Dakar 2019: la favola di Dutto è stata interrotta per un fraintendimento

Nicola è stato escluso dalla quarta tappa insieme ai suoi "angeli custodi" Villarubia e Toral per aver raggiunto il bivacco saltando il secondo tratto di speciale: "Avremmo dovuto arrivare al CP3 prima di giocare il jolly - spiega il paraplegico - e così siamo out. Peccato!"

Dakar 2019: la favola di Dutto è stata interrotta per un fraintendimento

“Bendita locura”, benedetta follia. La definisce così Julian Villarubia, l’impresa di Nicola Dutto alla Dakar. Al suo fianco dalla Baja Aragon 2012, quando Nicola, pilota professionista KTM, è tornato a correre in moto per la prima volta dopo l’incidente del 2010 che lo aveva costretto alla sedia rotelle, Julian è uno dei tre angeli custodi che hanno accompagnato Nicola a Lima.

L’avventura, che ha dell’incredibile, era stata preparata nei minimi dettagli.
“La moto mi ha tolto tanto, ma mi ha anche ridato una seconda vita. Quando metto il casco, sono felice, ritrovo la libertà” raccontava Nicola alla vigilia. “Sono tornato in moto nel 2012. Ho partecipato a tutte le gare che avevo fatto da normodotato. Mi mancava la Dakar, la regina dei rally. Se me l’avessero proposta qualche anno fa avrei risposto che era una follia. Ma in questi anni ho ritrovato la facilità di guidare ad alte velocità e a controllare la moto sui percorsi più tecnici, fra sassi e insidie di ogni tipo”.

Nicola ha adattato la sua KTM da enduro con un telaio multitubolare ed un guscio contenitivo per le gambe, e modificato i comandi avere tutto i controlli sul manubrio (frizione automatica, i bottoni per cambiare le marce nella mano sinistra, la strumentazione per navigare sulla destra) ed infine una sella modifica con un cuscino antidecupito sviluppato da Vicair.

Tappa dopo tappa, Nicola e i suoi tre angeli custodi, gli spagnoli Julian Villarubia, Pablo Toral e Victor Rivera, pronti a rialzarlo in caso di caduta, hanno emozionato tutto il bivacco della Dakar.

“Le tappe sono lunghe ma mi diverto. Un’esitazione o uno stupido errore da principiante mi sono costati qualche caduta di troppo, ma sono contento perché se affronto deciso le dune, le supero senza troppe difficoltà”.

Leggi anche:

La doccia fredda è arrivata alla quarta tappa Arequipa – Moquegua, 351 km di prova cronometrata divisi da una neutralizzazione. Al km 70 la moto di Victor, l’apriprista, si è spenta nel fesh fesh. Dopo aver perso un paio d’ore per rimetterla in moto, sono stati costretti a lasciare Victor e continuare in tre con anche la moto di Pablo che aveva dei problemi.

Giunti al CP2 (km 136 dei 347 di gara) prima del tratto di neutralizzazione che li avrebbe condotti alla seconda parte della speciale (146km di prova cronometrata), hanno chiesto di poter raggiungere il bivacco per strada normale. I commissari hanno chiesto al PC Course, il quale, come da regolamento, ha confermato che occorreva proseguire per tutta la prova o almeno fino al CP3 in via eccezionale.  Invece il commissario di percorso deve aver frainteso dando a Nicola il permesso di continuare per asfalto. Arrivati al bivacco, l’esclusione dalla gara è arrivata come una doccia fredda.

"La forza della motivazione dei noi quattro ci avrebbe portato fino a Lima!", ha commentato tristemente Nicola, "stavo bene, mi sentivo in forma e guidavo bene. Continuare in due sarebbe stato troppo rischioso, per questo volevamo raggiungere il bivacco per riparare la terza moto. Sapevo che potevamo giocarci un jolly prendendoci una penalizzazione, ma l’esclusione è stata una doccia fredda".

