Dakar 2022 | Audi
Topic

Dakar 2022 | Audi

Dakar 2022 | L'Audi valuta un reclamo contro il road book sbagliato

Sven Quandt ritorna sull'errore che è costato ieri due ore di ritardo a Carlos Sainz per un problema di navigazione: "Ci sono 24 ore di tempo per presentare una protesta dopo che è stata pubblicata la classifica ufficiale di una tappa. Per ora ne abbiamo solo parlato, ma la Dakar ora fa parte di un campionato del mondo raid e il road book deve essere al livello della serie. Si può perdere un titolo per un errore di navigazione!".

Dakar 2022 | L'Audi valuta un reclamo contro il road book sbagliato
Carica lettore audio

Carlos Sainz arriva infreddolito al bivacco di Alqaisumah, dove tutta la carovana del Dakar è radunata dopo la cancellazione della tappa marathon per le forti piogge cadute nei giorni precedenti, inizialmente prevista per oggi. Con ancora l’amarezza di aver perso due ore nella tappa di ieri nell’anello di 333 km intorno a Ha’Il, il terzo posto odierno non strappa un sorriso al campione spagnolo.

“E’ stata una tappa senza problemi. Partendo così indietro abbiamo dovuto superare almeno una quindicina di macchine. La sabbia era bagnata così ci siamo risparmiati la polvere. Questo ci ha aiutato. Diciamo che è stato un giorno tranquillo. Abbiamo avuto solo un piccolo problema con un ammortizzatore, ma niente di grave. Adesso cercheremo di capire meglio”.

Con il sogno di scrivere una nuova pagina nella storia dei rally raid e finire nella Top 5 ormai sfumato, Carlos Sainz parla con un tono che non si addice all’anima combattente e guerriera che lo contraddistingue. “A questo punto affronto la corsa un giorno alla volta”.

Guardando alla classifica, dopo la deblacle di ieri, oggi Audi Sport vede tre piloti nella top 10 di tappa con Sainz terzo a 5'52" dal vincitore Sebastian Loeb, Peterhansel quarto ed Ekstrom nono.

“L’obiettivo è finire e conoscere meglio la macchina. Ogni giorno scopriamo qualcosa in più”. Il pensiero va ancora alla polemica sul road book.

“Mi fido di Lucas (Cruz), è lui che si occupa di tutta la navigazione”. Con quasi l’80% dei piloti al via che si sono persi, il caso Sainz non è infatti isolato.

Audi però non ha ancora presentato un reclamo scritto. “Considerato che la Dakar è la prima prova del campionato del mondo, anche il road book deve essere di pari livello. Chiedono tanto alle Case e esigiamo lo stesso da parte degli organizzatori - sentenzia Sven Quandt - . Sappiamo che non è facile, ma è necessario”.

Ci sarà un reclamo? “Finora abbiamo solo parlato. Ci siamo confrontati, ma abbiamo 24 ore di tempo da quando vengono pubblicati i risultati, cosa che non è stata ancora fatto. Dovete però sapere che per regolamento non si può contestare il road book”.

Ma l’errore c’era? “Poi noi la nota in questione non era corretta. Poi dobbiamo dire che ci sono state solo due macchine e pochissime moto che hanno trovato la buona direzione senza esitazione. Forse sono solo più intelligenti e allora meritano il risultato - ironizza Quandt - una cosa è certa, il road book deve essere corretto perché un errore di navigazione in una prova del campionato del mondo può determinare la conquista o la perdita del titolo”.

Non siamo ancora a livello della Formula 1, ma il Cross Country Rally non ha bisogno di far parlare di sé per un Cap o un way point mancato, ma piuttosto deve attrarre sempre più appassionati per le imprese sportive e tecnologiche come la sfida di Audi alla Dakar con il primo prototipo elettrico.

