Dakar, Méo: "Quante emozioni in un giorno solo!"

condivisioni
commenti
Dakar, Méo:
Di: Elisabetta Caracciolo
13 gen 2016, 23:56

Il centauro della KTM ha dovuto affrontare i primi chilometri vicino alle auto di de Villiers e Carlos Sainz

#49 KTM: Antoine Meo
#49 KTM: Antoine Meo
#49 KTM: Antoine Meo
#49 KTM: Antoine Meo
#2 Honda: Paulo Goncalves
Michael Metge
#48 Honda: Ricky Brabec
#48 Honda: Ricky Brabec

Antoine Meo (KTM) stamattina partiva in una situazione delicata. Davanti a lui una Peugeot quella di Carlos Sainz, poi due Mini e la Toyota di De Villiers, e alle sue spalle quella di Nasser Al Attiyah: ce n'era abbstanza per essere un po' preoccupati all'inizio della decima tappa della Dakar 2016.

Ride Meo: “Ero un po' teso in effetti, con tutte quelle Mini davanti e una Peugeot. Anche perché il primo tratto era un po' casino e fin da subito c'era una navigazione bella tosta. Uno si è ribaltato dopo cinque km – racconta il campione del mondo enduro - Van Loon credo. Poi ho incontrato Mikko Hirvonen, con la Mini, che era contromano e stava cercando il primo wpt. Io invece l'ho trovato il WPT – mi è andata bene – sono rimasto sulla duna dura e loro invece sono andati nella valle, non so”.

E le sue avventure con le auto che gli partivano davanti erano solo all'inizio: “Dopo 40 km ho beccato De Villiers e l'ho passato. Poi lui nel rio mi ha passato di nuovo e mi è rimasto davanti. A quel punto abbiamo imboccato una pista più stretta e c'era un sacco di polvere e non me la sono sentita di rischiare. Sono rimasto dietro a lui per 60 km, era veloce ma non abbastanza per me, mi dava un po' di fastidio. L'ho passato intorno al chilometro cento e qualche cosa e sono arrivato al CP. Lì prima di partire ho chiesto dove fosse Sainz e al controllo mi hanno detto 'non ti devi preoccupare, è partito da più di cinque minuti'. Bene, ho pensato dentro di me”.

E invece no: “Sono ripartito e ho fatto circa 15 chilometri e lui, che doveva aver sbagliato una nota in fuoripista e mi è saltato fuori di fianco, nel rio, dove c'ero io. Mi si è messo davanti. Direi un bel po' di emozioni per un giorno solo! Mi è rimasto davanti per circa 30 km e poi intorno al km 140 mi sa che ha sbattuto e si è fermato poco dopo. A quel punto ho corso da solo e ho fatto tutta la navigazione da solo, e sono contento. Era un po' difficile trovare il ritmo giusto. Sono andato fino alla fine della speciale senza sbagliare, da solo, e sono davvero contento”.

La sabbia ti ha dato qualche problema? Era più dura, almeno all'inizio? “Nella parte iniziale era un po' più dura, e ad un certo momento faceva un effetto bianco, come se fosse nevicato: era bianca in superficie. Poi dal km 40 c'era tutto secco e sabbia molle. A parte il rio che invece era bello pieno. Però tanto fuoripista e tanta navigazione difficile: verso la fine c'erano circa 12 chilometri con un sacco di navigazione con CAP e dune di traverso, bello ma un po' impegnativo. Vento, dune morbide, situazione un po' particolare. Però mi è piaciuta molto”, e lo conferma il suo quinto posto assoluto nella classifica di tappa.

Prossimo articolo Dakar
Dakar, ecco come funziona la Super Speciale

Articolo precedente

Dakar, ecco come funziona la Super Speciale

Prossimo Articolo

Ecco la 3008 DKR, la nuova arma della Peugeot per la Dakar

Ecco la 3008 DKR, la nuova arma della Peugeot per la Dakar
Carica commenti

Su questo articolo

Serie Dakar
Evento Dakar
Sotto-evento Stage 10: Belen - La Rioja
Piloti Antoine Meo
Autore Elisabetta Caracciolo
Tipo di articolo Intervista