Scandola e D'Amore vincono il Rally di Roma Capitale

L'equipaggio di Skoda Italia vincono in volata su Giandomenico Basso e Lorenzo Granai. Andreucci terzo

Dopo gli ultimi due appuntamenti del Campionato Italiano Rally conclusi nella maniera peggiore, ovvero con un incidente, Skoda Italia torna a gioire nella categoria grazie a una splendida prestazione firmata da Umberto Scandola e Guido D'Amore, i quali hanno meritatamente trionfato nel penultimo appuntamento della stagione 2015, il Rally di Roma Capitale. 

Scandola e D'Amore erano partiti subito fortissimo nella prima speciale, per poi trovare qualche difficoltà nell'assetto della nuova Skoda Fabia R5, che denotava fastidioso sottosterzo. Il veronese ha poi approfittato della foratura di Paolo Andreucci per tornare nelle posizioni di vertice, ingaggiando un appassionante duello con la Ford Fiesta R5 LDi di Giandomenico Basso. 

I due si sono dati battaglia sino all'ultima speciale prevista, la PS12, in cui Umberto ha respinto gli attacchi del rivale vincendo stage e rally. Basso è stato molto bravo e coriaceo, tentando di ridurre il gap dal rivale nelle ultime speciali, ma ha dovuto alzare bandiera bianca proprio in prossimità del traguardo. Scandola ha così dimostrato di aver messo alle spalle gli errori delle ultime gare, centrando la seconda vittoria in appena una settimana dopo il successo al Rally di Nova Gorica.

Giandomenico Basso e Lorenzo Granai hanno comunque compiuto una corsa di grande livello, arrivando staccati dalla Skoda Fabia R5 numero 3 di due secondi e nove decimi. Davvero una gara molto incerta, ma la Fiesta R5 LDi si è comunque mostrata competitiva sugli asfalti laziali. 

Paolo Andreucci e Anna Andreussi hanno provato a portare a casa l'ennesima vittoria di un 2015 strepitoso, ma una foratura patita nella Prova Speciale 4 lo ha costretto a perdere più di un minuto dai due rivali. Il toscano non è più riuscito a rimontare, preferendo portare a casa punti molto importanti per il campionato costruttori che, al momento, non è ancora stato assegnato, ma Peugeot proverà a portare a casa nell'ultimo rally.

Quarta posizione per Nicola Caldani, staccato però di un abisso dai primi: oltre quattro minuti il distacco da Umberto Scandola. Il pilota della Citroen ha portato la sua DS3 R5 ai piedi del podio, sfruttando anche il ritiro di Simone Campedelli e l'assenza forzata di Alessandro Perico, il quale ha rinunciato alla gara laziale a causa di un lutto che ha colpito la sua famiglia. 

Fabrizio Andolfi è riuscito a portare a casa il quinto posto assoluto, dopo aver respinto gli attacchi del pilota elvetico Stefano Baccega, relegato in sesta posizione. I due sono arrivati distanziati di dieci secondi al termine della PS12, la stage che ha decretato la conclusione delle ostilità e conferito la vittoria a Skoda e Scandola. 

CIR, Rally di Roma Capitale, 20/09/2015
Classifica generale finale (primi dieci)
1. Scandola/D'Amore - Skoda Fabia R5 - 1.37'36"2
2. Basso/Granai - Ford Fiesta R5 LDi - +2"9
3. Andreucci/Andreussi - Peugeot 208 T16 R5 - +1'20"3
4. Caldani/Farnocchia - Citroen DS3 R5 - +4'04"3
5. Andolfi/Savoia - Ford Fiesta R5 - +4'24"2
6. Baccega/Menchini - Ford Fiesta R5 - +4'34"0
7. Rusce/Barone - Citroen DS3 R5 - +5'23"6
8. Roma/Colapietro - Renault Clio R3C - +7'35"4
9. Casella/Caputo - Peugeot 208 R2 - +12'34"6
10. Di Giulio/D'Amora - Renault Clio RS N3 - +13'24"0

Scrivi un commento
Mostra commenti
A proposito di questo articolo
Campionati CIR
Evento Rally di Roma Capitale
Piloti Paolo Andreucci , Giandomenico Basso , Umberto Scandola
Team Peugeot Sport Italia , Skoda Motorsport , BRC
Articolo di tipo Ultime notizie