Dakar, de Villiers: "Con il podio sono molto felice"

condivisioni
commenti
Dakar, de Villiers:
Luis Ramírez
Di: Luis Ramírez
17 gen 2016, 15:37

Il pilota sudafricano ha riportato la Toyota sul podio nonostante potenze del calibro di Peugeot e Mini

#301 Toyota: Giniel de Villiers, Dirk Von Zitzewitz
#301 Toyota: Giniel de Villiers, Dirk Von Zitzewitz
Categoria auto, secondo posto Nasser Al-Attiyah, categoira moto, il vincitore Toby Price, categoria
#301 Toyota: Giniel de Villiers, Dirk Von Zitzewitz, #319 Toyota: Leeroy Poulter, Robert Howie
Categoria auto, terzo posto: Giniel de Villiers, Dirk Von Zitzewitz
#301 Toyota: Giniel de Villiers, Dirk Von Zitzewitz
#301 Toyota: Giniel de Villiers, Dirk Von Zitzewitz
#301 Toyota: Giniel de Villiers, Dirk Von Zitzewitz

All'inizio della Dakar 2016 in pochi avrebbero scommesso sul podio di Giniel de Villiers e della Toyota. Ma non certo per il talento del pilota sudafricano, quanto per la potenza delle corazzate portate rispettivamente da Peugeot e Mini grazie al team X Raid.

Nonostante ciò, de Villiers ha dato prova di grande solidità, così come la sua Toyota, e il podio è stato raggiunto grazie a una seconda settimana di gara rimarchevole, in cui il sudafricano è riuscito a interpretare al meglio le dune del deserto e, complici anche il ritiro di Sainz e gli errori di Loeb, a portare la sua vettura tra i primi tre. 

"Alla Dakar la chiave per poter fare bene è una e una soltanto: essere consistenti", ha dichiarato de Villiers ai microfoni di OmniCorse.it. "Se alla consistenza si unisce anche una buona velocità e pochi problemi ecco che allora puoi aspirare a centrare il podio finale. E' bello essere tornati sul podio. Se si chiude tra i primi tre si può affermare di essere felici, perché cogliere il podio alla Dakar non è affatto facile e nemmeno scontato".

"Abbiamo fatto molto bene negli ultimi mesi, preparandoci al meglio nei test prima di questa gara, ma penso che sia ora di iniziare a migliorarci in maniera significativa", ha aggiunto, realista, il sudafricano. "L'aspetto in cui dovremo migliorare assolutamente è la velocità. Nel corso della prima settimana non siamo stati in grado di mantenere il passo del nostri principali rivali. Sulle dune, però, abbiamo mostrato di essere davvero efficaci. L'obiettivo sarà diventare veloci su tutti i terreni, non solo in uno in particolare".

De Villiers ha poi reso omaggio ai vincitori della Peugeot: "Il loro successo è frutto del mix di budget, talento, grande team e un parco piloti eccezionale. Noi in questa edizione siamo stati battuti soprattutto dal turbochrger di Peugeot e Mini. E' soprattutto su questa componente che dovremo lavorare per migliorarci nei prossimi mesi".

Prossimo articolo Dakar
Barbero sfida la Dakar per la prima volta a 41 anni

Articolo precedente

Barbero sfida la Dakar per la prima volta a 41 anni

Prossimo Articolo

Ecco la 3008 DKR, la nuova arma della Peugeot per la Dakar

Ecco la 3008 DKR, la nuova arma della Peugeot per la Dakar
Carica commenti

Su questo articolo

Serie Dakar
Evento Dakar
Sotto-evento Stage 13: Villa Carlos Paz - Rosario
Piloti Giniel de Villiers
Autore Luis Ramírez
Tipo di articolo Ultime notizie