Scandola: "Ci giochiamo buona parte del campionato in Salento"

Il pilota del team Skoda Italia Motorsport pensa che il Rally del Salento possa essere il crocevia del CIR 2017 e tenterà di vincerlo. "Servirà concentrazione massima, scegliere bene le gomme e fare attenzione al caldo".

Scandola: "Ci giochiamo buona parte del campionato in Salento"
Umberto Scandola e Guido d'Amore, Skoda Fabia R5, Skoda Motor Sport Italia
Umberto Scandola, Guido D'Amore, Skoda Fabia R5, Skoda Motorsport Italia
Umberto Scandola, Guido D'Amore, Skoda Fabia R5, Skoda Motorsport Italia
Umberto Scandola, Guido D'Amore, Skoda Fabia R5, Skoda Motorsport Italia
Umberto Scandola, Guido D'Amore, Skoda Fabia R5, Skoda Motorsport Italia
Umberto Scandola e Guido d'Amore, Skoda Fabia R5, Skoda Motor Sport Italia
Umberto Scandola e Guido d'Amore, Skoda Fabia R5, Skoda Motor Sport Italia
Carica lettore audio

Il Campionato Italiano Rally entra nella seconda parte della stagione con il Rally del Salento (Le). La corsa, valevole come quinta sfida della serie tricolore, si disputa sulle veloci strade asfaltate dell’estremità sud della Puglia nel primo week-end di giugno. Per Umberto Scandola un atteso ritorno su queste prove dove conquistò il podio nel 2011. Il team ŠKODA Italia Motorsport avrà la possibilità di puntare alla vetta del CIR grazie a un rally a coefficiente 1,5 che permetterà di conquistare punti pesanti. La ŠKODA Fabia R5, recente vincitrice del Rally dell’Adriatico, ha già dimostrato la sua competitività.

La sfida riparte dal Rally del Salento, la quinta delle otto tappe del Campionato Italiano 2017. Un appuntamento che mancava da alcune stagioni nella principale serie nazionale e che quest’anno festeggia il grande traguardo della 50esima edizione. Questo rally ha delle caratteristiche completamente diverse rispetto a tutte le altre gare nazionali. Velocità molto elevate, grandi frenate e un asfalto polveroso con poca aderenza. Tutte condizioni dove la messa a punto della vettura e la precisione dell’equipaggio faranno la differenza sul filo del secondo.

“Parola d’ordine massima concentrazione”, ci tiene subito a spiegare Umberto Scandola. “Le prove speciali del Salento non permettono il minimo errore. Distrarsi su queste strade, strette e senza via di fuga, è sempre costato caro a tutti. Inoltre il caldo farà la differenza sia per gli equipaggi sia nella scelta ottimale degli pneumatici. A me e a Guido la gara piace e sarà entusiasmante giocarsi una buona parte del campionato proprio qui a Lecce. Il regolamento di questo rally assegna molti punti, perché la gara ha un coefficiente 1,5 e questo è un ulteriore motivo per dare sempre il 100%. Siamo pronti a giocarcela al meglio”.

Per festeggiare l’importante traguardo delle 50 edizione il Rally del Salento ha previsto una partenza da piazza Mazzini nel cuore di Lecce. La passerella è prevista per venerdì 2 giugno alle ore 20.00. Il giorno successivo il rally prenderà il via con la prima tappa dal centro sportivo La Conca a Maglie alle 09.01.

La giornata prevede 7 prove per un totale di 82 km cronometrati prima di rientrare a kartodromo La Conca per la prova spettacolo di 4,6 km trasmessa in diretta televisiva da Rai Sport alle 18.15. Domenica si ripartirà per la seconda tappa, sempre da La Conca, per affrontare 6 prove e 85 km, che definiranno il podio finale sul palco di piazza Mazzini a Lecce, alle ore 16.40.

condivisioni
commenti
Kalle Rovanpera al via del Rally del Salento con Peugeot
Articolo precedente

Kalle Rovanpera al via del Rally del Salento con Peugeot

Prossimo Articolo

Andreucci: "Per vincere in Salento serve costanza e resistenza fisica"

Andreucci: "Per vincere in Salento serve costanza e resistenza fisica"
Carica commenti