Formula 1 MotoGP
28 mar
Prove Libere 1 in
21 giorni
G
GP di Doha
02 apr
Prossimo evento tra
28 giorni
WRC
26 feb
Evento concluso
22 feb
Prossimo evento tra
48 giorni
Formula E
10 apr
Prossimo evento tra
36 giorni
WEC
G
Sebring
17 mar
Cancellato
02 apr
Prossimo evento tra
28 giorni

Dakar: Arcarons riflette sulle 27 vittorie di tappa di Barreda

Jordi Arcarons riflette sulle 27 vittorie di tappa di Joan Barreda, che in questo modo lo ha raggiunto al terzo posto nella classifica di tutti i tempi della Dakar.

Dakar: Arcarons riflette sulle 27 vittorie di tappa di Barreda

Jordi Arcarons, attuale direttore sportivo della Yamaha, è legato alla Dakar da più di metà della sua vita e se non esistesse, dovrebbe inventarsela. Il catalano ha fatto il suo debutto in moto nel 1988 e la sua ultima partecipazione è stata nel 2003, quando era al via in auto, al volante di una BMW.

Nonostante abbia appeso il casco al chiodo, trasuda passione per la gara da tutti i pori e il fatto che Joan Barreda lo abbia eguagliato venerdì, nella sesta tappa della Dakar 2021, come terzo pilota della storia con il maggior numero di vittorie di tappa, è un segnale di quanto la sua ombra si sia allungata su questa gara.

La sfortuna di Arcarons è stata quella di vivere la stessa epoca di Stephane Peterhansel, con il quale si è battuto negli anni '90, quando ancora si correva in Africa. Lo spagnolo ha chiuso quattro volte secondo, ma ha lasciato il segno nella leggenda.

"Barreda attualmente è il pilota più veloce. Il fatto che abbia ottenuto così tante vittorie è un segno del perché tutti noi lo stimiamo così tanto. E' il pilota che attualmente ha sempre le migliori possibilità di vincere prima di iniziare una gara", ha detto Arcarons a Motorsport.com dal bivacco di Ha il.

Leggi anche:

"Poi la velocità non gli ha sempre portato un buon risultato, ma questo è successo a tutti noi, quindi dobbiamo congratularci con lui e vedere se quest'anno otterrà la vittoria. Le cose stanno andando molto bene per lui e ha la possibilità di vincere. Ha solo bisogno di non avere sfortuna nella tappe rimanenti".

"Essere veloci e vincere le tappe significa avere uno stile di guida molto tecnico, molto buono, ma bisogna adattarlo ad una gara di molti giorni. Quando si è veloci, non è facile cambiare il proprio ritmo e gestire la velocità. A volte pensi solo a correre e a provare a vincere ogni giorno".

"Ma in realtà, dopo molte anni di esperienza, e vedendo che molti piloti vincono la Dakar senza neanche vincere una tappa, ti rendi conto che devi essere costante e non avere alti e bassi. Non perdere tempo, attaccare quando serve, ma vincere le tappe non significa essere il migliore alla fine".

Arcarons ha raccontato poi cosa significava per lui essere veloce, soprattutto in quegli anni in cui le moto raggiungevano i 170-180 km/h nel deserto del Teneré.

"Ho sempre pensato che Barreda avesse delle opzioni, ma gestire quella velocità non ha funzionato per lui, come ha funzionato per me all'epoca. Ogni secondo posto alla Dakar, che sono stati ben quattro, aveva una storia diversa. A volte non è necessario cercare il limite, perché è sempre un rischio elevato. Ma lo ammiro per tutto quello che ha fatto e per il rischio che comporta guidare in quel modo. Quindi, chapeau!", ha concluso.

Jordi Arcarons, Yamaha Official Rally Team

Jordi Arcarons, Yamaha Official Rally Team

Photo by: Yamaha

condivisioni
commenti
Dakar 2021: Boulanger spiega il "segreto" di Peterhansel

Articolo precedente

Dakar 2021: Boulanger spiega il "segreto" di Peterhansel

Prossimo Articolo

Dakar, Moto, Tappa 7: riscossa Brabec, Cornejo al comando

Dakar, Moto, Tappa 7: riscossa Brabec, Cornejo al comando
Carica commenti

Riguardo questo articolo

Serie Dakar
Evento Dakar
Sotto-evento Stage 6
Piloti Jordi Arcarons , Joan Barreda
Autore Sergio Lillo
Dakar: KTM sconfitta, ma non con le ossa rotte (tranne Price) Prime

Dakar: KTM sconfitta, ma non con le ossa rotte (tranne Price)

La Casa di Mattighofen ha incassato la seconda sconfitta consecutiva, ma nonostante il ko del suo uomo di punta Toby Price ed una Honda capace di vincere 10 speciali su 13, è rimasta in lizza per il successo finale fino all'ultima tappa con Sam Sunderland.