Finire così un’impresa straordinaria animata da una “benditalocura” lascia l’amaro in bocca…

condivisioni
commenti
Dakar, Moto, Tappa 5: per ora vince de Soultrait, ma Sunderland potrebbe ereditare il successo

Articolo precedente

Dakar, Moto, Tappa 5: per ora vince de Soultrait, ma Sunderland potrebbe ereditare il successo

Prossimo Articolo

Dakar, Moto: la quinta tappa passa a Sunderland, ora secondo nella generale

Dakar, Moto: la quinta tappa passa a Sunderland, ora secondo nella generale
Carica commenti
Dakar: Audi, la RS Q e-tron cerca nuove vie di sviluppo elettrico Prime

Dakar: Audi, la RS Q e-tron cerca nuove vie di sviluppo elettrico

Audi ha svelato la RS Q e-tron, arma elettrica con cui andrà alla caccia della vittoria alla Dakar. La Caa dei 4 anelli punta davvero sulla propulsione elettrica, tanto da puntare forte su strumenti che altre categorie hanno reso standard e plafonate.

Dakar
25 lug 2021
Paradosso Formula E: chi vuole sviluppare l'elettrico se ne va Prime

Paradosso Formula E: chi vuole sviluppare l'elettrico se ne va

L'addio di Audi per abbracciare una categoria che permetta di sviluppare l'auto e la tecnologia elettrica da zero è un campanello d'allarme preoccupante. E ora anche la Extreme E propone innovazioni che vanno oltre quelle in uso dalla Formula E.

Dakar
9 apr 2021
Motorsport senza età: dieci Over 50 ancora vincenti e Campioni Prime

Motorsport senza età: dieci Over 50 ancora vincenti e Campioni

Il bello del motorsport è che spesso si rivela senza età! Fra i tanti veterani del panorama internazionale, ne abbiamo scelti dieci Over50 che ancora riescono a vincere gare e titoli. Ecco i loro nomi e profili in ordine anagrafico.

WTCR
24 mar 2021
Elena, molto più di un copilota. Ecco cosa perde Loeb Prime

Elena, molto più di un copilota. Ecco cosa perde Loeb

Loeb, convinto da Prodrive, ha annunciato che non correrà più alla Dakar con lo storico navigatore Elena perché considerato il problema dopo la deludente edizione 2021. Analizziamo cosa perderà certamente il "Cannibale" senza avere accanto Elena dopo 23 anni di sodalizio.

WRC
17 mar 2021
Dakar: KTM sconfitta, ma non con le ossa rotte (tranne Price) Prime

Dakar: KTM sconfitta, ma non con le ossa rotte (tranne Price)

La Casa di Mattighofen ha incassato la seconda sconfitta consecutiva, ma nonostante il ko del suo uomo di punta Toby Price ed una Honda capace di vincere 10 speciali su 13, è rimasta in lizza per il successo finale fino all'ultima tappa con Sam Sunderland.

Dakar
20 gen 2021
Dakar: Husqvarna e Yamaha, che delusioni! Prime

Dakar: Husqvarna e Yamaha, che delusioni!

Questi sono gli altri due marchi che si presentavano al via della Dakar 2021 con ambizioni importanti, ma solamente Pablo Quintanilla ha visto il traguardo, con un settimo posto molto distante dal secondo dello scorso anno. Scopriamo insieme cosa è successo.

Dakar
19 gen 2021
Dakar Camion: scopriamo qual è il vero segreto Kamaz Prime

Dakar Camion: scopriamo qual è il vero segreto Kamaz

Andiamo a scoprire come mai la Kamaz ha collezionato la 18esima vittoria alla Dakar, festeggiando anche una storica tripletta che non si ripeteva dal 2015. Non c'è solo una superiorità tecnica dei camion 43509, ma c'è un'intera città, Naberezhnye Chelny, nata e cresciuta intorno alla fabbrica, che vive per imporsi nel Rally Raid più famoso. C'è una scuola karting che forma i futuri piloti e li alleva con mezzi OTK forniti da Alonso. E, inoltre...

Dakar
17 gen 2021
Dakar 2021: il premio Fair play al team Orobicaraid Prime

Dakar 2021: il premio Fair play al team Orobicaraid

Hanno aiutato gli avversari diretti che si erano capotati su una duna e hanno perso molto tempo: Giulio Verzelletti, poi, ha dovuto chiedere l'intervento dell'elisoccorso a causa di una violenta colica renale, ma l'Unimog con Giuseppe Fortuna a Marino Mutti è arrivato al traguardo, dove il direttore di corsa, Castera, gli ha consegnato il premio Fair Play per aver interpretato al meglio lo spirito della corsa. E non sono stati nemmeno usclusi dalla classifica.

Dakar
16 gen 2021