Dakar 2021: si resta in Arabia Saudita, ma con Tappe nuovissime

Il direttore di gara Castera ha rivelato a Motorsport.com le caratteristiche della 43a edizione del rally raid, che sarà anche più tecnico e meno veloce con percorsi inediti.

Dakar 2021: si resta in Arabia Saudita, ma con Tappe nuovissime

La 43a edizione della Dakar si svolgerà ancora in Arabia Saudita, ma con un percorso totalmente nuovo composto da 11 Tappe, un Prologo e con l'introduzione della nuova categoria Classic.

Nonostante la pandemia di COVID-19 facesse pensare inizialmente che non si sarebbe tornati in Medio Oriente, gli organizzatori hanno invece confermato per il 2021 lo stesso paese che ad inizio anno ha visto Carlos Sainz e Ricky Brabec trionfare rispettivamente su auto e moto.

La Dakar 2021 comincerà il 3 gennaio dalla città di Jeddah per concludersi poi il 15 sempre lì; l'ultima volta che il rally raid era partito così presto risale al 2017, quando il 2 gennaio c'era stato il via ad Asunción (Paraguay) e conclusione a Buenos Aires 12 giorni più tardi.

Il Prologo del primo giorno deciderà l'ordine di partenza della Tappa 1, con le verifiche tecniche che si terranno a Jeddah l'1 e il 2 gennaio; la sosta è prevista per il 9 ad Ha'il.

David Castera e tutto il team della ASO hanno lavorato da remoto nelle loro abitazioni in questo periodo riuscendo in tre mesi a stilare un nuovo programma con un percorso totalmente inedito.

“In realtà non è proprio quello che volevamo perché avremmo desiderato attraversare 2-3 paesi, che però non saranno possibili perché la pandemia di Coronavirus ci ha impedito di recarci là per vedere i territori - spiega il direttore della gara a Motorsport.com - Queste cose vanno fatte per bene, parlando coi governi e non c'era soluzione, ma manterremo la Dakar in Arabia Saudita".

"Purtroppo al momento non si può viaggiare e vedere i nuovi percorsi, ma nei prossimi anni ci andremo. L'Arabia Saudita è grande e ci sono un sacco di opzioni alternative, per questo le strade del 2021 saranno al 100% nuove. Non volevamo replicare quelle di quest'anno, ci saranno giusto 50-80 km uguali, ma penso che sarà un'ottima gara".

La 43a edizione, la terza nella storia che rimane nel singolo paese dopo Perù 2019 e Arabia Saudita 2020, avrà due prove ad anello per dare un po' di respiro all'assistenza e ridurre i km di collegamento, più una Tappa Marathon senza assistenza al termine. Rispetto al Sud America, quest'anno i percorsi di collegamento erano stati già ridotti dal 50% al 35,12%.

Tutti i dettagli riguardo le Tappe debbono ancora essere rivelati (aspetteremo come sempre novembre), ma si sa già che verranno toccate quattro nuove regioni: Al-Jawf (al nord), Qassim (centro), e Asser ed Al-Baha nella parte sud-ovest della penisola.

Inoltre, per la prima volta, avremo in azioni i protagonisti della Classe Dakar Classic riservata alle vetture ai camion precedenti l'anno 2000, che affronteranno un percorso parallelo e daranno così lustro alla storia dell'evento.

“Qualche città sarà la stessa, altre nuove, ma a novembre diremo tutti - continua Castera - Come detto, il percorso è totalmente nuovo. La prima settimana del 2020 ha sorpreso tutti ed è piaciuta come programma, quindi dobbiamo mantenere questa cosa con nuovi percorsi e panorami".

Uno degli aspetti su cui l'organizzazione si è data da fare è il miglioramento della sicurezza dei concorrenti, specialmente sulle tratte a bassa velocità, dopo le tragedie di quest'anno che ci hanno strappato Paulo Gonçalves ed Edwin Straver.