Dakar
20 gen 2021
Dakar: Husqvarna e Yamaha, che delusioni! Prime

Dakar: Husqvarna e Yamaha, che delusioni!

Questi sono gli altri due marchi che si presentavano al via della Dakar 2021 con ambizioni importanti, ma solamente Pablo Quintanilla ha visto il traguardo, con un settimo posto molto distante dal secondo dello scorso anno. Scopriamo insieme cosa è successo.

Dakar
19 gen 2021
Dakar Camion: scopriamo qual è il vero segreto Kamaz Prime

Dakar Camion: scopriamo qual è il vero segreto Kamaz

Andiamo a scoprire come mai la Kamaz ha collezionato la 18esima vittoria alla Dakar, festeggiando anche una storica tripletta che non si ripeteva dal 2015. Non c'è solo una superiorità tecnica dei camion 43509, ma c'è un'intera città, Naberezhnye Chelny, nata e cresciuta intorno alla fabbrica, che vive per imporsi nel Rally Raid più famoso. C'è una scuola karting che forma i futuri piloti e li alleva con mezzi OTK forniti da Alonso. E, inoltre...

Dakar
17 gen 2021
Dakar 2021: il premio Fair play al team Orobicaraid Prime

Dakar 2021: il premio Fair play al team Orobicaraid

Hanno aiutato gli avversari diretti che si erano capotati su una duna e hanno perso molto tempo: Giulio Verzelletti, poi, ha dovuto chiedere l'intervento dell'elisoccorso a causa di una violenta colica renale, ma l'Unimog con Giuseppe Fortuna a Marino Mutti è arrivato al traguardo, dove il direttore di corsa, Castera, gli ha consegnato il premio Fair Play per aver interpretato al meglio lo spirito della corsa. E non sono stati nemmeno usclusi dalla classifica.

Dakar
16 gen 2021
Dakar, Auto: Peterhasel ha battuto Al-Attiyah con la pazienza Prime

Dakar, Auto: Peterhasel ha battuto Al-Attiyah con la pazienza

Terminata la 43esima edizione della Dakar 2021, andiamo ad analizzare quanto accaduto nella categoria Auto che ha visto prevalere Stéphane Peterhansel (MINI) dopo un bel duello con Nasser Al-Attiyah (Toyota).

Dakar
16 gen 2021
Dakar: Honda, è l'inizio di una nuova "dinastia"? Prime

Dakar: Honda, è l'inizio di una nuova "dinastia"?

Quella di Kevin Benavides è stata la prima vittoria di un motociclista sudamericano, ma soprattutto la seconda consecutiva della Honda, che in questa edizione 2021 ha dato la sensazione di avere la forza per aprire un ciclo lungo.

Dakar
16 gen 2021
Dakar: c'è il caso del copilota abbandonato nel deserto! Prime

Dakar: c'è il caso del copilota abbandonato nel deserto!

Ricardo Ramilo con il buggy #438 nella tappa di giovedì ha lasciato il suo navigatore, Xavi Blanco, lungo la speciale dopo un alterco ed è ripartito per completare la tappa da solo. Il 56enne galiziano si è perso e si è dovuto ritirare, mentre il catalano è stato recuperato dopo un'ora da un mezzo di assistenza del team Buggy Masters. Ecco una storia incredibile vissute sulle dune dell'Arabia Saudita.

Dakar
15 gen 2021
Dakar 2021: Horn lancia la sfida con l'idrogeno Prime

Dakar 2021: Horn lancia la sfida con l'idrogeno

Il copilota di Despres, Mike Horn è un avventuriero che ha portato a termine ogni impresa impossibile, dal Polo Nord all’Himalaya all’Amazzonia. Ieri nel bivacco di Neom della Dakar ha presentato il progetto della Gen-Z la vettura a idrogeno con la quale sarà in gara nel 2023, aprendo una porta sulle corse del futuro.

Dakar
13 gen 2021