Quanto alla tappa odierna, Quandt commenta: “Siamo contenti di avere le tre macchine nella Top 10. È una giornata positiva. Adesso l’obiettivo è finire. In una gara come la Dakar, ogni chilometro è fondamentale perché consente di raccogliere i dati che ci serviranno per il prossimo anno”.

condivisioni
commenti
Podcast Dakar | Tappa 2: la prima di Loeb. Petrucci, ritiro amaro
Articolo precedente

Podcast Dakar | Tappa 2: la prima di Loeb. Petrucci, ritiro amaro

Prossimo Articolo

Dakar | Al-Attiyah penalizzato con una squalifica sospesa

Dakar | Al-Attiyah penalizzato con una squalifica sospesa
Carica commenti
Dakar: Audi, la RS Q e-tron cerca nuove vie di sviluppo elettrico Prime

Dakar: Audi, la RS Q e-tron cerca nuove vie di sviluppo elettrico

Audi ha svelato la RS Q e-tron, arma elettrica con cui andrà alla caccia della vittoria alla Dakar. La Caa dei 4 anelli punta davvero sulla propulsione elettrica, tanto da puntare forte su strumenti che altre categorie hanno reso standard e plafonate.

Dakar
25 lug 2021
Paradosso Formula E: chi vuole sviluppare l'elettrico se ne va Prime

Paradosso Formula E: chi vuole sviluppare l'elettrico se ne va

L'addio di Audi per abbracciare una categoria che permetta di sviluppare l'auto e la tecnologia elettrica da zero è un campanello d'allarme preoccupante. E ora anche la Extreme E propone innovazioni che vanno oltre quelle in uso dalla Formula E.

Dakar
9 apr 2021
Motorsport senza età: dieci Over 50 ancora vincenti e Campioni Prime

Motorsport senza età: dieci Over 50 ancora vincenti e Campioni

Il bello del motorsport è che spesso si rivela senza età! Fra i tanti veterani del panorama internazionale, ne abbiamo scelti dieci Over50 che ancora riescono a vincere gare e titoli. Ecco i loro nomi e profili in ordine anagrafico.

WTCR
24 mar 2021
Elena, molto più di un copilota. Ecco cosa perde Loeb Prime

Elena, molto più di un copilota. Ecco cosa perde Loeb

Loeb, convinto da Prodrive, ha annunciato che non correrà più alla Dakar con lo storico navigatore Elena perché considerato il problema dopo la deludente edizione 2021. Analizziamo cosa perderà certamente il "Cannibale" senza avere accanto Elena dopo 23 anni di sodalizio.

WRC
17 mar 2021
Dakar: KTM sconfitta, ma non con le ossa rotte (tranne Price) Prime

Dakar: KTM sconfitta, ma non con le ossa rotte (tranne Price)

La Casa di Mattighofen ha incassato la seconda sconfitta consecutiva, ma nonostante il ko del suo uomo di punta Toby Price ed una Honda capace di vincere 10 speciali su 13, è rimasta in lizza per il successo finale fino all'ultima tappa con Sam Sunderland.

Dakar
20 gen 2021
Dakar: Husqvarna e Yamaha, che delusioni! Prime

Dakar: Husqvarna e Yamaha, che delusioni!

Questi sono gli altri due marchi che si presentavano al via della Dakar 2021 con ambizioni importanti, ma solamente Pablo Quintanilla ha visto il traguardo, con un settimo posto molto distante dal secondo dello scorso anno. Scopriamo insieme cosa è successo.

Dakar
19 gen 2021
Dakar Camion: scopriamo qual è il vero segreto Kamaz Prime

Dakar Camion: scopriamo qual è il vero segreto Kamaz

Andiamo a scoprire come mai la Kamaz ha collezionato la 18esima vittoria alla Dakar, festeggiando anche una storica tripletta che non si ripeteva dal 2015. Non c'è solo una superiorità tecnica dei camion 43509, ma c'è un'intera città, Naberezhnye Chelny, nata e cresciuta intorno alla fabbrica, che vive per imporsi nel Rally Raid più famoso. C'è una scuola karting che forma i futuri piloti e li alleva con mezzi OTK forniti da Alonso. E, inoltre...

Dakar
17 gen 2021
Dakar 2021: il premio Fair play al team Orobicaraid Prime

Dakar 2021: il premio Fair play al team Orobicaraid

Hanno aiutato gli avversari diretti che si erano capotati su una duna e hanno perso molto tempo: Giulio Verzelletti, poi, ha dovuto chiedere l'intervento dell'elisoccorso a causa di una violenta colica renale, ma l'Unimog con Giuseppe Fortuna a Marino Mutti è arrivato al traguardo, dove il direttore di corsa, Castera, gli ha consegnato il premio Fair Play per aver interpretato al meglio lo spirito della corsa. E non sono stati nemmeno usclusi dalla classifica.

Dakar
16 gen 2021