Matteo Pollini è il nuovo Campione Italiano Sport Prototipi al Mugello

condivisioni
commenti
Matteo Pollini è il nuovo Campione Italiano Sport Prototipi al Mugello
Redazione
Di: Redazione
28 ott 2018, 13:46

Al termine di gara 2 vinta sul bagnato dal cugino Giacomo, il bresciano del Giacomo Race chiude la lotta al titolo tricolore con il quinto posto alle spalle di Lorenzo Pegoraro, vicecampione a quattro punti.

Matteo Pollini, Giacomo Race
La partenza di Gara 1
Il vincitore Claudio Giudice, Scuderia Giudici, prende la bandiera a scacchi
Claudio Giudice, Scuderia Giudici
Lorenzo Pegoraro, Best Lap
Antonio Mastroberardino, BF Motorsport e Simone Borelli, BF Motorsport
Claudio Giudice, Scuderia Giudici
Gianluca Carboni, Best Lap
Claudio Giudice, Scuderia Giudici, Andrea Gagliardini, Best Lap
Jesse Menczer, Bad Wolves Racing Club
Matteo Pollini, Giacomo Race
Andrea Gagliardini, Best Lap
Gianluca Carboni, Best Lap
Simone Riccitelli, Kinetic Racing
Gianluca Carboni, Best Lap

Al termine di un testa a testa appassionante e conclusosi solo al traguardo dell’ultima gara della stagione corsasi al Mugello, Matteo Pollini si laurea Campione Italiano Sport Prototipi.

Un successo, che nella gara dominata sul bagnato dal cugino Giacomo per i colori del Team Giada, il 29enne bresciano del Giacomo Race firma con il quinto posto di oggi conquistato alle spalle di Lorenzo Pegoraro, l’unico ancora in grado di poterlo impensierire nella lotta al titolo e così vicecampione oltre che vincitore della Coppa Aci Sport Rookie nei colori Best Lap.

Sul podio del sesto ed ultimo appuntamento tricolore, Gianluca Carboni conquista con grande autorevolezza il suo miglior piazzamento stagionale davanti al giovanissimo Simone Riccitelli, terzo al traguardo e vincitore della Coppa Aci Sport Under 25.

Nella gara di ieri invece era stato Claudio Giudice ad imporsi, battendo proprio nel finale il fresco campione Matteo Pollini, incappato in un'esitazione dopo un periodo di Safety Car, dopo aver comandato per buona parte della corsa. A completare il podio c'era poi l'altro Pollini, Giacomo, autore anche del giro più veloce, davanti a Lorenzo Pegoraro.

LA CRONACA DI GARA 1

Alla partenza di gara 1 il gruppo si lancia compatto alla prima staccata dove Matteo Pollini conserva il primato davanti a Giudice, Riccitelli, Zanardini, Giacomo Pollini e Menczer che lotta subito con Pegoraro. Il sorpasso del pilota umbro per il sesto posto è già al primo giro con una manovra da antologia all’esterno del Correntaio. Il vantaggio del battistrada è già di 2 secondo al secondo giro con la bagarre che è serrata solo alle sue spalle. Giudice, Riccitelli, Zanardini, Giacomo Pollini e poco più indietro Pegoraro sono infatti tutti a stretto contatto e con il trascorrere dei giri vedono avvicinarsi Menczer, Carboni, Hultén, Mobine, Caliceti, Borelli ed Uboldi, 12esimo.

Al quinto giro Giacomo Pollini supera Zanardini per il quarto posto per poi lanci arsi all’inseguimento di Riccitelli per il terzo gradino del podio. Alla tornata seguente il bresciano riesce nel sorpasso alla San Donato dove alle loro spalle Zanardini deve cedere a Pegoraro per il quinto posto. A seguire Menczer, Carboni e Hultén sono ai ferri corti per il settimo posto, mentre al settimo giro Giacomo Pollini si porta in scia di Giudice per la seconda posizione. Il pilota della Scuderia Giudici non ci sta e guadagna metri sull’avversario, mentre alle loro spalle Carboni riesce a portarsi al sesto posto dopo aver avuto la meglio su Zanardini e Menczer che ha provato in tutti i modi a conservare la posizione.

