Dakar, Alonso: "Ho ancora del ritmo da tirare fuori"

condivisioni
commenti
Dakar, Alonso: "Ho ancora del ritmo da tirare fuori"
Di:
Tradotto da: Marco Di Marco

Lo spagnolo ha affermato di non aver spinto subito al massimo nel corso della prima tappa e di voler dare il massimo a partire dalla seconda settima quando la situazione sarà più delineata.

Il debutto di Fernando Alonso e Marc Coma alla Dakar è stato incoraggiante in vista delle 11 tappe che restano da percorrere. Gli spagnoli sono stati costantemente vicini alla top 10 all’inizio dei 319 km della speciale di questa domenica da Jeddah ad Al Wajh.

Infine, dopo due forature, sono arrivati undicesimi con un distacco di 15’27’’ dal vincitore a sorpresa, il lituano Vaidotas Zala con una MINI All4Racing 2018. Lo spagnolo è comunque soddisfatto del risultato e del ritmo nonostante un esordio faticoso.

“La verità è che nella prima parte c’è sempre un po' di tensione in più. Abbiamo avuto una giornata non priva di complicazioni, anche se le abbiamo avute tutti e sarà una costante ogni giorno, ma stiamo cercando di rendere la gara il meno problematica possibile. La macchina è andata bene per tutta la tappa, non ha mostrato problemi. Quello che volevamo era partire cauti”, ha detto Alonso al suo arrivo al bivacco, a circa 500 metri dal Mar Rosso.

“L'idea iniziale è quella di cercare di superare queste prime tappe in punta di piedi, senza fare eccessi, o cose strane, cercando di imparare sempre qualcosa in più sulla gara e di conoscere un po' la macchina ed il terreno. La chiave è riuscire a stare nella top 10, così da non avere problemi di visibilità, perché quando ti perdi e ritrovi la strada all'improvviso ti ritrovi dietro ad altre auto e fai 10 km a 50 km/h perché non vedi niente. Succede a tutti. Giniel ha avuto più problemi, Nasser e Nani anche... le cose accadranno a tutti noi ogni giorno”.

Leggi anche:

Quando gli è stato chiesto se ha mantenuto il ritmo che pensava, ha risposto: "Credo che siano andati tutti più veloci, solo che hanno avuto più inconvenienti di me. Il passo è stato più o meno come mi aspettavo anche se ho ancora del margine ma non è il momento di dare il massimo. Soprattutto nella seconda settimana speriamo che la gara sia più lineare, che non ci siano così tante auto, così tante moto, così tanti quad. Speriamo di fare le tappe un po' più tranquille; se arriveremo con la macchina in perfette condizioni cercheremo di tirare un po' di più”.

Alonso ha poi chiarito come sia difficile divertirsi con la tensione all'interno dell'auto e i mille pericoli che devono essere superati ogni giorno.

“Penso che quasi nessuno si diverta perché tutti partiamo grandi incertezze senza sapere come sarà la tappa. Domani e dopodomani con il roadbook consegnato in partenza ci sarà molto stress per i piloti”.

A proposito del suo rapporto con Marc Coma, ha chiarito come questo sia positivo, senza alcun attrito tra i due e che entrambi sono consapevoli del grande lavoro che stanno svolgendo insieme.

“È come una luna di miele. Chiaramente non ho la possibilità di dubitare di ciò che fa. Anche quando qualche volta ci perdiamo mi spiega che è normale e che succederà molte altre volte. Anche se in quel momento è frustrante per il caldo e per la visibilità che può essere più limitata, ci si rende conto che quando la tappa è conclusa siamo noi quelli che hanno lavorato meglio".

Le forature sono state il tema del primo giorno della Dakar 2020, e Alonso ha insistito sul fatto che la fortuna sarà un importante fattore dopo quello che è accaduto in Marocco lo scorso ottobre.

“Penso che la fortuna giochi un ruolo importante e l'ho già detto in Marocco quando è toccato a me sbagliare. Questa volta era il loro turno. A volte si va due centimetri a destra o a sinistra e c'è una pietra che può provocare un taglio. Il fattore fortuna è molto importante”.

Scorrimento
Lista

#310 Hallspeed Toyota: Fernando Alonso

#310 Hallspeed Toyota: Fernando Alonso
1/10

Foto di: Toyota Racing

#310 Hallspeed Toyota: Fernando Alonso, Marc Coma

#310 Hallspeed Toyota: Fernando Alonso, Marc Coma
2/10

Foto di: Toyota Racing

#310 Hallspeed Toyota: Fernando Alonso, Marc Coma

#310 Hallspeed Toyota: Fernando Alonso, Marc Coma
3/10

Foto di: Toyota Racing

#310 Hallspeed Toyota: Fernando Alonso

#310 Hallspeed Toyota: Fernando Alonso
4/10

Foto di: Toyota Racing

Adrien Van Beveren, Yamalube Yamaha Official Rally Team, Stephane Peterhansel, JCW X-Raid Team, Nani Roma, Borgward Rally Team, Carlos Sainz, JCW X-Raid Team, Fernando Alonso, Toyota Gazoo Racing

Adrien Van Beveren, Yamalube Yamaha Official Rally Team, Stephane Peterhansel, JCW X-Raid Team, Nani Roma, Borgward Rally Team, Carlos Sainz, JCW X-Raid Team, Fernando Alonso, Toyota Gazoo Racing
5/10

Foto di: A.S.O.

#310 Hallspeed Toyota: Fernando Alonso

#310 Hallspeed Toyota: Fernando Alonso
6/10

Foto di: A.S.O.

#310 Hallspeed Toyota: Fernando Alonso

#310 Hallspeed Toyota: Fernando Alonso
7/10

Foto di: A.S.O.

#310 Hallspeed Toyota: Fernando Alonso, Marc Coma

#310 Hallspeed Toyota: Fernando Alonso, Marc Coma
8/10

Foto di: A.S.O.

Nani Roma, Borgward Rally Team, Carlos Sainz, JCW X-Raid Team, Fernando Alonso, Toyota Gazoo Racing

Nani Roma, Borgward Rally Team, Carlos Sainz, JCW X-Raid Team, Fernando Alonso, Toyota Gazoo Racing
9/10

Foto di: A.S.O.

#310 Hallspeed Toyota: Fernando Alonso, Marc Coma

#310 Hallspeed Toyota: Fernando Alonso, Marc Coma
10/10

Foto di: A.S.O.

Fotogallery: la prima tappa della Dakar 2020

Articolo precedente

Fotogallery: la prima tappa della Dakar 2020

Prossimo Articolo

Dakar, Terranova contro Alonso: "Doveva spostarsi. Gli parlerò"

Dakar, Terranova contro Alonso: "Doveva spostarsi. Gli parlerò"
Carica commenti

Riguardo questo articolo

Serie Dakar
Evento Dakar
Sotto-evento Tappa 1: Jeddah - Al Wajh
Piloti Fernando Alonso
Team Toyota Motorsport GmbH
Autore Sergio Lillo