“Abbiamo fatto un buon lavoro col programma satellitare scegliendo bene le strade, lo spirito è dare importanza alla tecnica e meno alla velocità, con Tappe che hanno caratteristiche molto differenti fra dune, terreni più duri, zone guidate e altre più veloci. Diciamo che sono più o meno contento, non è proprio quello che volevo, ma vediamo come funziona".

"Le ricognizioni cominceranno all'inizio di settembre, siamo convinti che lì avremo la gara pronta all'85-90%".

#427 South Racing - Can Am: Austin Jones, Kellon Walch

#427 South Racing - Can Am: Austin Jones, Kellon Walch
1/20

Foto di: Motul

#523 Epsilon MAN: Jordi Juvanteny, Jose Luis Criado, Xavier Domenech

#523 Epsilon MAN: Jordi Juvanteny, Jose Luis Criado, Xavier Domenech
2/20

Foto di: KH-7 Rally Team

#69 KTM: Florent Vayssade

#69 KTM: Florent Vayssade
3/20

Foto di: Motul

#77 Husqvarna: Jerome Denibaud

#77 Husqvarna: Jerome Denibaud
4/20

Foto di: Motul

#7 Monster Energy Honda Team: Kevin Benavides

#7 Monster Energy Honda Team: Kevin Benavides
5/20

Foto di: Motul

Prodrive Buggy

Prodrive Buggy
6/20

Foto di: Prodrive

#517 Team De Rooy IVECO: Albert Llovera, Ferran Marco Alcayna, Marc Torres

#517 Team De Rooy IVECO: Albert Llovera, Ferran Marco Alcayna, Marc Torres
7/20

Foto di: Team de Rooy

#517 Team De Rooy IVECO: Albert Llovera with Gerard de Rooy

#517 Team De Rooy IVECO: Albert Llovera with Gerard de Rooy
8/20

Foto di: Team de Rooy

#100 KTM: Stuart Gregory

#100 KTM: Stuart Gregory
9/20

Foto di: Motul

#12 Monster Energy Honda Team: Joan Barreda Bort

#12 Monster Energy Honda Team: Joan Barreda Bort
10/20

Foto di: Motul

Arkadiusz Lindner

Arkadiusz Lindner
11/20

Foto di: MCH Photo

Arkadiusz Lindner

Arkadiusz Lindner
12/20

Foto di: Vaclav Duska

#16 Red Bull KTM Factory Racing: Luciano Benavides

#16 Red Bull KTM Factory Racing: Luciano Benavides
13/20

Foto di: Motul

#303 JCW X-Raid Team: Jakub Przygonski, Timo Gottschalk

#303 JCW X-Raid Team: Jakub Przygonski, Timo Gottschalk
14/20

Foto di: X-Raid Team

#37 Husqvarna: Paul Spierings

#37 Husqvarna: Paul Spierings
15/20

Foto di: Motul

#362 MD Rallye Sport: Jianyun Jin, Wenke Ma

#362 MD Rallye Sport: Jianyun Jin, Wenke Ma
16/20

Foto di: Motul

#342 Red-Lined SA Nissan: Thomas Bell, Patrick Mcmurren

#342 Red-Lined SA Nissan: Thomas Bell, Patrick Mcmurren
17/20

Foto di: Motul

#401 South Racing - Can Am: Gerard Farres Guell, Armand Monleon

#401 South Racing - Can Am: Gerard Farres Guell, Armand Monleon
18/20

Foto di: Motul

#39 KTM: Benjamin Melot

#39 KTM: Benjamin Melot
19/20

Foto di: Motul

#355 X-Raid Mini: Aleksandr Dorossinskij, Oleg Uperenko

#355 X-Raid Mini: Aleksandr Dorossinskij, Oleg Uperenko
20/20

Foto di: X-Raid Team

condivisioni
commenti
Toby Price, dalla Dakar a Bathurst: "La 1000km è nella mia lista"

Articolo precedente

Toby Price, dalla Dakar a Bathurst: "La 1000km è nella mia lista"

Prossimo Articolo

Dakar: Prodrive rivela i dettagli del suo progetto

Dakar: Prodrive rivela i dettagli del suo progetto
Carica commenti
Paradosso Formula E: chi vuole sviluppare l'elettrico se ne va Prime

Paradosso Formula E: chi vuole sviluppare l'elettrico se ne va

L'addio di Audi per abbracciare una categoria che permetta di sviluppare l'auto e la tecnologia elettrica da zero è un campanello d'allarme preoccupante. E ora anche la Extreme E propone innovazioni che vanno oltre quelle in uso dalla Formula E.