Il pilota di AC Racing deve rientrare ai box, mentre alle spalle di Giudice e Pollini a stretto contatto, seguono Riccitelli, Pegoraro, Menczer e poi Carboni, Hultén e Gagliardini ottavo in rimonta dopo essere scivolato ultimo per un fuoripista alla prima curva. Intanto al 14esimo giro Giudice aggancia e supera Matteo Pollini per la prima posizione che così si ritrova il cugino Giacomo in scia per un terzetto di testa che precede di tre secondi Pegoraro, Riccitelli, Carboni, Gagliardini, Borelli, Menczer ed Hultén, decimo prima di essere costretto al ritiro alla tornata seguente.

Sotto la bandiera a scacchi arriva Sotto la bandiera a scacchi arriva la seconda vittoria stagionale per Giudice che precede in un secondo mezzo Matteo e Giacomo Pollini.

LA CRONACA DI GARA 2

Al via libera dopo i primi due giri in regime di Safety Car, le Wolf si lanciano alla prima staccata di gara 2 con Carboni, Pegoraro, Riccitelli che cede a Giacomo Pollini. Il pilota del Team Giada supera al primo giro anche Pegoraro, mentre il cugino Matteo è quinto e cede anche ad uno scatenato Gagliardini. Al secondo passaggio sulla San Donato Giacomo Pollini riesce ad avere la meglio su Carboni che si accoda secondo davanti a Pegoraro, Riccitelli, Gagliardini, Matteo Pollini, Menczer, Uboldi, poi costretto al ritiro, Zanardini e Guidice decimo.

Al sesto giro Zanardini si scatena nella rimonta e riesce a superare Matteo Pollini anche se consapevole di dieci secondi di penalizzazione per sorpasso in regime di Safety Car. Si innesca anche la lotta per il terzo posto con Riccitelli che riesce ad avere la meglio su Pegoraro, mentre Zanardini è in scia di Gagliardini e nel tentativo di sorpasso lo tocca costringendolo al testacoda. Giacomo Pollini intanto procede con un margine che al settimo giro è di 10 secondi su Carboni e più staccati Riccitelli, Zanardini che riesce ad avere la meglio su Pegoraro, ma subisce l’ulteriore penalizzazione di 25 secondi per l’episodio su Gagliardini.

Al nono giro la classifica in pista vede sempre Giacomo Pollini su Carboni, Zanardini, che però dovrà essere retrocesso, Riccitelli, Pegoraro, Matteo Pollini, Hultén e poi Menczer, Giudice e Gamberini, decimo. Una sbavatura nel finale costringe Zanardini a dare strada a Ricccitelli e Pegoraro, mentre un inconveniente tecnico nega ad Hultén la settima posizione che arriva così nelle mani di Menczer.

CAMPIONATO ITALIANO SPORT PROTOTIPI | CLASSIFICHE

ASSOLUTA. 1) Pollini M. (Giacomo Race), 124; 2) Pegoraro (Best Lap), 120; 3) Pollini G. (Giacomo Race), 106; 4) Riccitelli (Kinetic Racing Team),93; 5) Gagliardini (Best Lap), 85; 6) Capitanio (Best Lap), 80; 7) Giudice (Scuderia Giudici), 80; 8) Uboldi (BF Motorsport), 59; 9) Carboni (Best Lap), 55; 10) Hultén (RPM RacePromote Scandinavia), 54. MASTER. 1) Spiridonov, 150; 2) Castellano (Giada Race), 107; 3) Attianese (Bad Wolves), 99. ROOKIE. 1) Pegoraro, 139; 2) Pollini M., 132; 3) Riccitelli, 125. UNDER 25. 1) Riccitelli, 151; 2) Giudice, 141; 3) Hultén, 126.

Prossimo Articolo
Andrea Gagliardini centra il primo successo in Gara 2 a Vallelunga

Articolo precedente

Andrea Gagliardini centra il primo successo in Gara 2 a Vallelunga

Carica commenti

Su questo articolo

Serie CISP
Evento Mugello
Location Mugello
Autore Redazione
Tipo di articolo Gara