Dakar, Auto: Peterhansel e Peugeot conquistano l'edizione 2017!

Stéphane Peterhansel centra la 13esima vittoria assoluta alla Dakar della carriera, battendo Loeb e Despres. Trionfo Peugeot: è tripletta! Nani Roma chiude quarto con la Toyota davanti a Giniel De Villiers.

Dakar, Auto: Peterhansel e Peugeot conquistano l'edizione 2017!
#300 Peugeot Sport Peugeot 3008 DKR: Stéphane Peterhansel, Jean-Paul Cottret
#300 Peugeot Sport Peugeot 3008 DKR: Stéphane Peterhansel, Jean-Paul Cottret
Stéphane Peterhansel, Cyril Despres, Peugeot Sport
Sébastien Loeb, Peugeot Sport
#309 Peugeot Sport Peugeot 3008 DKR: Sébastien Loeb, Daniel Elena
Cyril Despres, Peugeot Sport
#307 Peugeot Sport Peugeot 3008 DKR: Cyril Despres, David Castera
Nani Roma, Overdrive Racing Toyota
#305 Overdrive Racing Toyota: Nani Roma, Alex Haro
#305 Overdrive Racing Toyota: Nani Roma, Alex Haro
#302 Toyota Gazoo Racing Toyota: Giniel de Villiers, Dirk von Zitzewitz
#308 X-Raid Team Mini: Orlando Terranova, Andreas Schulz
#308 X-Raid Team Mini: Orlando Terranova, Andreas Schulz
#308 X-Raid Team Mini: Orlando Terranova, Andreas Schulz

Stéphane Peterhansel ha fatto 13. Non si tratta di una fortunata vincita alla schedina, ma di un'altra strepitosa gara che gli ha regalato l'edizione 2017 della Dakar, la 13esima in assoluto. Nella passerella di oggi che ha portato la carovana da Rio Cuarto e Buenos Aires, il francese della Peugeot non ha dovuto fare altro che controllare il diretto rivale Sébastien Loeb per portare a casa l'ennesimo successo assoluto.

Ora Peterhansel può annoverare 6 vittorie Dakar da motociclista e ben 7 da pilota di auto. L'ennesima vittoria che lo consacra sempre più "Mister Dakar". Gli altri volti felici del rally raid 2017 sono quelli degli uomini Peugeot, consci di aver compiuto un lavoro superbo sulle imprendibili 3008 DKR che hanno regalato alla Casa francese un'incredibile tripletta.

Questo risultato è stato ottenuto dai grossi passi avanti mostrati da Sébastien Loeb e Daniel Elena, secondi nella classifica assoluta e fermati nella loro rimonta solo da una foratura nella tappa di ieri e da un errore di navigazione nella prima settimana che ha fatto perdere loro tempo rivelatosi fondamentale.

Nell'equipaggio 9 volte iridato WRC c'è delusione, ma anche la consapevolezza di essersi ritrovati finalmente protagonisti sino in fondo e possibili vincitori dopo appena due edizioni svolte alla Dakar. Loeb è stato inoltre il pilota ad aver vinto più speciali in questa edizione: ben 5. Ha completato il podio tutto Peugeot un Cyril Despres sempre più a proprio agio con le quattro ruote. Per l'ex centauro il terzo posto è il miglior risultato da quando corre con le auto e, anche quest'anno, ha sensibilmente fatto passi avanti diventando competitivo e vincendo la sua prima tappa alla Dakar.

L'unico neo della grande corsa Peugeot è stato il ritiro di Carlos Sainz, autore di un incidente davvero spettacolare che solo per poco non è sfociato in dramma. Lo spagnolo, dopo le difficoltà di giornata di Peterhansel e Loeb nella Tappa 4, era virtualmente in vetta alla generale, ma uscendo da una curva destrorsa di traverso ha visto la propria 3008 DKR ribaltarsi più volte e finire giù per un burrone, sfiorando inoltre due incauti spettatori accomodatisi a pochi centimetri dal percorso.

