Silk Way Rally: Despres difende l'ora di vantaggio della Peugeot

condivisioni
commenti
Silk Way Rally: Despres difende l'ora di vantaggio della Peugeot
Redazione
Di: Redazione
19 lug 2017, 16:56

Mentre Cyril Despres controlla il raid cinese con la 3008 DKR, Stéphane Peterhansel si aggiudica l'11esima tappa che ha visto le vetture francesi procedere a oltre 190 km/h su piste polverose in larghi canyon. Mancano tre tappe all'arrivo.

#106 Peugeot Sport Peugeot 3008 DKR: Stéphane Peterhansel, Jean-Paul Cottret
Cyril Despres, Stéphane Peterhansel, Peugeot Sport
#106 Peugeot Sport Peugeot 3008 DKR: Stéphane Peterhansel, Jean-Paul Cottret
Mechanics working on the #100 Peugeot Sport Peugeot 3008 DKR: Cyril Despres, David Castera
#100 Peugeot Sport Peugeot 3008 DKR: Cyril Despres, David Castera
#100 Peugeot Sport Peugeot 3008 DKR: Cyril Despres, David Castera
#100 Peugeot Sport Peugeot 3008 DKR: Cyril Despres, David Castera
Stéphane Peterhansel, Peugeot Sport

La Peugeot sta dominando il Silk Way Rally: alla conclusione dell’11esima tappa, Cyril Despres incrementa il suo vantaggio al comando della classifica generale conquistando il secondo posto della tappa, dietro al vincitore, il compagno di squadra Stéphane Peterhansel.

Il Leone con la 3008 DKR ha collezionato la sesta doppietta e la nona affermazione di tappa in 11 giorni di gara, pur avendo ha perso nella nona speciale Sebastien Loeb che aveva portato al debutto la 3008 DKR Maxi, vale a dire la vettura con la quale la Casa francese disputerà la prossima Dakar.

Il campione transalpino aveva riportato una forte distorsione al dito medio della mano sinistra dopo un incidente mentre stava procedendo ad alta velocità nel letto di un fiume asciutto: la 3008 DKR Maxi era pronta a riprendere la “via della seta”, ma Sebastien non era in grado di riprendere il volante essendo molto dolorante.

Da quel momento lo squadrone diretto da Bruno Famin ha cercato di gestire l’insidiosa gara cinese senza prendere dei rischi, con Cyril Despres che ha potuto gestire quasi un’ora di vantaggio sugli inseguitori in una tappa con molti tratti insidiosi che hanno permesso dei picchi di velocità di oltre 190 km/h su piste polverose in larghi canyon, lasciando che all’attacco andasse Stephane Peterhansel che è sempre sesto assoluto dopo il crash della scorsa settimana che lo aveva fatto precipitare nella graduatoria assoluta.

Dopo 7.442 km percorsi senza nessun problema meccanico, gli ingegneri di Peugeot Sport stanno raccogliendo preziosi dati tecnici che saranno molto utili per preparare la prossima Dakar. Anche se mancano solo 3 tappe al traguardo di Xi’an, non sono finite le insidie del Silk Way Rally che proporrà strade fra le più impegnative nei 1890,66 chilometri che ancora ci saranno da percorrere.

Soddisfatto Stéphane Peterhansel vincitore di tappa:
“La speciale di oggi è andata bene nell’insieme, ma era comunque divisa in due parti ben distinte per noi. Alla partenza c’era molta polvere, poi siamo riusciti a superare molti concorrenti per avere la giusta visibilità nella seconda metà del tratto cronometrato, per cui tutto è stato più facile”.

“Gli ultimi cinquanta chilometri sono stati divertenti con larghe piste di terra con piccoli terrapieni su entrambi i lati. Siamo riusciti a fare scivolare la nostra Peugeot senza prendere dei rischi”.

“Il lavoro di domani sarà strategico. Cyril partirà solo due minuti dopo di noi, per cui non dovremo aspettare molto procedere in gruppo: vogliamo fare tutto il possibile perché possa rimanere al comando della classifica generale”.

Prossimo Articolo

Prossimo Articolo

Peugeot Sport al via del Rally del Marocco con Loeb e Sainz

Peugeot Sport al via del Rally del Marocco con Loeb e Sainz
Carica commenti

Su questo articolo

Serie Rally Raid
Evento Silk Way Rally
Sotto-evento Stage 11
Piloti Stéphane Peterhansel , Cyril Despres
Team Peugeot Sport
Autore Redazione
Tipo di articolo Prova speciale