Fotogallery: i modelli Amalgam più belli del 2018

condivisioni
commenti
Fotogallery: i modelli Amalgam più belli del 2018
Di: Emmanuel Touzot , Giornalista
Tradotto da: Daniela Piazza
01 gen 2019, 09:53

Come ogni anno, Amalgam ha realizzato modelli in miniatura di monoposto di Formula 1 e altre vetture, per lo più in scala 1/8 e 1/18. Tutti modelli pieni di dettagli, che si tratti di auto mitiche, di serie o da corsa.

 

Scorrimento
Lista

Ferrari SF71H

Ferrari SF71H
1/44

Foto di: Amalgam Collection

Monoposto impiegata nella stagione 2018 di F1, la Ferrari SF71H è stata vice-campionessa nel mondiale Piloti, con Sebastian Vettel, e nella classifica Costruttori. Con sei vittorie e 24 podi è stata la migliore Ferrari in F1, da diversi anni a questa parte.

Ferrari SF71H

Ferrari SF71H
2/44

Foto di: Amalgam Collection

È stata caratterizzata dall'arrivo dell'Halo, ma anche dal cambio di filosofia della Ferrari, che ha deciso di estendere il passo della sua auto come la Mercedes.

Ferrari SF71H

Ferrari SF71H
3/44

Foto di: Amalgam Collection

Questa miniatura in scala 1/18 è disponibile in una scatola con una base nera, che contiene un libretto con un certificato di autenticità e molti dettagli sull'auto.

Ferrari SF71H

Ferrari SF71H
4/44

Foto di: Amalgam Collection

Il livello di dettaglio del modello è massimo e ciascuna di queste miniature è fatta a mano nei laboratori di Amalgam. La Ferrari ha contribuito a garantire che ogni finitura venisse pienamente rispettata, con una scansione completa della vettura originale, per far emergere ogni dettaglio.

Ferrari SF71H

Ferrari SF71H
5/44

Foto di: Amalgam Collection

Amalgam propone la Ferrari SF71H in scala 1/4, 1/8, 1/12 e 1/18.

Ferrari SF71H

Ferrari SF71H
6/44

Foto di: Amalgam Collection

Disponibile anche con il numero 7 di Kimi Räikkönen, , è stato creato da Amalgam Collection con entrambe le configurazioni, per non scontentare nemmeno i fan di Sebastian Vettel. Quello di quest'anno è stato anche il miglior risultato complessivo di entrambi i piloti, che hanno concluso al secondo e terzo posto nel campionato 2018.

Ferrari 250 LM (Weathered)

Ferrari 250 LM (Weathered)
7/44

Foto di: Amalgam Collection

Questa è la Ferrari 250 LM che è arrivata seconda alla 24 Ore di Mans del 1965. Impegnata dalla squadra di Francorchamps, è stata guidata da Pierre Dumay e Gustave 'Taf' Gosselin.

Ferrari 250 LM (Weathered)

Ferrari 250 LM (Weathered)
8/44

Foto di: Amalgam Collection

Il termine 'Weathered' significa che sulla miniatura, qui proposta in scala 1/8, è stato ricreato lo stato esatto della macchina all'arrivo della 24 Ore del 1965.

Ferrari 250 LM (Weathered)

Ferrari 250 LM (Weathered)
9/44

Foto di: Amalgam Collection

Mentre il duo era nettamente davanti, una foratura ha posto fine alle speranze di vittoria dell'auto numero 26 della Ferrari. Esplodendo, la gomma posteriore destra ha sventrato parte della carrozzeria e distorto la parte posteriore destra della vettura.

Ferrari 250 LM (Weathered)

Ferrari 250 LM (Weathered)
10/44

Foto di: Amalgam Collection

Si può vedere il danno che arriva quasi alla cabina di pilotaggio, anch'essa completamente dettagliata su questo modello, dove è stata prestata particolare cura per le trame, ma anche per la sporcizia.