Dopo il tripudio Peugeot, troviamo il primo pilota Toyota: Nani Roma. Lo spagnolo è arrivato a pochi secondi di distacco da Despres, ma i risultati negativi delle ultime speciali lo hanno condannato ad accontentarsi del quarto posto finale. La sensazione è che Nani abbia comunque sfruttato bene la sua Hilux, ma che le Peugeot avessero un altro passo nei confronti di tutto il resto della carovana auto.

Roma è riuscito a fare quello che Nasser Al-Attiyah avrebbe sperato, ovvero chiudere la corsa e potersi giocare il podio con le Peugeot, ma il qatariota è stato autore di un errore di guida nella prima settimana - a pochi chilometri dal termine della Tappa 3 - che lo ha tolto dalla corsa molto presto. Prendere una buca enorme o colpire una roccia a bordo strada: questa era la scelta da fare dopo essersi trovato davanti a un tratto con difficoltà inaspettate. La scelta è ricaduta sulla roccia, ma questa ha divelto gran parte del retrotreno della sua Hilux, ponendo fine alla sua gara anzitempo. Peccato, perché Al-Attiyah era tra i grandi favoriti di questa edizione.

Quinto posto per un altro alfiere Toyota, il sudafricano Giniel De Villiers. Grande rimonta per lui nella seconda settimana, dopo aver patito oltremodo il percorso della prima. Il suo recuperare posizioni, però, non è stato sufficiente per impensierire il compagno di squadra e accomodarsi ai piedi del podio.

Chi si aspettava Mikko Hirvonen protagonista della corsa è rimasto deluso. Dopo un avvio promettente, grazie anche alla solita condotta di gara prudente, il finnico è stato bersagliato da problemi alla sua Mini del team X-Raid. In seguito ha anche commesso errori di guida che lo hanno costretto ad alzare bandiera bianca proprio quando si era portato in zona podio, a pochi minuti da Peterhansel e Loeb.

A tenere alto l'onore della Mini è stato Orlando Terranova, chiamato all'ultimo minuto per sostituire l'infortunato Bryce Menzies. L'argentino è partito in sordina, ma nella seconda settimana è stato autore di una gara solida e piuttosto veloce che lo ha portato a risalire sino alla sesta posizione finale davanti al compagno di marca Jakub Przygonski.

Buona prova infine per Romain Dumas, capace di centrare risultati eccellenti in alcune tappe con la vecchia Peugeot 2008 DKR e chiudere all'ottavo posto della classifica generale davanti a Rautenbach (Toyota) e ad Abu-Issa (Mini).

La classifica finale della Dakar 2017

PosizionePilota/navigatoreAutoTempo/distacco
1 Peterhansel-Cottret Peugeot 28h49'30”
2 Loeb-Elena Peugeot +5'13"
3 Despres-Castera Peugeot +33'28"
4 Roma-Haro Bravo Toyota +1h16'43"
5 De Villiers-Von Zitzewitz Toyota +1h49'48"
6 Terranova-Schultz Mini +1h52'31"
7 Przygonsky-Colsoul Mini +4h14'47"
8 Dumas-Guehennec Peugeot +4h24'01"
9 Rautenbach-Howie Toyota +4h40'13"
10 Abu Issa-Panseri Mini +4h53'30"

 

condivisioni
commenti
Dakar, Quad: primo trionfo per il russo Sergey Karyakin
Articolo precedente

Dakar, Quad: primo trionfo per il russo Sergey Karyakin

Prossimo Articolo

Dakar, Camion, Tappa 12: Nikolaev trionfa con il Kamaz, De Rooy terzo

Dakar, Camion, Tappa 12: Nikolaev trionfa con il Kamaz, De Rooy terzo
Carica commenti
Dakar: Audi, la RS Q e-tron cerca nuove vie di sviluppo elettrico Prime

Dakar: Audi, la RS Q e-tron cerca nuove vie di sviluppo elettrico

Audi ha svelato la RS Q e-tron, arma elettrica con cui andrà alla caccia della vittoria alla Dakar. La Caa dei 4 anelli punta davvero sulla propulsione elettrica, tanto da puntare forte su strumenti che altre categorie hanno reso standard e plafonate.

