Formula 1
05 set
-
08 set
Evento concluso
MotoGP
13 set
-
15 set
Evento concluso
WRC
12 set
-
15 set
Evento concluso
03 ott
-
06 ott
Prossimo evento tra
14 giorni
WSBK
06 set
-
08 set
Evento concluso
G
Magny-Cours
27 set
-
29 set
Prossimo evento tra
8 giorni
WEC
30 ago
-
01 set
Evento concluso
04 ott
-
06 ott
Prossimo evento tra
15 giorni

Rally Due Valli: Andreucci ipoteca il tricolore vincendo gara 1

condivisioni
commenti
Rally Due Valli: Andreucci ipoteca il tricolore vincendo gara 1
Di:
14 ott 2017, 17:28

Al pilota toscano bastano 6 punti per portare a casa il 10 titolo tricolore: l'unico sfidante in grado di impensierirlo è Campedelli che oggi ha pagato con oltre un minuto una doppia foratura. Eccellente secondo Rossetti. Ha deluso Scandola.

Paolo Andreucci, Anna Andreussi, Peugeot 208 T16, Peugeot Sport Italia
Luca Rossetti, Matteo Chiarcossi, Skoda Fabia R5, PA Racing
Simone Campedelli, Pietro Elia Ometto, Ford Fiesta R5, Orange1 Racing
Elwis Chentre, Igor D Herin, Hyundai i20 R5, New Drivers Team
Umberto Scandola, Guido D'Amore, Skoda Fabia R5, Skoda Motorsport Italia
Marco Pollara, Giuseppe Princiotto, Peugeot 208 R2, Peugeot Sport Italia

Il... risveglio di Luca Rossetti è stato tardivo: il pordenonese ha chiuso Gara 1 del 35esimo Rally Due Valli solo a 2"9 da Paolo Andreucci che si è aggiudicato la prima manche dell'ultimo appuntamento tricolore, ipotecando il 10 titolo italiano con la 208 T16 R5.

Se il primo giro di tre speciali è stato un soliloquio del toscano di Peugeot Italia, nel pomeriggio è stato il veneto a prendere in mano il pallino della corsa con la sua Skoda Fabia gommata Pirelli.

Luca ha risolto nel parco chiuso di Verona i problemi di sottosterzo che lo avevano afflitto in mattinata per una inadeguata scelta di set-up, ma poi, una volta messe le cose a posto ha dimostrato di poter essere la variabile matta di questo epilogo di campionato. La Pirelli ha chiamato Rossetti a far da "rinforzo" a "Ucci" e il campione IRC 2017 si è frapposto fra il campione in carica e i due sfidanti per il titolo togliendo loro punti utili pur non prendendo punti per il campionato assoluto al quale non è iscritto.

Paolo Andreucci, invece, prese in mano le redini della gara ha cercato di marcare Simone Campedelli, l'unico avversario che è ancora in grado di contrastargli la conquista del tricolore, visto che Umberto Scandola con la Skoda Fabia non è mai riuscito a entrare nel vivo della corsa di casa. Il veronese coglie un podio per le dissaventure che hanno condizionato pesantemente la rincorsa di Campedelli, e forse raccoglie un terzo posto che ne premia la regolarità, ma non certo le prestazioni che sono inspiegabilmente mancate.

Tutto gira a favore dell'espertissimo Andreucci che mette in saccoccia punti preziosi con il sesto successo di tappa, portandosi a 95,75 punti contro gli 82 totalizzati da Simone Campedelli. Al garfagnino bastano sei punti per chiudere la partita tricolore,  ma è certo che non avrà vita facile fino al traguardo. "Ucci" è stato bravissimo a evitare errori che potessero pregiudicare il bersaglio principale, costringendo all'errore il più giovane romagnolo che nella PS.7 ha pagato a caro prezzo una foratura a inizio speciale. Il minuto perso in questo frangente potrebbe aver condizionato l'intera stagione, ma domani il portacolori di Orange 1 Racing proverà a vincere tappa e assoluto per sperare di ribaltare una situazione che sembra piuttosto delineata.

Nei rally, però, le sorprese sono sempre dietro all'angolo per cui è meglio non cantare vittoria troppo in fretta. Andreucci, ostico alle prove spettacolo e in generale fra i birilli, ha badato a non commettere alcun errore nella prova in linea di questa sera che non era nemmeno di un chilometro nel percorso allestito nel parcheggio dello Stadio.

Si è gareggiato in uno scenario che non è degno di una città come quella di Verona: a un palco partenza degno di un rally mondiale con l'Arena come sfondo, non ha corrisposto l'ambientazione da slalom (brutto) della prova spettacolo. Se si voleva avvicinare il pubblico che non segue i rally con quello show (molto brutto come logistica) si è sbagliato tutto.  Ieri sera non c'era nessuno a vedere i protagonisti del Due Valli e ad un certo punto se n'è andato anche il paninaro prima che finissero le sfide cronometrate.

Per gli abili organizzatori del Due Valli è stata una giornata difficile causata da due spettatori che in momenti diversi hanno avuto bisogno dei soccorsi, bloccando il regolare svolgimento della corsa che ha accumulato ritardi su ritardi per la mancanza delle ambulanze.

Al di fuori dei top driver si è apprezzata la prestazione di Elvis Chentre quinto con la Hyundai i20 R5 davanti a Marco Pollara che è andato in crescendo con la seconda Peugeot ufficiale dopo un avvio fin troppo timido. Sarà interessante dove potrà inserirsi domani, avendo acquisito più fiducia sulla macchina del Leone che è ben altra cosa dalla 208 VTI.

Bella anche la sfida fra le due Abarth 124 Rally con Fabrizio Andolfi, ottavo, campione delle GT, capace di arginare l'attacco di Andrea Nucita dopo una battaglia giocata sui secondi. Appuntamento a domani per il gran finale del tricolore...

Pos. Pilota/Navigatore Vettura Tempo/distacco
1. Andreucci/Andreussi Peugeot 208 T16 R5 49'13"9
2. Rossetti/Chiarcossi Skoda Fabia R5 2"9
3. Scandola/D'Amore Skoda Fabia R5 41"4
4. Campedelli/Ometto Ford Fiesta R5 EVO 1'04"0
5. Chentre/D'Herin Hyundai i20 2'16"1
6. Pollara/Princiotto Peugeot 208 T16 R5 2'39"1
7. Gecchele/Peruzzi Skoda Fabia R5 3'55"3
8. Andolfi/Ungaro Abarth 124 Rally 4'05"8
9. Nucita/Vozzo Abarth 124 Rally 4'14"5
10. Maestrini/Michi Skoda Fabia R5 4'16"2

 

Prossimo Articolo
Due Valli, 208 Top: fine tappa da brivido per De Tommaso e Ciuffi

Articolo precedente

Due Valli, 208 Top: fine tappa da brivido per De Tommaso e Ciuffi

Prossimo Articolo

Due Valli, 208 Top: Luca Bottarelli leader dopo la prima tappa

Due Valli, 208 Top: Luca Bottarelli leader dopo la prima tappa
Carica commenti

Riguardo questo articolo

Serie CIR
Evento Rally Due Valli
Sotto-evento Gara 1
Piloti Paolo Andreucci
Team Peugeot Sport Italia
Autore Franco Nugnes