Dakar, Alonso: "Felice della Top 5, ma ora voglio di più!"

L'asturiano del team Toyota Gazoo Racing ha sfruttato la posizione di partenza e una buona visibilità per ottenere il suo miglior piazzamento alla Dakar. ma ora punta più in alto.

Dakar, Alonso: "Felice della Top 5, ma ora voglio di più!"

Fernando Alonso e Marc Coma hanno assaporato oggi per la prima volta la Top 5 in una tappa della Dakar. Per loro, da quando corrono assieme, è stata nettamente la giornata più positiva, considerando poi la disavventura che hanno dovuto subire nella giornata di ieri rompendo una sospensione.

Il quinto posto di oggi è il miglior risultato dell'ancor breve carriera di Fernando nei Rally Raid, se si esclude il piazzamento al Rally Ula-Neom di qualche settimana fa. Oggi l'asturiano ha potuto approfittare di una posizione di partenza molto buona, dovuta proprio ai problemi avuti ieri.

Alla fine della giornata, Fernando ha completato la tappa in quinta posizione assoluta: "La verità è che questa è stata una giornata molto positiva. Abbiamo potuto spingere, avendo una buona visibilità. Oggi è sempre successo qualcosa, dunque siamo riusciti spesso ad avere completa visibilità, avendo così un buon ritmo".

"La tappa è stata molto bella, mi sono divertito. L'unica battuta d'arresto è arrivata nella parte finale, perché abbiamo perso un po' di tempo nei pressi di un fiume. Non trovavamo la strada giusta, ma la giornata è stata ottima", ha dichiarato Alonso una volta arrivato al bivacco.

"Quanto accaduto ieri è stata una sorpresa. Ero molto contento del mio ritmo e delle sensazioni che abbiamo avuto. Il risultato è stato negativo, perché non volevamo certo sprecare quelle ore per sistemare il guaio che abbiamo avuto. Anche oggi sono stati molto a mio agio con la vettura. Se penso a 7 mesi fa, quando ancora non riuscivo a salire su una duna, mentre ora ho chiuso quinto una tappa della Dakar, posso dire di essere contento. Questa è una nota positiva".

Leggi anche:

"Io, però, voglio sempre di più e spero di poter sfruttare una buona posizione di partenza domani o nei prossimi giorni per provare a fare meglio, a ottenere altro, e arrivare al traguardo di una tappa magari tra i primi 3, o magari vincere una tappa. Questa sarebbe una cosa ancora più magica".

Alonso chiarisce che in questa Dakar non si aspettava certo di poter lottare con i migliori. Anche perché, come detto, sino a pochi mesi fa non era in grado di affrontare le dune.

"Non sono venuto qui alla Dakar per vincere o salire sul podio. Sono consapevole dei miei attuali limiti, soprattutto quest'anno. 5 mesi fa non conoscevo Marc Coma, né avevo mai lasciato le gare su asfalto, e ci sono cose che richiedono tempo per essere fatte. Essere in grado di cambiare disciplina ed essere tra i migliori al mondo è sempre la sfida più grande che ho", ha continuato Fernando.

"Ora però sappiamo che arriveranno momenti anche più difficili di quelli già vissuti. E succederà a tutti. Oggi abbiamo visto la Peugeot di Al Qassimi che era demolita. Succederanno un sacco di altre cose a tanti piloti. Speriamo di averne il meno possibile e raggiungere la Tappa 12 con l'obiettivo di finire la gara e vivere per intero questa esperienza".

"Se riuscirò ad avere un buon ritmo e una buona visibilità, spero di arrivare tra i Top 3 o vincere una tappa, che a oggi sembra impossibile. Ma dopo queste tappe ho più fiducia e un morale più alto. So di avere più potenziale da esprimere, ma penso anche che tutti l'abbiano. Ti danno il roadbook al mattino, esci e vai al 90% perché non hai fiducia. Quest'ultima parte di tappa mi ha lasciato un sapore agrodolce in bocca, perché ci siamo persi un paio di volte ed è stata un'area in cui ci sono state molte difficoltà. Ci sono tratti in cui vai a 160 e poi devi rallentare fino a 30 km/h".

"Ci sono cambi di ritmo davvero bestiali alla Dakar. Con la mia mancanza d'esperienza non so se posso andare più forte o meno. Mi fido di Coma, quando mi dice che sto affrontando la sfida più difficile. Ovvero capire di non poter avere un ritmo costante. Devi saper superare gli scogli che ti si presentano legati alla velocità, ai cambi di ritmo e visibilità".

