Buhk vince in volata su Vanthoor e dona il primo successo alla Mercedes

condivisioni
commenti
Buhk vince in volata su Vanthoor e dona il primo successo alla Mercedes
Marco Di Marco
Di: Marco Di Marco
15 mag 2016, 17:44

Il pilota del team HTP Motorsport è riuscito a sopravanzare l'alfiere del team WRT per soli 9 decimi ed ha così regalato la prima vittoria stagionale al suo team. Terza la Lamborghini Huracan del Grasser Racing di Bortolotti e Bleekemolen.

#1 Belgian Audi Club Team WRT, Audi R8 LMS: Laurens Vanthoor
AF Corse mechanic
Belgian Audi Club Team mechanic at work
#16 GRT Grasser Racing Team, Lamborghini Huracan GT3: Jeroen Bleekemolen, Mirko Bortolotti, Rolf Ine
Paddock atmosphere
Polesitter #16 GRT Grasser Racing Team, Lamborghini Huracan GT3: Mirko Bortolotti

E' Maximilian Buhk il vincitore del secondo appuntamento della Blancpain GT Series Endurance Cup disputato sul tracciato di Silverstone, ed è così riuscito a regalare il primo successo stagionale al team HTP Motorsport 

La vittoria, condivisa con Jazeman Jafaar e Dominik Baumann, è giunta in volata precedendo per appena 9 decimi l'Audi R8 LMS condotta da Laurens Vanthoor. Una situazione, quella vissuta da Buhk, opposta rispetto a quella vissuta dal pilota Mercedes a Monza.

Nell'appuntamento inaugurale, infatti, il pilota del team HTP Motorsport si è trovato ad inseguire a distanza ravvicinata la McLaren del Garage59, mentre nella gara odierna si è dovuto difendere dalla pressione del pilota del team WRT.

Nella prima ora di gara la Lamborghini Huracan del Grasser Racing condotta dal poleman Mirko Bortolotti ha condotto le operazioni seguita dalla Audi R8 LMS di Franck Perera, mentre Baumann è riuscito a sopravanzare la BMW M6 di Sims per conquistare la terza posizione.

La prima sessione di pit stop ha visto il team Audi WRT eccellere nelle operazioni grazie ad una velocità che ha consentito alla vettura #1 di risalire dalla settima alla seconda piazza.

La velocità degli uomini ai box ha premiato anche Dries Vanthoor, trovatosi incollato al paraurti posteriore della Lamborghi Huracan #16 condotta da Rolf Ineichen. Il più piccolo dei fratelli Vanthoor è riuscito successivamente a sopravanzare la Lamborghini del Grasser Racing imitato successivamente da Jazeman Jafaar.

Il giro successivo ha visto il malese del team HTP abile a sopravanzare Vanthoor, grazie anche al traffico in pista, e costruire un margine di cinque secondi sulla Audi che è stato mantenuto sino al pit stop.

L'ultima ora di gara ha visto Maximilian Buhk e Laurens Vanthoor splendidi protagonisti, con un distacco tra i due sceso a due secondi e mezzo. Il pilota Mercedes ha cercato di incrementare il proprio vantaggio sul rivale alla guida dell'Audi, ma l'intervento della safety car quando mancavano 40 minuti al termine della gara ha tarpato le ali a Buhk.

Nelle fasi conclusive il pilota del team HTP Motosport è riuscito a riportare il vantaggio sino ad un secondo e otto decimi per poi tagliare il traguardo in prima posizione con Vanthoor in scia e la Lamborghini Huracan del Grasser Racing in terza posizione con alla guida Bleekemolen.

Philipp Eng, Indy Dontje e Rob Bell, rispettivamente al volante della BMW M6 GT3 del Rowe Racing, della Mercedes AMG GT del team HTP Motorsport e della McLaren 650 S GT3 del Garage 59 hanno completato la Top Six, mentre in classe Pro AM la vittoria è andata alla Mercedes del team Black Falcon con alla guida Maro Engel abile a precedere Adam e Philippe Giauque.

 

 

Prossimo articolo BES

Su questo articolo

Serie BES
Evento Silverstone
Location Silverstone
Piloti Laurens Vanthoor, Mirko Bortolotti, Maximilian Buhk
Team Team HTP
Autore Marco Di Marco
Tipo di articolo Gara