Dakar
9 apr 2021
Motorsport senza età: dieci Over 50 ancora vincenti e Campioni Prime

Motorsport senza età: dieci Over 50 ancora vincenti e Campioni

Il bello del motorsport è che spesso si rivela senza età! Fra i tanti veterani del panorama internazionale, ne abbiamo scelti dieci Over50 che ancora riescono a vincere gare e titoli. Ecco i loro nomi e profili in ordine anagrafico.

WTCR
24 mar 2021
Elena, molto più di un copilota. Ecco cosa perde Loeb Prime

Elena, molto più di un copilota. Ecco cosa perde Loeb

Loeb, convinto da Prodrive, ha annunciato che non correrà più alla Dakar con lo storico navigatore Elena perché considerato il problema dopo la deludente edizione 2021. Analizziamo cosa perderà certamente il "Cannibale" senza avere accanto Elena dopo 23 anni di sodalizio.

WRC
17 mar 2021
Dakar: KTM sconfitta, ma non con le ossa rotte (tranne Price) Prime

Dakar: KTM sconfitta, ma non con le ossa rotte (tranne Price)

La Casa di Mattighofen ha incassato la seconda sconfitta consecutiva, ma nonostante il ko del suo uomo di punta Toby Price ed una Honda capace di vincere 10 speciali su 13, è rimasta in lizza per il successo finale fino all'ultima tappa con Sam Sunderland.

Dakar
20 gen 2021
Dakar: Husqvarna e Yamaha, che delusioni! Prime

Dakar: Husqvarna e Yamaha, che delusioni!

Questi sono gli altri due marchi che si presentavano al via della Dakar 2021 con ambizioni importanti, ma solamente Pablo Quintanilla ha visto il traguardo, con un settimo posto molto distante dal secondo dello scorso anno. Scopriamo insieme cosa è successo.

Dakar
19 gen 2021
Dakar Camion: scopriamo qual è il vero segreto Kamaz Prime

Dakar Camion: scopriamo qual è il vero segreto Kamaz

Andiamo a scoprire come mai la Kamaz ha collezionato la 18esima vittoria alla Dakar, festeggiando anche una storica tripletta che non si ripeteva dal 2015. Non c'è solo una superiorità tecnica dei camion 43509, ma c'è un'intera città, Naberezhnye Chelny, nata e cresciuta intorno alla fabbrica, che vive per imporsi nel Rally Raid più famoso. C'è una scuola karting che forma i futuri piloti e li alleva con mezzi OTK forniti da Alonso. E, inoltre...

Dakar
17 gen 2021
Dakar 2021: il premio Fair play al team Orobicaraid Prime

Dakar 2021: il premio Fair play al team Orobicaraid

Hanno aiutato gli avversari diretti che si erano capotati su una duna e hanno perso molto tempo: Giulio Verzelletti, poi, ha dovuto chiedere l'intervento dell'elisoccorso a causa di una violenta colica renale, ma l'Unimog con Giuseppe Fortuna a Marino Mutti è arrivato al traguardo, dove il direttore di corsa, Castera, gli ha consegnato il premio Fair Play per aver interpretato al meglio lo spirito della corsa. E non sono stati nemmeno usclusi dalla classifica.

Dakar
16 gen 2021
Dakar, Auto: Peterhasel ha battuto Al-Attiyah con la pazienza Prime

Dakar, Auto: Peterhasel ha battuto Al-Attiyah con la pazienza

Terminata la 43esima edizione della Dakar 2021, andiamo ad analizzare quanto accaduto nella categoria Auto che ha visto prevalere Stéphane Peterhansel (MINI) dopo un bel duello con Nasser Al-Attiyah (Toyota).

Dakar
16 gen 2021