Tragico incidente al Trofeo Vallecamonica, muore un commissario

condivisioni
commenti
Tragico incidente al Trofeo Vallecamonica, muore un commissario
Francesco Corghi
Di: Francesco Corghi
30 lug 2017, 08:11

Durante le prove di sabato, la Peugeot 106 di Furloni è uscita di strada ad alta velocità travolgendo due addetti ai lavori: per il 57enne Mauro Firmo non c'è stato nulla da fare, il collega Davide Foroni è grave, mentre il pilota sta bene.

La Peugeot 106 uscita di strada dopo aver travolto la Postazione Fissa Commissari di Percorso numero
La Peugeot 106 uscita di strada dopo aver travolto la Postazione Fissa Commissari di Percorso numero
La Peugeot 106 uscita di strada dopo aver travolto la Postazione Fissa Commissari di Percorso numero
L'arrivo dell'ambulanza
Parco assistenza

Una bruttissima notizia ha sconvolto la 47a edizione del Trofeo Vallecamonica, evento organizzato dall'ACI Sport di Brescia valido come ottavo round del Campionato Italiano Velocità Montagna e prova del Fia International Hill Climb Cup.

Sabato mattina, poco prima delle 10;30, nel corso della prima ricognizione delle Prove Ufficiali di gara, la Peugeot 106 condotta da Christian Furloni è uscita di strada in curva nei pressi di Ossimo Inferiore, travolgendo ad una velocità di circa 150km/h due commissari di percorso appostati nella loro area adiacente alla carreggiata.

Purtroppo per Mauro Firmo, 57enne residente a Castenedolo, non c'è stato nulla da fare: il commissario è deceduto durante il trasporto in ambulanza verso l'ospedale, nonostante i mezzi di soccorso siano intervenuti velocemente dopo l'accaduto.

Con lui c'era anche il collega veronese Davide Foroni, il quale è stato portato tramite elisoccorso agli Spedali Civili di Brescia in condizioni piuttosto serie.

Per quanto riguarda il pilota della Peugeot, anche Furloni è stato immediatamente preso in osservazione dai medici, ma fortunatamente il concorrente avrebbe riportato solamente qualche acciacco fisico di lieve entità.

La gara, che avrebbe dovuto svolgersi nella giornata di oggi, è stata ufficialmente cancellata in segno di lutto, mentre la Procura di Brescia ha aperto un'inchiesta per omicidio colposo, in attesa che la Polizia Stradale termini la raccolta di prove e dati.

"Brescia e il Bresciano è terra di motori. E' terra di amore per l’Automobilismo. Oggi abbiamo perso uno dei più validi tecnici e appassionati di questo mondo - ha dichiarato in un comunicato ufficiale Piergiorgio Vittorini, Presidente dell'ACI di Brescia - Siamo vicini alla famiglia, in via del tutto personale ed anche a nome dell’Ente che rappresento. Un istituto che può organizzare manifestazioni sportive d’eccellenza assoluta, grazie alla fattiva e preziosa collaborazione e consulenza attiva di persone come Mauro Firmo. Commissario, che per sua natura istintiva era consapevole dell’importanza del suo ruolo fondamentale nella gestione della sicurezza, costituendo gruppo affiatato e professionale con tutti i suoi colleghi, Commissari dell’Automobile Club Brescia".

Prossimo Articolo
Domenico Scola alza con il record la Coppa Selva di Fasano

Articolo precedente

Domenico Scola alza con il record la Coppa Selva di Fasano

Prossimo Articolo

La Peugeot 308 Racing Cup debutta nel CIVM al Trofeo Fagioli

La Peugeot 308 Racing Cup debutta nel CIVM al Trofeo Fagioli
Carica commenti

Su questo articolo

Serie CIVM
Evento Trofeo Vallecamonica
Autore Francesco Corghi
Tipo di articolo Ultime notizie