CIR: Albertini e Fappani vincono il 44° Rally 1000 Miglia

Al secondo posto hanno chiuso Andrea Crugnola e Pietro Ometto, Hyundai i20 N Rally 2, e a chiudere il podio Giandomenico Basso e Lorenzo Granai su Skoda Fabia Rally2 Evo.

CIR: Albertini e Fappani vincono il 44° Rally 1000 Miglia

Stefano Albertini e Danilo Fappani, Skoda Fabia Evo 2, si sono aggiudicati il 44° Rally 1000 Miglia, sesta prova del Campionato Italiano Rally Sparco. Albertini ha quindi vinto il rally di casa dimostrando ancora una volta di essere tra i migliori piloti italiani del settore rally. In una stagione per lui strana che dopo un inizio di stagione arrembante lo aveva visto protagonista di un ritiro al Targa Florio, per una robusta toccata, e poi saltare per ragioni di budget, sia il San Marino Rally, sia il successivo Rally di Roma, il bresciano si è così preso una bella rivincita.

Alle sue spalle hanno chiuso Andrea Crugnola e Pietro Ometto, Hyundai i20 N Rally 2, con un distacco di 5”3. Il varesino ha comunque confermato che la nuova arma messagli a disposizione da Hyundai, la i20 N Rally2, rappresenta sicuramente un passo in avanti al precedente modello, con il feeling tra lui e la nuova vettura che non può che migliorare in vista della volata finale del Campionato.

Sull’ultimo gradino del podio hanno chiuso invece Giandomenico Basso e Lorenzo Granai su Skoda Fabia Rally2 Evo. Per il veneto arrivato a Brescia con la chiara intenzione di allungare un po’ in testa alla classifica generale sugli altri, la brutta scoperta fin dalle prime battute, di avere a disposizione una vettura non certo all’altezza delle precedenti Fabia che gli erano state messe a disposizione. Bella comunque la rimonta finale che lo ha portato fino in terza posizione e a conquistare 12 punti che lo tengono ancora in vetta alla classifica provvisoria del tricolore.

Superato proprio nell’ultima prova speciale da Basso, Fabio Andolfi ha chiuso al quarto posto in coppia con Stefano Savoia, su Skoda Fabia R5 Evo. Il pilota di Savona ha confermato le sue grandi qualità anche sugli asfalti bresciani, per lui quasi inediti, rimanendo non troppo lontano per tutta la gara rispetto ai tempi realizzati dai primi. Sempre vicino ma sempre con un piccolo distacco che alla fine lo ha fatto concludere a 29”7 dalla vetta.

Quinto e primo tra i delusi dopo le ultime ottime apparizioni nel CIR si è piazzato Damiano De Tommaso insieme a Giorgia Ascalone su Citroen C3 R5, che ha denunciato per tutta la gara di non aver trovato il feeling giusto con la sua vettura. Discorso completamente diverso invece per Luca Pedersoli affiancato da Anna Tomasi su una VW Polo R5. Il pilota di casa, abituale interprete di vertice, di un’altra serie tricolore, il CIWRC, si è divertito ottenendo alcuni tempi eccellenti ed anche un ottimo piazzamento finale.

Nei primi dieci hanno poi concluso Giacomo Scattolon e Giovanni Bernacchini, VW Polo R5, un po’ in calo nella seconda parte di gara, l’altro bresciano Andrea Mabellini in coppia con Lenzi su Skoda Fabia, mentre al nono posto ha concluso il fiorentino Tommaso Ciuffi in coppia con Nicolò Gonella, WV Polo, con una vettura dal set up evidentemente non adatto agli asfalti bresciani. Ultimo della top ten hanno chiuso Alberto Dall’Era con Roberto Mometti, altra VW Polo R5.

Tra le validità tricolori sorride al traguardo del Rally 1000 Miglia il pistoiese Mirco Straffi insieme a Marco Nesti con la Peugeot 208 R2C, che chiude una bella gara davanti alla Ford Fiesta di Daniele Campanaro e alla 208 Nicola Cazzaro altra 208, mentre la trasferta bresciana si rivela sfortunata per Christopher Lucchesi Jr. sempre su Peugeot 208 Rally4 costretto a ritirarsi a metà gara.Per quanto riguarda il CIR Junior, tra i giovani talenti di ACI Team Italia, la vittoria non è sfuggita questa volta ad Alessandro Casella e Rosario Siragusano tra le Ford Fiesta Rally 2 davanti agli altri due agguerriti Giorgio Cogni con Gabriele Zanni e Roberto Daprà insieme a Fabio Andrian.

Ottima prova anche per Guglielmo De Nuzzo e Andrea Colapietro, quarti assoluti, davanti ad Emanuele Rosso che insieme ad Andrea Ferrari resta ancora in vetta alla classifica di Campionato. Ad agguantare il titolo tricolore femminile è la lombarda Rachele Somaschini con Nicola Arena sulla Citroen C3 R5. Nella corsa al titolo R1 successo di Davide Nicelli che vince con una gara di anticipo, il Clio Trophy Italia, con il costante supporto di Tiziano Pieri alle note sulla Clio Rally5.

Per quanto riguarda la Suzuki Rally Cup dominio ancora una volta di Simone Goldoni ed Eric Macori inarrestabili con la sua Swift Sport Hybrid chiudendo davanti ad Igor Iani e Roberto Pellè, entrambi su versione ibrida. Sugli asfalti del Rally 1000 Miglia, nel GR Yaris Rally Cup firmato Toyota nel secondo atto stagionale si sono disputate belle lotte tra le dodici GR Yaris dove si sono messi in evidenza gli Under Federico Romagnoli e Angelo Pucci Grossi, ma anche altri driver più esperti come Marco Gianesini.

Classifica Finale Assoluta 44.Rally 1000 Miglia:

1. Albertini-Fappani (Skoda Fabia Evo) in 1:00'25.0; 2. Crugnola-Ometto (Hyundai I20 N Rally 2) a 5.3; 3. Basso-Granai (Skoda Fabia) a 27.9; 4. Andolfi-Savoia (Skoda Fabia) a 29.7; 5. De Tommaso-Ascalone (Citroen C3) a 49.6; 6. Pedersoli-Tomasi (Volkswagen Polo) a 52.3; 7. Scattolon-Bernacchini (Volkswagen Polo) a 41.2; 8. Mabellini-Lenzi (Skoda Fabia Evo) a 1'22.2; 9. Ciuffi-Gonella (Volkswagen Polo) a 1'27.0; 10. Dall’Era – Mometti (Volkswagen Polo) a 2'16.6.

CIR SPARCO DOPO ROUND 6: Basso 88pt; Andolfi 74,50pt; Crugnola 65,50pt; Breen 57,50pt; Albertini 51pt; De Tommaso 28pt

CIR JUNIOR DOPO ROUND 5: Rosso 80,50pt; Casella 72,50pt; Daprà 61,50pt; Cogni 45pt

CIR ASFALTO DOPO ROUND 5: Andolfi 80pt; Scattolon 61pt; Albertni 59pt; De Tommaso 58pt

CIR COSTRUTTORI DOPO ROUND 6: Skoda 158,50pt; Hyundai 110,50pt

condivisioni
commenti
CIR, 1000 Miglia, PS2-4: Albertini regola Crugnola

Articolo precedente

CIR, 1000 Miglia, PS2-4: Albertini regola Crugnola

Prossimo Articolo

Rachele Somaschini regina CIR Femminile al Rally 1000 Miglia

Rachele Somaschini regina CIR Femminile al Rally 1000 Miglia
Carica commenti