Dakar
25 lug 2021
Paradosso Formula E: chi vuole sviluppare l'elettrico se ne va Prime

Paradosso Formula E: chi vuole sviluppare l'elettrico se ne va

L'addio di Audi per abbracciare una categoria che permetta di sviluppare l'auto e la tecnologia elettrica da zero è un campanello d'allarme preoccupante. E ora anche la Extreme E propone innovazioni che vanno oltre quelle in uso dalla Formula E.

Dakar
9 apr 2021
Motorsport senza età: dieci Over 50 ancora vincenti e Campioni Prime

Motorsport senza età: dieci Over 50 ancora vincenti e Campioni

Il bello del motorsport è che spesso si rivela senza età! Fra i tanti veterani del panorama internazionale, ne abbiamo scelti dieci Over50 che ancora riescono a vincere gare e titoli. Ecco i loro nomi e profili in ordine anagrafico.

WTCR
24 mar 2021
Elena, molto più di un copilota. Ecco cosa perde Loeb Prime

Elena, molto più di un copilota. Ecco cosa perde Loeb

Loeb, convinto da Prodrive, ha annunciato che non correrà più alla Dakar con lo storico navigatore Elena perché considerato il problema dopo la deludente edizione 2021. Analizziamo cosa perderà certamente il "Cannibale" senza avere accanto Elena dopo 23 anni di sodalizio.

WRC
17 mar 2021
Dakar: KTM sconfitta, ma non con le ossa rotte (tranne Price) Prime

Dakar: KTM sconfitta, ma non con le ossa rotte (tranne Price)

La Casa di Mattighofen ha incassato la seconda sconfitta consecutiva, ma nonostante il ko del suo uomo di punta Toby Price ed una Honda capace di vincere 10 speciali su 13, è rimasta in lizza per il successo finale fino all'ultima tappa con Sam Sunderland.

Dakar
20 gen 2021
Dakar: Husqvarna e Yamaha, che delusioni! Prime

Dakar: Husqvarna e Yamaha, che delusioni!

Questi sono gli altri due marchi che si presentavano al via della Dakar 2021 con ambizioni importanti, ma solamente Pablo Quintanilla ha visto il traguardo, con un settimo posto molto distante dal secondo dello scorso anno. Scopriamo insieme cosa è successo.

Dakar
19 gen 2021
Dakar Camion: scopriamo qual è il vero segreto Kamaz Prime

Dakar Camion: scopriamo qual è il vero segreto Kamaz

Andiamo a scoprire come mai la Kamaz ha collezionato la 18esima vittoria alla Dakar, festeggiando anche una storica tripletta che non si ripeteva dal 2015. Non c'è solo una superiorità tecnica dei camion 43509, ma c'è un'intera città, Naberezhnye Chelny, nata e cresciuta intorno alla fabbrica, che vive per imporsi nel Rally Raid più famoso. C'è una scuola karting che forma i futuri piloti e li alleva con mezzi OTK forniti da Alonso. E, inoltre...

Dakar
17 gen 2021
Dakar 2021: il premio Fair play al team Orobicaraid Prime

Dakar 2021: il premio Fair play al team Orobicaraid

Hanno aiutato gli avversari diretti che si erano capotati su una duna e hanno perso molto tempo: Giulio Verzelletti, poi, ha dovuto chiedere l'intervento dell'elisoccorso a causa di una violenta colica renale, ma l'Unimog con Giuseppe Fortuna a Marino Mutti è arrivato al traguardo, dove il direttore di corsa, Castera, gli ha consegnato il premio Fair Play per aver interpretato al meglio lo spirito della corsa. E non sono stati nemmeno usclusi dalla classifica.

Dakar
16 gen 2021