La FIA protegge le nostre strade con celebrità di sport e spettacolo

13 nomi celebri hanno affiancato la FIA nella promozione delle "Regole d'oro per un automobilismo più sicuro" in una nuova azione per la sicurezza stradale.

La FIA protegge le nostre strade con celebrità di sport e spettacolo
Anne Hidaldo, Sindaco di Parigi
Antoine Griezmann, calciatore francese
Felipe Massa, pilota di F1
Fernando Alonso, pilota di F1
Haile Gebrselassie, fondista
Michelle Yeoh, attrice
Nico Rosberg
Pharrell Williams, compositore, musicista
Rafael Nadal, tennista
Vanessa Low, saltatrice in lungo medaglia d'oro paralimpica
Wayde van Niekerk, medaglia d'oro olimpica nei 400m
Yohan Blake, medagliato olimpico 4x100m
Carica lettore audio

Alcune star dello sport e del grande schermo hanno iniziato a promuovere la recente campagna per la sicurezza stradale promossa dalla Federazione Internazionale dell'Automobile. Apettatevi di vedere personaggi del calibro di Fernando Alonso o Rafael Nadal. La campagna #3500LIVES sarà promossa in tutte le strade del mondo grazie allo sponsor JCDecaux.

"Gli incidenti stradali causano 1,25 milioni di morti e 50 milioni di feriti ogni anni", ha affermato il presidente della FIA e delegato speciale per la sicurezza stradale per l'ONU Kean Todt.

"Non possiamo sederci e non fare nulla di fronte a queste cifre. Sono orgoglioso che la FIA e i suoi membri sono in prima linea per affrontare questa sfida e aumentare la consapevolezza circa l'importanza della sicurezza stradale".

"La sicurezza può essere raggiunta semplicemente rispettando alcune regole di base come quelle che la FIA ha promosso da qualche tempo a questa parte. Vogliamo che questa campagna possa raggiungere quante più persone nel mondo e per realizzarla abbiamo chiamato un buon numero di celebrità che ci potranno aiutare grazie alla loro popolarità e visibilità".

"Inoltre abbiamo chiesto un supporto al leader nel settore delle pubblicità su strada, la JCDecaux".

Sfruttare la fama per diffondere il messaggio

Il celebre musicista e ambasciatore della campagna Pharrell Williams ammette di aver commesso un errore in passato, ma dice di essere stato convinto a modificare il suo comportamento dopo aver letto le statistiche scioccanti relative agli incidenti stradali e al traffico.

"L'ultima cosa che vogliamo è essere coinvolti in un incidente stradale", ha dichiarato Williams. "In passato ho usato il telefono per inviare messaggi mentre ero alla guida, ma poi ho capito quanto fosse pericoloso vedendo le statistiche relative agli incidenti e, di conseguenza, ai morti e ai feriti".

"Come artista sono perfettamente consapevole del fatto che la mia fama mi permette di fare qualcosa per una buona causa e la sicurezza stradale è una di queste".

Oltre alla pubblicità cartellonistica che sarà sparsa in tutte le strade del mondo, gli ambasciatori della campagna dovranno dare l'esempio, seguendo le regole d'oro per la vita pubblica e di un automobilismo più sicuro.

"Anche se solo una vita viene salvata grazie all'esempio che possono dare i nostri ambasciatori, potremo affermare che tutto il nostro lavoro sarà stato un successo", ha affermato Jean Todt.

Ecco la lista delle stelle 

Le stelle di F.1 della campagna #3500LIVES Fernando Alonso, Nico Rosberg e Felipe Massa, il campione della MotoGP Mar Marquez, la stella del calcio Antoine Griezmann, l'attrice Michee Yeoh, il maratoneta Haile Gebrselassie, i velocisti Yohan Blake e Wayde van Niekerk, la leggenda del tennis Rafael Nadal e il cantante Pharrel Williams. Questi esporranno le 10 regole d'oro per un automobilismo più sicuro.

Avranno il compito di ricordare alle persone l'effetto che semplici cambiamenti comportamentali possono avere sugli incidenti straddali. Si spera così di ridurre i decessi e i feriti che avvengono nelle nostre strade ogni anno.

"Possiamo raggiungere i nostri obiettivi attraverso il rispetto delle regole base", ha spiegato Todt. "Vogliamo che questa campagna raggiunga quante più persone possibili nel mondo e vogliamo farlo sfruttando la popolarità dei personaggi che hanno aderito a questa campagna".

Perché intervenire sulla sicurezza stradale

Il lancio della campagna segue il premio ricevuto all'ONU da Jean Todt. Il premio è un riconoscimento per gli sforzi della FIA sulla sicurezza stradale. Per questo Todt ha affermato: "Le ferite dovute agli incidenti stradali sono tra le prime 10 cause di morte al mondo. E' un fenomeno comparabile all'HIV/AIDS, tubercolosi e la malaria. Per questo deve essere trattata con la stessa urgenza di queste pandemie".

"La sicurezza stradale è importante quanto un'emergenza umanitaria. E i numeri sono in continuo peggioramento. Se non si interviene, gli infortuni stradali saranno la principale causa di morte a livello globale entro il 2030".

condivisioni
commenti

McLaren 720S, la nuova supercar anti Ferrari

Mercedes-AMG GLC 63, è tutto molto grande