Dakar, Camion, Tappa 10: Shibalov prima dello stop

La decima speciale, prima frazione della Tappa Marathon, è stata interrotta al km 223 dopo il peggioramento delle condizioni meteo mentre erano al comando Shibalov, Sotnikov e Nikolaev. Karginov resta leader e destra attenzione di quarto posto di Huzink con il Renault C460 Hybrid.

Il continuo peggioramento delle condizioni meteo con raffiche di vento molto violente hanno consigliato la direzione gara della Dakar di interrompere la disputa della 10 Tappa, Haradh-Shubaytah, al km 223 per dare modo a tutti mezzi di sicurezza di intervenire a supporto dei concorrenti in difficoltà.

In particolare i soccorsi si sono concentrati su Roman Starikovich e Bert Heske che con la loro Toyota si sono capottati riportando entrambi seri danni alla colonna vertebrale, per cui sono stati trasferiti in elicottero all'ospedale più vicino.

Nei camion lo stop è arrivato mentre c'erano tre Kamaz in fuga, con il MAZ di Siarhei Viazovich in ritardo di oltre mezz'ora dopo una disavventura nelle prime battute dell'attraversamento dell'insidioso deserto di Rub al Khali.

Tranne il bielorusso che si allontana dai russi che conducono la gara, la classifica non ha subito importanti cambiamenti in quella che era la prima parte della Tappa Marathon: gli equipaggi superstiti quando arriveranno al bivacco non troveranno alcuna assistenza e dovranno arrangiarsi a fare il rialzo per la tappa di domani che porterà la carovana nuovamente ad Haradh.

I bisonti della strada si sono "risparmiati" le alte dune di circa 250 metri che avrebbero caratterizzato gli ultimi 30 km della speciale e che avrebbero potuto determinare una forte selezione che, invece, non c'è stata.

Andrey Karginov, dopo le due forature di ieri, ha approcciato la speciale in modo guardingo: il leader assoluto della classifica camion ha evitato di prendere rischi inutili e si è accontentato della quinta posizione nella graduatoria di oggi, lasciando ad Anton Shibalov il successo di tappa e solo un paio di minuti nella generale.

Shibalov, alla terza affermazione in questa Dakar, ha guidato il tris di Kamaz 43509 con Dmitry Sotnikov e Eduard Nikolaev a far da assistenze veloci. Sarebbe stato un poker russo se fra i primi tre e Karginov non si fosse infilato Gert Huzink che ha portato alla ribalta il Renault C460 Hybrid, vale a dire il primo camion ibrido alla Dakar portato in gara in modo brillante dal team Riwald.

L'equipaggio olandese ha concesso ai Kamaz di vertice solo 1'41", segno che le potenzialità per fare bene ci sono tutte: Gert sperava di poter usare i motori elettrici proprio per scalare le insidiose dune che sono state tagliate dal percorso, ma ha avuto la conferma che la scelta tecnica può avere uno sbocco nel futuro.

La classifica generale
10. Tappa (Haradh-Shubaytah)
speciale: 534 km; trasferimento: 74 km; totale: 608 km

Pos. Pilota/Meccanico/Navigatore Camion Tempo/distacco
1 Karginov-Mokeev-Leonov Kamaz 43509 40.20'04"
2 Shibalov-Nikitin-Tatarinov Kamaz 43509 +36'08"
3 Viazovich-Haranin-Zaparoshchanka Maz 6440RR +1.40'00"
4 Loprais-Pokora-Alkendi Praga V4S DKR +2.21'18"
5 Sotnikov-Akhmadeeev-Akhmetzianov Kamaz 43509 +2.48'10"
6 Macik-Tomasek-Svanda Iveco Powerstar +3.12'13"
7 Van Kasteren-Rodenwald-Snjiders Iveco Powerstar +3.52'02"
8 Vishneuski-Novikau-Neviarovich Maz 5309RR +4.37'52"
9 Soltys-Sikola-Schovanek Tatra +5.03'53"
10 Sugawara-Mochizuki-Somemiya Hino 500 +5.19'29"

 

#511 Team KAMAZ Master: Andrey Karginov, Andrey Mokeev, Igor Leonov
#511 Team KAMAZ Master: Andrey Karginov, Andrey Mokeev, Igor Leonov
1/8

Foto di: Red Bull Content Pool

#501 Team KAMAZ Master: Dmitry Sotnikov, Ruslan Akhmadeev, Ilgiz Akhmetzianov
#501 Team KAMAZ Master: Dmitry Sotnikov, Ruslan Akhmadeev, Ilgiz Akhmetzianov
2/8

Foto di: Red Bull Content Pool

#507 Riwald Dakar Team Renault: Gert Huzink, Rob Buursen, Martin Roesink
#507 Riwald Dakar Team Renault: Gert Huzink, Rob Buursen, Martin Roesink
3/8

Foto di: A.S.O.

