Dakar 2022 | Lavieille multato per abbigliamento non omologato

Al francese sono stati dati 1.000€ di sanzione (sospesa) perché solo la tuta rispettava gli standard di sciurezza FIA, mentre tutto il resto non è stato ritenuto conforme alle norme.

Dakar 2022 | Lavieille multato per abbigliamento non omologato
Carica lettore audio

La Dakar 2022 ha già un concorrente penalizzato, anche prima dell'inizio della Tappa Prologo. E le cause sono particolarmente curiose.

I giorni che precedono questo rally raid solitamente sono di verifiche, shakedown e anche di preoccupazione che tutto ciò che è stato fatto negli ultimi 11 mesi sia pronto.

Ma Christian Lavieille, che è alla sua 19a partenza nell'evento più duro del mondo con un Optimus MD, è stato anche il primo a ricevere una punizione quando la 44a edizione ancora non è partita ufficialmente.

Durante le verifiche tecniche e amministrative di giovedì 30 dicembre, i commissari della FIA hanno constatato che sia il veterano francese che il suo co-pilota, Johnny Aubert (ex campione del mondo di enduro, gravemente ferito alla Dakar 2020 e 6° nel 2018 fra le moto), presentavano un abbigliamento ignifugo non conforme al nuovo standard di sicurezza della Federazione.

#326 MD Rallye Sport Optimus: Christian Lavieille, Jean-Pierre Garcin

#326 MD Rallye Sport Optimus: Christian Lavieille, Jean-Pierre Garcin

Photo by: Motul

Come indicato nell'articolo 48.1 del Regolamento Sportivo del Campionato del Mondo FIA Rally Raid 2022, "i piloti dei mezzi devono indossare tuta e guanti (facoltativi per i co-piloti), biancheria lunga, una balaclava, calze e scarpe omologate secondo lo standard FIA 8856-2000 (Elenco Tecnico N° 27) o lo standard FIA 8856-2018 (Elenco Tecnico N° 74)".

La comunicazione emessa dai commissari della Dakar giovedì pomeriggio afferma che Lavieille "ha spiegato di avere ricevuto informazioni da ASO (organizzatore) circa la tuta secondo il nuovo standard FIA, ma non specifiche sul resto dell'abbigliamento".

Gli è quindi stata inflitta una sanzione di 1.000 euro, sospesa a condizione che durante la stagione 2022 del Campionato del Mondo Rally Raid FIA non commetta nuovamente la stessa infrazione.

I commissari non hanno considerato l'accaduto come "grave", in quanto le caratteristiche dell'abbigliamento ignifugo di Lavieille e del suo navigatore "offrono una protezione accettabilmente ragionevole" e sono conformi allo standard per i piloti FIA non prioritari (anche se Laiveille è in questa lista).

Visto che il regolamento finale non era stato pubblicato fino alla metà dicembre, i giudici hanno considerato che "sarebbe stato probabilmente difficile per loro ottenere l'attrezzatura necessaria, soprattutto durante le vacanze di Natale".

condivisioni
commenti
Dakar 2022 | Walkner: "La nuova KTM basata sulla motocross"
Articolo precedente

Dakar 2022 | Walkner: "La nuova KTM basata sulla motocross"

Prossimo Articolo

Dakar 2022 | Dumas cede l'auto a Pesci dopo il rogo, ha l'Hilux!

Dakar 2022 | Dumas cede l'auto a Pesci dopo il rogo, ha l'Hilux!
Carica commenti
Dakar: Audi, la RS Q e-tron cerca nuove vie di sviluppo elettrico Prime

Dakar: Audi, la RS Q e-tron cerca nuove vie di sviluppo elettrico

Audi ha svelato la RS Q e-tron, arma elettrica con cui andrà alla caccia della vittoria alla Dakar. La Caa dei 4 anelli punta davvero sulla propulsione elettrica, tanto da puntare forte su strumenti che altre categorie hanno reso standard e plafonate.

Dakar
25 lug 2021
Paradosso Formula E: chi vuole sviluppare l'elettrico se ne va Prime

Paradosso Formula E: chi vuole sviluppare l'elettrico se ne va

L'addio di Audi per abbracciare una categoria che permetta di sviluppare l'auto e la tecnologia elettrica da zero è un campanello d'allarme preoccupante. E ora anche la Extreme E propone innovazioni che vanno oltre quelle in uso dalla Formula E.

Dakar
9 apr 2021
Motorsport senza età: dieci Over 50 ancora vincenti e Campioni Prime

Motorsport senza età: dieci Over 50 ancora vincenti e Campioni

Il bello del motorsport è che spesso si rivela senza età! Fra i tanti veterani del panorama internazionale, ne abbiamo scelti dieci Over50 che ancora riescono a vincere gare e titoli. Ecco i loro nomi e profili in ordine anagrafico.

WTCR
24 mar 2021
Elena, molto più di un copilota. Ecco cosa perde Loeb Prime

Elena, molto più di un copilota. Ecco cosa perde Loeb

Loeb, convinto da Prodrive, ha annunciato che non correrà più alla Dakar con lo storico navigatore Elena perché considerato il problema dopo la deludente edizione 2021. Analizziamo cosa perderà certamente il "Cannibale" senza avere accanto Elena dopo 23 anni di sodalizio.

WRC
17 mar 2021
Dakar: KTM sconfitta, ma non con le ossa rotte (tranne Price) Prime

Dakar: KTM sconfitta, ma non con le ossa rotte (tranne Price)

La Casa di Mattighofen ha incassato la seconda sconfitta consecutiva, ma nonostante il ko del suo uomo di punta Toby Price ed una Honda capace di vincere 10 speciali su 13, è rimasta in lizza per il successo finale fino all'ultima tappa con Sam Sunderland.

Dakar
20 gen 2021
Dakar: Husqvarna e Yamaha, che delusioni! Prime

Dakar: Husqvarna e Yamaha, che delusioni!

Questi sono gli altri due marchi che si presentavano al via della Dakar 2021 con ambizioni importanti, ma solamente Pablo Quintanilla ha visto il traguardo, con un settimo posto molto distante dal secondo dello scorso anno. Scopriamo insieme cosa è successo.

Dakar
19 gen 2021
Dakar Camion: scopriamo qual è il vero segreto Kamaz Prime

Dakar Camion: scopriamo qual è il vero segreto Kamaz

Andiamo a scoprire come mai la Kamaz ha collezionato la 18esima vittoria alla Dakar, festeggiando anche una storica tripletta che non si ripeteva dal 2015. Non c'è solo una superiorità tecnica dei camion 43509, ma c'è un'intera città, Naberezhnye Chelny, nata e cresciuta intorno alla fabbrica, che vive per imporsi nel Rally Raid più famoso. C'è una scuola karting che forma i futuri piloti e li alleva con mezzi OTK forniti da Alonso. E, inoltre...

Dakar
17 gen 2021
Dakar 2021: il premio Fair play al team Orobicaraid Prime

Dakar 2021: il premio Fair play al team Orobicaraid

Hanno aiutato gli avversari diretti che si erano capotati su una duna e hanno perso molto tempo: Giulio Verzelletti, poi, ha dovuto chiedere l'intervento dell'elisoccorso a causa di una violenta colica renale, ma l'Unimog con Giuseppe Fortuna a Marino Mutti è arrivato al traguardo, dove il direttore di corsa, Castera, gli ha consegnato il premio Fair Play per aver interpretato al meglio lo spirito della corsa. E non sono stati nemmeno usclusi dalla classifica.

Dakar
16 gen 2021