La Lamborghini Aventador SVJ è la nuova regina del Nurburgring

condivisioni
commenti
La Lamborghini Aventador SVJ è la nuova regina del Nurburgring
Di: Daniela Piazza
27 lug 2018, 11:14

Alla guida della supercar della Casa di Sant’Agata Bolognese, Marco Mapelli ha stabilito il nuovo primato per le vetture di serie, abbassando di oltre due secondi il riferimento fatto segnare dalla 911 GT2 RS lo scorso settembre.

La Lamborghini ha saldato il suo conto in sospeso: ha riportato a casa il record dell’Inferno Verde per le auto di serie.

Sotto gli occhi attenti del team Ricerca e Sviluppo Lamborghini e del personale Remak, armato di strumentazione VBOX-Racelogic per la certificazione GPS, Marco Mapelli si è ripreso il primato completando i 20,6 km del Nurburgring Nordschleife in soli 6’44”97, alla guida di una Aventador Superveloce Jota con livrea camouflage e pneumatici P Zero Trofeo R.

Nel 2015, il pilota ufficiale della casa del Toro era riuscito a scendere sotto i sette minuti al volante di una Aventador LP 750-4 S. Un tempo che aveva poi ritoccato con la Huracan Performante, fermando il cronometro sui 6'52”01 nell’ottobre del 2016. Giusto undici mesi prima che il record finisse nelle mani della Porsche, con Lars Kern e Nick Tandy, capaci di fissare il miglior tempo del ‘Ring a quota 6’47”3 con la 911 di serie più veloce di sempre, la GT2 RS, con motore boxer 3.8 biturbo e una velocità massima di 340 km/h.

Un crono che sembrava inarrivabile fino a ieri, quando la Aventador SVJ ha dimostrato di saper fare di meglio, dando prova delle sue incredibili performance.

Della più estrema supercar della Casa di Sant’Agata Bolognese non si conoscono ancora i dettagli tecnici, ma quello che si sa per certo è che l’uso di nuovi materiali composti ultraleggeri ha permesso di raggiungere un sensazionale rapporto peso-potenza di 1,98 kg/CV.

Il set-up della Aventador SV Jota è stato completamente riprogettato per migliorare l’efficacia della trazione integrale con quattro ruote sterzanti. Il telaio è stato irrigidito, lo sterzo migliorato, e per quanto riguarda il fronte dell’aerodinamica, la SVJ adotta un upgrade del sistema ALA (Aerodinamica Lamborghini Attiva), il 2.0, capace di garantire carico aerodinamico e maneggevolezza.

In attesa della presentazione ufficiale, che avverrà ad agosto durante la Monterey Car Week, non resta che calarsi nell’abitacolo con Marco Mapelli e gustarsi la belva in azione all’Inferno Verde.

Prossimo Articolo
Fotogallery: ecco la Ducati Monster 1200 25° Anniversario

Articolo precedente

Fotogallery: ecco la Ducati Monster 1200 25° Anniversario

Prossimo Articolo

30 anni fa moriva Enzo Ferrari. La Casa del Cavallino Rampante ricorda così il suo fondatore

30 anni fa moriva Enzo Ferrari. La Casa del Cavallino Rampante ricorda così il suo fondatore
Carica commenti

Su questo articolo

Serie Prodotto
Autore Daniela Piazza
Tipo di articolo Ultime notizie