#310 Toyota Gazoo Racing: Fernando Alonso, Marc Coma
#310 Toyota Gazoo Racing: Fernando Alonso, Marc Coma
1/22

Foto di: Toyota Racing

#310 Toyota Gazoo Racing: Fernando Alonso, Marc Coma
#310 Toyota Gazoo Racing: Fernando Alonso, Marc Coma
2/22

Foto di: Toyota Racing

#310 Hallspeed Toyota: Fernando Alonso, Marc Coma
#310 Hallspeed Toyota: Fernando Alonso, Marc Coma
3/22

Foto di: Toyota Racing

#310 Hallspeed Toyota: Fernando Alonso, Marc Coma
#310 Hallspeed Toyota: Fernando Alonso, Marc Coma
4/22

Foto di: Toyota Racing

#310 Hallspeed Toyota: Fernando Alonso, Marc Coma
#310 Hallspeed Toyota: Fernando Alonso, Marc Coma
5/22

Foto di: Toyota Racing

#310 Hallspeed Toyota: Fernando Alonso, Marc Coma
#310 Hallspeed Toyota: Fernando Alonso, Marc Coma
6/22

Foto di: A.S.O.

#310 Hallspeed Toyota: Fernando Alonso, Marc Coma
#310 Hallspeed Toyota: Fernando Alonso, Marc Coma
7/22

Foto di: Toyota Racing

Toyota Gazoo Racing Toyota Hilux: Fernando Alonso
Toyota Gazoo Racing Toyota Hilux: Fernando Alonso
8/22

Foto di: Toyota Racing

Fernando Alonso, Toyota Gazoo Racing
Fernando Alonso, Toyota Gazoo Racing
9/22

Foto di: Toyota Racing

Toyota Gazoo Racing Toyota Hilux: Fernando Alonso, Marc Coma
Toyota Gazoo Racing Toyota Hilux: Fernando Alonso, Marc Coma
10/22

Foto di: Toyota Racing

Fernando Alonso, Toyota Gazoo Racing
Fernando Alonso, Toyota Gazoo Racing
11/22

Foto di: Toyota Racing

Fernando Alonso, Toyota Gazoo Racing
Fernando Alonso, Toyota Gazoo Racing
12/22

Foto di: Toyota Racing

#310 Hallspeed Toyota: Fernando Alonso, Marc Coma
#310 Hallspeed Toyota: Fernando Alonso, Marc Coma
13/22

Foto di: Toyota Racing

Fernando Alonso, Toyota Gazoo Racing
Fernando Alonso, Toyota Gazoo Racing
14/22

Foto di: Toyota Racing

Fernando Alonso, Toyota Gazoo Racing
Fernando Alonso, Toyota Gazoo Racing
15/22

Foto di: Toyota Racing

Fernando Alonso, Toyota Gazoo Racing
Fernando Alonso, Toyota Gazoo Racing
16/22

Foto di: Toyota Racing

#301 Toyota Gazoo Racing Toyota Hilux: Fernando Alonso
#301 Toyota Gazoo Racing Toyota Hilux: Fernando Alonso
17/22

Foto di: Toyota Racing

Fernando Alonso, Toyota Racing, Marc Coma, Toyota Racing
Fernando Alonso, Toyota Racing, Marc Coma, Toyota Racing
18/22

Foto di: Toyota Racing

#301 Toyota Gazoo Racing Toyota Hilux: Fernando Alonso
#301 Toyota Gazoo Racing Toyota Hilux: Fernando Alonso
19/22
#301 Toyota Gazoo Racing Toyota Hilux: Fernando Alonso
#301 Toyota Gazoo Racing Toyota Hilux: Fernando Alonso
20/22
#301 Toyota Gazoo Racing Toyota Hilux: Fernando Alonso
#301 Toyota Gazoo Racing Toyota Hilux: Fernando Alonso
21/22
#301 Toyota Gazoo Racing Toyota Hilux: Fernando Alonso
#301 Toyota Gazoo Racing Toyota Hilux: Fernando Alonso
22/22
condivisioni
commenti
Dakar, Sainz: "Finalmente un successo dopo due giorni agrodolci"

Articolo precedente

Dakar, Sainz: "Finalmente un successo dopo due giorni agrodolci"