#517 Team De Rooy IVECO: Albert Llovera, Ferran Marco Alcayna, Marc Torres
#517 Team De Rooy IVECO: Albert Llovera, Ferran Marco Alcayna, Marc Torres
4/8

Foto di: Team de Rooy

#517 Team De Rooy IVECO: Albert Llovera, Ferran Marco Alcayna, Marc Torres
#517 Team De Rooy IVECO: Albert Llovera, Ferran Marco Alcayna, Marc Torres
5/8

Foto di: Team de Rooy

Albert Llovera
Albert Llovera
6/8
#517 Team De Rooy IVECO: Albert Llovera, Ferran Marco Alcayna, Marc Torres
#517 Team De Rooy IVECO: Albert Llovera, Ferran Marco Alcayna, Marc Torres
7/8

Foto di: Team de Rooy

#503 MAZ-SPORTauto: Siarhei Viazovich, Pavel Haranin, Anton Zaparoshchanka
#503 MAZ-SPORTauto: Siarhei Viazovich, Pavel Haranin, Anton Zaparoshchanka
8/8

Foto di: A.S.O.

condivisioni
commenti
Dakar, Moto, Tappa 10: Barreda al top nella Marathon fermata
Articolo precedente

Dakar, Moto, Tappa 10: Barreda al top nella Marathon fermata

Prossimo Articolo

Dakar, Auto, Tappa 10: Sainz vince e allunga. Alonso capotta

Dakar, Auto, Tappa 10: Sainz vince e allunga. Alonso capotta
Carica commenti
Dakar: Audi, la RS Q e-tron cerca nuove vie di sviluppo elettrico Prime

Dakar: Audi, la RS Q e-tron cerca nuove vie di sviluppo elettrico

Audi ha svelato la RS Q e-tron, arma elettrica con cui andrà alla caccia della vittoria alla Dakar. La Caa dei 4 anelli punta davvero sulla propulsione elettrica, tanto da puntare forte su strumenti che altre categorie hanno reso standard e plafonate.

Dakar
25 lug 2021
Paradosso Formula E: chi vuole sviluppare l'elettrico se ne va Prime

Paradosso Formula E: chi vuole sviluppare l'elettrico se ne va

L'addio di Audi per abbracciare una categoria che permetta di sviluppare l'auto e la tecnologia elettrica da zero è un campanello d'allarme preoccupante. E ora anche la Extreme E propone innovazioni che vanno oltre quelle in uso dalla Formula E.

Dakar
9 apr 2021
Motorsport senza età: dieci Over 50 ancora vincenti e Campioni Prime

Motorsport senza età: dieci Over 50 ancora vincenti e Campioni

Il bello del motorsport è che spesso si rivela senza età! Fra i tanti veterani del panorama internazionale, ne abbiamo scelti dieci Over50 che ancora riescono a vincere gare e titoli. Ecco i loro nomi e profili in ordine anagrafico.

WTCR
24 mar 2021
Elena, molto più di un copilota. Ecco cosa perde Loeb Prime

Elena, molto più di un copilota. Ecco cosa perde Loeb

Loeb, convinto da Prodrive, ha annunciato che non correrà più alla Dakar con lo storico navigatore Elena perché considerato il problema dopo la deludente edizione 2021. Analizziamo cosa perderà certamente il "Cannibale" senza avere accanto Elena dopo 23 anni di sodalizio.

WRC
17 mar 2021
Dakar: KTM sconfitta, ma non con le ossa rotte (tranne Price) Prime

Dakar: KTM sconfitta, ma non con le ossa rotte (tranne Price)

La Casa di Mattighofen ha incassato la seconda sconfitta consecutiva, ma nonostante il ko del suo uomo di punta Toby Price ed una Honda capace di vincere 10 speciali su 13, è rimasta in lizza per il successo finale fino all'ultima tappa con Sam Sunderland.

Dakar
20 gen 2021
Dakar: Husqvarna e Yamaha, che delusioni! Prime

Dakar: Husqvarna e Yamaha, che delusioni!

Questi sono gli altri due marchi che si presentavano al via della Dakar 2021 con ambizioni importanti, ma solamente Pablo Quintanilla ha visto il traguardo, con un settimo posto molto distante dal secondo dello scorso anno. Scopriamo insieme cosa è successo.

Dakar
19 gen 2021
Dakar Camion: scopriamo qual è il vero segreto Kamaz Prime

Dakar Camion: scopriamo qual è il vero segreto Kamaz

Andiamo a scoprire come mai la Kamaz ha collezionato la 18esima vittoria alla Dakar, festeggiando anche una storica tripletta che non si ripeteva dal 2015. Non c'è solo una superiorità tecnica dei camion 43509, ma c'è un'intera città, Naberezhnye Chelny, nata e cresciuta intorno alla fabbrica, che vive per imporsi nel Rally Raid più famoso. C'è una scuola karting che forma i futuri piloti e li alleva con mezzi OTK forniti da Alonso. E, inoltre...

Dakar
17 gen 2021
Dakar 2021: il premio Fair play al team Orobicaraid Prime

Dakar 2021: il premio Fair play al team Orobicaraid

Hanno aiutato gli avversari diretti che si erano capotati su una duna e hanno perso molto tempo: Giulio Verzelletti, poi, ha dovuto chiedere l'intervento dell'elisoccorso a causa di una violenta colica renale, ma l'Unimog con Giuseppe Fortuna a Marino Mutti è arrivato al traguardo, dove il direttore di corsa, Castera, gli ha consegnato il premio Fair Play per aver interpretato al meglio lo spirito della corsa. E non sono stati nemmeno usclusi dalla classifica.

Dakar
16 gen 2021