre quelle in uso dalla Formula E.

Dakar
9 apr 2021
Motorsport senza età: dieci Over 50 ancora vincenti e Campioni Prime

Motorsport senza età: dieci Over 50 ancora vincenti e Campioni

Il bello del motorsport è che spesso si rivela senza età! Fra i tanti veterani del panorama internazionale, ne abbiamo scelti dieci Over50 che ancora riescono a vincere gare e titoli. Ecco i loro nomi e profili in ordine anagrafico.

WTCR
24 mar 2021
Elena, molto più di un copilota. Ecco cosa perde Loeb Prime

Elena, molto più di un copilota. Ecco cosa perde Loeb

Loeb, convinto da Prodrive, ha annunciato che non correrà più alla Dakar con lo storico navigatore Elena perché considerato il problema dopo la deludente edizione 2021. Analizziamo cosa perderà certamente il "Cannibale" senza avere accanto Elena dopo 23 anni di sodalizio.

WRC
17 mar 2021
Dakar: KTM sconfitta, ma non con le ossa rotte (tranne Price) Prime

Dakar: KTM sconfitta, ma non con le ossa rotte (tranne Price)

La Casa di Mattighofen ha incassato la seconda sconfitta consecutiva, ma nonostante il ko del suo uomo di punta Toby Price ed una Honda capace di vincere 10 speciali su 13, è rimasta in lizza per il successo finale fino all'ultima tappa con Sam Sunderland.

Dakar
20 gen 2021
Dakar: Husqvarna e Yamaha, che delusioni! Prime

Dakar: Husqvarna e Yamaha, che delusioni!

Questi sono gli altri due marchi che si presentavano al via della Dakar 2021 con ambizioni importanti, ma solamente Pablo Quintanilla ha visto il traguardo, con un settimo posto molto distante dal secondo dello scorso anno. Scopriamo insieme cosa è successo.

Dakar
19 gen 2021
Dakar Camion: scopriamo qual è il vero segreto Kamaz Prime

Dakar Camion: scopriamo qual è il vero segreto Kamaz

Andiamo a scoprire come mai la Kamaz ha collezionato la 18esima vittoria alla Dakar, festeggiando anche una storica tripletta che non si ripeteva dal 2015. Non c'è solo una superiorità tecnica dei camion 43509, ma c'è un'intera città, Naberezhnye Chelny, nata e cresciuta intorno alla fabbrica, che vive per imporsi nel Rally Raid più famoso. C'è una scuola karting che forma i futuri piloti e li alleva con mezzi OTK forniti da Alonso. E, inoltre...

Dakar
17 gen 2021
Dakar 2021: il premio Fair play al team Orobicaraid Prime

Dakar 2021: il premio Fair play al team Orobicaraid

Hanno aiutato gli avversari diretti che si erano capotati su una duna e hanno perso molto tempo: Giulio Verzelletti, poi, ha dovuto chiedere l'intervento dell'elisoccorso a causa di una violenta colica renale, ma l'Unimog con Giuseppe Fortuna a Marino Mutti è arrivato al traguardo, dove il direttore di corsa, Castera, gli ha consegnato il premio Fair Play per aver interpretato al meglio lo spirito della corsa. E non sono stati nemmeno usclusi dalla classifica.

Dakar
16 gen 2021