Prossimo Articolo

Fotogallery: la terza tappa della Dakar 2020

Fotogallery: la terza tappa della Dakar 2020
Carica commenti
Dakar: Audi, la RS Q e-tron cerca nuove vie di sviluppo elettrico Prime

Dakar: Audi, la RS Q e-tron cerca nuove vie di sviluppo elettrico

Audi ha svelato la RS Q e-tron, arma elettrica con cui andrà alla caccia della vittoria alla Dakar. La Caa dei 4 anelli punta davvero sulla propulsione elettrica, tanto da puntare forte su strumenti che altre categorie hanno reso standard e plafonate.

Dakar
25 lug 2021
Paradosso Formula E: chi vuole sviluppare l'elettrico se ne va Prime

Paradosso Formula E: chi vuole sviluppare l'elettrico se ne va

L'addio di Audi per abbracciare una categoria che permetta di sviluppare l'auto e la tecnologia elettrica da zero è un campanello d'allarme preoccupante. E ora anche la Extreme E propone innovazioni che vanno oltre quelle in uso dalla Formula E.

Dakar
9 apr 2021
Motorsport senza età: dieci Over 50 ancora vincenti e Campioni Prime

Motorsport senza età: dieci Over 50 ancora vincenti e Campioni

Il bello del motorsport è che spesso si rivela senza età! Fra i tanti veterani del panorama internazionale, ne abbiamo scelti dieci Over50 che ancora riescono a vincere gare e titoli. Ecco i loro nomi e profili in ordine anagrafico.

WTCR
24 mar 2021
Elena, molto più di un copilota. Ecco cosa perde Loeb Prime

Elena, molto più di un copilota. Ecco cosa perde Loeb

Loeb, convinto da Prodrive, ha annunciato che non correrà più alla Dakar con lo storico navigatore Elena perché considerato il problema dopo la deludente edizione 2021. Analizziamo cosa perderà certamente il "Cannibale" senza avere accanto Elena dopo 23 anni di sodalizio.

WRC
17 mar 2021
Dakar: KTM sconfitta, ma non con le ossa rotte (tranne Price) Prime

Dakar: KTM sconfitta, ma non con le ossa rotte (tranne Price)

La Casa di Mattighofen ha incassato la seconda sconfitta consecutiva, ma nonostante il ko del suo uomo di punta Toby Price ed una Honda capace di vincere 10 speciali su 13, è rimasta in lizza per il successo finale fino all'ultima tappa con Sam Sunderland.

Dakar
20 gen 2021
Dakar: Husqvarna e Yamaha, che delusioni! Prime

Dakar: Husqvarna e Yamaha, che delusioni!

Questi sono gli altri due marchi che si presentavano al via della Dakar 2021 con ambizioni importanti, ma solamente Pablo Quintanilla ha visto il traguardo, con un settimo posto molto distante dal secondo dello scorso anno. Scopriamo insieme cosa è successo.

Dakar
19 gen 2021
Dakar Camion: scopriamo qual è il vero segreto Kamaz Prime

Dakar Camion: scopriamo qual è il vero segreto Kamaz

Andiamo a scoprire come mai la Kamaz ha collezionato la 18esima vittoria alla Dakar, festeggiando anche una storica tripletta che non si ripeteva dal 2015. Non c'è solo una superiorità tecnica dei camion 43509, ma c'è un'intera città, Naberezhnye Chelny, nata e cresciuta intorno alla fabbrica, che vive per imporsi nel Rally Raid più famoso. C'è una scuola karting che forma i futuri piloti e li alleva con mezzi OTK forniti da Alonso. E, inoltre...

Dakar
17 gen 2021
Dakar 2021: il premio Fair play al team Orobicaraid Prime

Dakar 2021: il premio Fair play al team Orobicaraid

Hanno aiutato gli avversari diretti che si erano capotati su una duna e hanno perso molto tempo: Giulio Verzelletti, poi, ha dovuto chiedere l'intervento dell'elisoccorso a causa di una violenta colica renale, ma l'Unimog con Giuseppe Fortuna a Marino Mutti è arrivato al traguardo, dove il direttore di corsa, Castera, gli ha consegnato il premio Fair Play per aver interpretato al meglio lo spirito della corsa. E non sono stati nemmeno usclusi dalla classifica.

Dakar
16 gen 2021