Dakar 2019: Motul
Topic

Dakar 2019: Motul

Dakar 2019, Arnold Brucy nell'Original by Motul nel segno di papà Jean

Il figlio di Jean Brucy, compagno di squadra KTM di Fabrizio Meoni nel 2001, ha deciso di partecipare alla Dakar 2019 nella categoria dei piloti senza assistenza: al momento è al 54esimo posto della classifica generale moto, ma punta a un piazzamento di categoria.

Dakar 2019, Arnold Brucy nell'Original by Motul nel segno di papà Jean

I nostalgici della Dakar africana si ricorderanno sicuramente di Jean Brucy, il pilota ufficiale KTM al fianco del nostro Fabrizio Meoni quando trionfò sul Lago Rosa nel 2001 e purtroppo anche in quella maledetta edizione del 2005 in cui il campione italiano perse la vita.

Prima ancora Jean era stato pilota ufficiale Honda, con la sua EXP2, 400cc, monocilindro, 2 tempi, vera opera d’arte che è in mostra al Museo di Motegi, accanto a quella di un altro suo illustro connazionale, Gilles Lalay.

Con 20 partecipazioni alla Dakar da pilota (16 in moto e 4 in auto) e tante altre ancora da co-pilota, Jean non poteva non ha trasmesso la sua passione al figlio Arnold.

Classe 1989, dopo un abbandono al debutto nel 2017 e un 45esimo piazzamento nel 2018, Arnold quest’anno ha deciso di correre senza assistenza. Al momento è 54esimo della classifica generale, punta a finire e a fare bene nella categoria, che premia il primo dei piloti “Original by Motul”.

Come è nata questa idea?
“Lo scorso anno correvo con l’assistenza, ma la sera mi recavo spesso al paddock Original by Motul. Ho studiato un po’ il funzionamento e così mi sono deciso. La logistica di questa edizione limitata ad un solo paese ha reso le cose più semplici. Non solo, ma credo che una volta nella vita valga la pena provarci. Si respira un po’ lo spirito delle origini della Dakar”.

Quanto ha influito il budget in questa scelta?
“Sicuramente ha giocato un ruolo importante. Avevo trovato sponsor per 40.000 euro, ma non bastavano per coprire anche le spese dell’assistenza, che generalmente si aggirano intorno ai 15.000 euro”.

Come sta andando la gara?
“E’ dura! Me la cavo abbastanza bene con la meccanica, ma dovendo lavorare anche sulla moto prima di preparare il road book, le giornate diventano davvero infinite!"

Che consigli le ha dato papà Jean?
“Seguire sempre il CAP! Me lo ripete come un mantra sin dal debutto nella disciplina. Abbiamo fatto il primo rally africano insieme (il Merzouga Rally, ndr). Ho appreso molto da lui e sicuramente è il mio primo sostenitore. Posso dirmi fortunato. Ritrovarsi la sera al bivacco, dopo una giornata andata storta, è un gran supporto”.

condivisioni
commenti
Dakar: Gerini, la Liparoti e Bellina tengono alta la bandiera tricolore a tre tappe dal termine
Articolo precedente

Dakar: Gerini, la Liparoti e Bellina tengono alta la bandiera tricolore a tre tappe dal termine

Prossimo Articolo

Dakar: il sistema di gonfiaggio e sgonfiaggio gomme è il tallone d'Achille dei Buggy MINI

Dakar: il sistema di gonfiaggio e sgonfiaggio gomme è il tallone d'Achille dei Buggy MINI
Carica commenti
Dakar: Audi, la RS Q e-tron cerca nuove vie di sviluppo elettrico Prime

Dakar: Audi, la RS Q e-tron cerca nuove vie di sviluppo elettrico

Audi ha svelato la RS Q e-tron, arma elettrica con cui andrà alla caccia della vittoria alla Dakar. La Caa dei 4 anelli punta davvero sulla propulsione elettrica, tanto da puntare forte su strumenti che altre categorie hanno reso standard e plafonate.

Dakar
25 lug 2021
Paradosso Formula E: chi vuole sviluppare l'elettrico se ne va Prime

Paradosso Formula E: chi vuole sviluppare l'elettrico se ne va

L'addio di Audi per abbracciare una categoria che permetta di sviluppare l'auto e la tecnologia elettrica da zero è un campanello d'allarme preoccupante. E ora anche la Extreme E propone innovazioni che vanno oltre quelle in uso dalla Formula E.

Dakar
9 apr 2021
Motorsport senza età: dieci Over 50 ancora vincenti e Campioni Prime

Motorsport senza età: dieci Over 50 ancora vincenti e Campioni

Il bello del motorsport è che spesso si rivela senza età! Fra i tanti veterani del panorama internazionale, ne abbiamo scelti dieci Over50 che ancora riescono a vincere gare e titoli. Ecco i loro nomi e profili in ordine anagrafico.

WTCR
24 mar 2021
Elena, molto più di un copilota. Ecco cosa perde Loeb Prime

Elena, molto più di un copilota. Ecco cosa perde Loeb

Loeb, convinto da Prodrive, ha annunciato che non correrà più alla Dakar con lo storico navigatore Elena perché considerato il problema dopo la deludente edizione 2021. Analizziamo cosa perderà certamente il "Cannibale" senza avere accanto Elena dopo 23 anni di sodalizio.

WRC
17 mar 2021
Dakar: KTM sconfitta, ma non con le ossa rotte (tranne Price) Prime

Dakar: KTM sconfitta, ma non con le ossa rotte (tranne Price)

La Casa di Mattighofen ha incassato la seconda sconfitta consecutiva, ma nonostante il ko del suo uomo di punta Toby Price ed una Honda capace di vincere 10 speciali su 13, è rimasta in lizza per il successo finale fino all'ultima tappa con Sam Sunderland.

Dakar
20 gen 2021
Dakar: Husqvarna e Yamaha, che delusioni! Prime

Dakar: Husqvarna e Yamaha, che delusioni!

Questi sono gli altri due marchi che si presentavano al via della Dakar 2021 con ambizioni importanti, ma solamente Pablo Quintanilla ha visto il traguardo, con un settimo posto molto distante dal secondo dello scorso anno. Scopriamo insieme cosa è successo.

Dakar
19 gen 2021
Dakar Camion: scopriamo qual è il vero segreto Kamaz Prime

Dakar Camion: scopriamo qual è il vero segreto Kamaz

Andiamo a scoprire come mai la Kamaz ha collezionato la 18esima vittoria alla Dakar, festeggiando anche una storica tripletta che non si ripeteva dal 2015. Non c'è solo una superiorità tecnica dei camion 43509, ma c'è un'intera città, Naberezhnye Chelny, nata e cresciuta intorno alla fabbrica, che vive per imporsi nel Rally Raid più famoso. C'è una scuola karting che forma i futuri piloti e li alleva con mezzi OTK forniti da Alonso. E, inoltre...

Dakar
17 gen 2021
Dakar 2021: il premio Fair play al team Orobicaraid Prime

Dakar 2021: il premio Fair play al team Orobicaraid

Hanno aiutato gli avversari diretti che si erano capotati su una duna e hanno perso molto tempo: Giulio Verzelletti, poi, ha dovuto chiedere l'intervento dell'elisoccorso a causa di una violenta colica renale, ma l'Unimog con Giuseppe Fortuna a Marino Mutti è arrivato al traguardo, dove il direttore di corsa, Castera, gli ha consegnato il premio Fair Play per aver interpretato al meglio lo spirito della corsa. E non sono stati nemmeno usclusi dalla classifica.

Dakar
16 gen 2021