Dakar: Cherpin ancora in coma, ma lotta per la vita

Il francese è stabile dopo il lungo intervento di neurochirgia a cui è stato sottoposto ieri all'ospedale di Sakaka. Dopo la caduta al km 178 della tappa 7, Pierre non ha più ripreso conoscenza, ma il gentleman driver dell'Husqvarna lotta per la vita come un navigatore nel pieno della tempesta. I medici non hanno sciolto la prognosi e aspettano il decorso post-operatorio.

Dakar: Cherpin ancora in coma, ma lotta per la vita

Pierre Cherpin non si arrende. Il francese è abituato a stare nella bufera. Da provetto velista sa che non bisogna forzare: c’è un momento in cui si può andare all’attacco, ma c’è anche la fase dell’attesa. E ora deve dare fondo a tutte le sue energie per resistere al momento peggiore, perché l’avventura non si trasformi in tragedia.

Il transalpino è ricoverato nell’ospedale di Sakaka dove è stato trasferito ieri d’urgenza dopo la brutta caduta nella tappa 7 della Dakar al km 178 della speciale di ieri. Le sue condizioni sono parse subito molto gravi: l’Husqvarna da una parte e il corpo esamine dall’altra. I soccorritori non hanno perso tempo chiedendo subito l’intervento dell’elicottero perché Pierre il sognatore, l’avventuriero era accasciato a terra senza conoscenza.

Cherpin è stato sottoposto a un serio intervento di neurochirurgia alla testa per ridurre l’ematoma causato dal forte trauma cranico. C’era chi temeva che non passasse la nottata e, per fortuna, invece, Pierre è di fibra forte e lotta con tutte le energie. Non si arrende. I medici dopo l’operazione non hanno voluto sciogliere la prognosi che resta riservata, perché il transalpino è sempre in coma, ma le sue condizioni sono stabili. E ogni ora che passa cresce la speranza che qualcosa di positivo possa ancora succedere…

Leggi anche:

Pierre non è un pilota professionista. È un gentleman. Un imprenditore prestato alle moto trascinato dalla passione per le due ruote. Era consapevole dei rischi e non nascondeva le paure, ma nonostante tutto era un ostinato che voleva andare avanti, consapevole di aver scelto di correre nella classe più difficile, quella dell’Original by Motul, la categoria malle moto, quella senza alcun mezzo di assistenza. Solo contro tutti.

E anche adesso su quel letto d’ospedale Cherpin è solo contro il destino: magari starà cavalcando la sua Husqvarna per uscire da questo brutto sogno. E il bivacco tutto della Dakar aspetta con ansia che ci sia il suo risveglio. Poco importa che fosse solo al 77esimo posto assoluto della classifica moto. È un eroe che ha accettato la sfida proprio come i grandi campioni e ora deve uscire da quel tunnel nero per rivedere la luce.

Pierre Cherpin con la sua Husqvarna al via della tappa di ieri

Pierre Cherpin con la sua Husqvarna al via della tappa di ieri

Photo by: A.S.O.

condivisioni
commenti
Podcast Dakar: "Dune Mosse" - Tappa 8
Articolo precedente

Podcast Dakar: "Dune Mosse" - Tappa 8

Prossimo Articolo

La Dakar è finita per Gerini: è in ospedale dopo una caduta

La Dakar è finita per Gerini: è in ospedale dopo una caduta
Carica commenti
Dakar: Audi, la RS Q e-tron cerca nuove vie di sviluppo elettrico Prime

Dakar: Audi, la RS Q e-tron cerca nuove vie di sviluppo elettrico

Audi ha svelato la RS Q e-tron, arma elettrica con cui andrà alla caccia della vittoria alla Dakar. La Caa dei 4 anelli punta davvero sulla propulsione elettrica, tanto da puntare forte su strumenti che altre categorie hanno reso standard e plafonate.

Dakar
25 lug 2021
Paradosso Formula E: chi vuole sviluppare l'elettrico se ne va Prime

Paradosso Formula E: chi vuole sviluppare l'elettrico se ne va

L'addio di Audi per abbracciare una categoria che permetta di sviluppare l'auto e la tecnologia elettrica da zero è un campanello d'allarme preoccupante. E ora anche la Extreme E propone innovazioni che vanno oltre quelle in uso dalla Formula E.

Dakar
9 apr 2021
Motorsport senza età: dieci Over 50 ancora vincenti e Campioni Prime

Motorsport senza età: dieci Over 50 ancora vincenti e Campioni

Il bello del motorsport è che spesso si rivela senza età! Fra i tanti veterani del panorama internazionale, ne abbiamo scelti dieci Over50 che ancora riescono a vincere gare e titoli. Ecco i loro nomi e profili in ordine anagrafico.

WTCR
24 mar 2021
Elena, molto più di un copilota. Ecco cosa perde Loeb Prime

Elena, molto più di un copilota. Ecco cosa perde Loeb

Loeb, convinto da Prodrive, ha annunciato che non correrà più alla Dakar con lo storico navigatore Elena perché considerato il problema dopo la deludente edizione 2021. Analizziamo cosa perderà certamente il "Cannibale" senza avere accanto Elena dopo 23 anni di sodalizio.

WRC
17 mar 2021
Dakar: KTM sconfitta, ma non con le ossa rotte (tranne Price) Prime

Dakar: KTM sconfitta, ma non con le ossa rotte (tranne Price)

La Casa di Mattighofen ha incassato la seconda sconfitta consecutiva, ma nonostante il ko del suo uomo di punta Toby Price ed una Honda capace di vincere 10 speciali su 13, è rimasta in lizza per il successo finale fino all'ultima tappa con Sam Sunderland.

Dakar
20 gen 2021
Dakar: Husqvarna e Yamaha, che delusioni! Prime

Dakar: Husqvarna e Yamaha, che delusioni!

Questi sono gli altri due marchi che si presentavano al via della Dakar 2021 con ambizioni importanti, ma solamente Pablo Quintanilla ha visto il traguardo, con un settimo posto molto distante dal secondo dello scorso anno. Scopriamo insieme cosa è successo.

Dakar
19 gen 2021
Dakar Camion: scopriamo qual è il vero segreto Kamaz Prime

Dakar Camion: scopriamo qual è il vero segreto Kamaz

Andiamo a scoprire come mai la Kamaz ha collezionato la 18esima vittoria alla Dakar, festeggiando anche una storica tripletta che non si ripeteva dal 2015. Non c'è solo una superiorità tecnica dei camion 43509, ma c'è un'intera città, Naberezhnye Chelny, nata e cresciuta intorno alla fabbrica, che vive per imporsi nel Rally Raid più famoso. C'è una scuola karting che forma i futuri piloti e li alleva con mezzi OTK forniti da Alonso. E, inoltre...

Dakar
17 gen 2021
Dakar 2021: il premio Fair play al team Orobicaraid Prime

Dakar 2021: il premio Fair play al team Orobicaraid

Hanno aiutato gli avversari diretti che si erano capotati su una duna e hanno perso molto tempo: Giulio Verzelletti, poi, ha dovuto chiedere l'intervento dell'elisoccorso a causa di una violenta colica renale, ma l'Unimog con Giuseppe Fortuna a Marino Mutti è arrivato al traguardo, dove il direttore di corsa, Castera, gli ha consegnato il premio Fair Play per aver interpretato al meglio lo spirito della corsa. E non sono stati nemmeno usclusi dalla classifica.

Dakar
16 gen 2021