Ferrari 250 LM (Weathered)

Ferrari 250 LM (Weathered)
11/44

Foto di: Amalgam Collection

Infatti, la Collezione Amalgam ha riprodotto a mano ciascuna delle macchie presenti sulla 250 LM, alla fine delle 24 ore di gara. Troviamo persino gli insetti schiacciati sulla parte anteriore dell'auto!

Ferrari 250 LM (Weathered)

Ferrari 250 LM (Weathered)
12/44

Foto di: Amalgam Collection

Il cofano motore è mobile e rivela, ancora con molti dettagli, il motore della bestia, ma anche la ruota di scorta e il telaio tubolare della Ferrari 250 LM.

Amalgam: La scatola di Natale

Amalgam: La scatola di Natale
13/44

Foto di: Amalgam Collection

A quache settimana dalle feste, Amalgam ha messo in vendita una scatola di Natale, speciale Ferrari. In questa 'Holiday Collection', troviamo la GTC4 Lusso, la LaFerrari Aperta e la 488 GTB, in scala 1/18

Amalgam : La scatola di Natale

Amalgam : La scatola di Natale
14/44

Foto di: Amalgam Collection

Ma non è tutto, dal momento che con l'acquisto di questo set di tre modelli, viene offerta una Ferrari California T. Anche in questo caso, i modelli sono presentati in una scatola trasparente con base nera e libretto inclusi.

McLaren MP4/4

McLaren MP4/4
15/44

Foto di: Amalgam Collection

Un'altra monoposto di Formula 1, ma questa volta si tratta di una vettura classica. Motorizzato da un V10 Honda, la McLaren MP4 / 4 è stata schierata dalla squadra britannica nel 1988 ed è stata guidata da Alain Prost e Ayrton Senna.

McLaren MP4/4

McLaren MP4/4
16/44

Foto di: Amalgam Collection

Consideata ancora oggi come una delle vetture più dominanti della storia della Formula 1, la monoposto ha vinto quell'anno 15 delle 16 gare in calendario. Sette trionfi con Prost e otto con Senna, lasciando alla Ferrari di Gerhard Berger solo la sedicesima vittoria, in Italia.

McLaren MP4/4

McLaren MP4/4
17/44

Foto di: Amalgam Collection

Anche questo modello in scala 1/18 è presentato su una base nera con finitura lucida. Sono inoltre forniti un libretto e un certificato di autenticità, mentre una targhetta applicata sulla base indica che è la rappresentazione della McLaren di Senna al Gran Premio del Giappone.

McLaren MP4/4

McLaren MP4/4
18/44

Foto di: Amalgam Collection

Pensata per essere minimalista e aerodinamicamente raffinata - ed è stato proprio questo che ne ha fatto la sua forza - l'MP4 / 4 è stata letteralmente intoccabile all'inizio della stagione, rifilando regolarmente un giro ai primi 5 piloti, o al terzo uomo sul podio.

McLaren MP4/4

McLaren MP4/4
19/44

Foto di: Amalgam Collection

È questo aspetto sobrio che emerge in questa miniatura in scala 1/18, che riproduce fedelmente ogni dettaglio di questa vettura che è ancora oggi tra le migliori cinque auto della storia per numero di vittorie, dietro soltanto alle Mercedes W05, W06 e W07, e alla McLaren M23, che però è stata usata per diverse stagioni.

Ferrari LaFerrari

Ferrari LaFerrari
20/44

Foto di: Amalgam Collection

Gli anni '80 avevano la F40, gli anni '90 la F50, gli anni 2000 la Ferrari Enzo, e gli anni 2010 hanno avuto anche loro la loro supercar da Maranello con LaFerrari, un modello che celebra il marchio con il suo nome per intero.

Ferrari LaFerrari

Ferrari LaFerrari
21/44

Foto di: Amalgam Collection

Fa parte del trio delle prime hypercar prodotte nel 2013, tra cui troviamo anche la Porsche 918 Spyder e la McLaren P1. Unica delle tre a non avere la modalità elettrica, ha comunque un KERS ad assistere il suo motore termico.

Ferrari LaFerrari

Ferrari LaFerrari
22/44

Foto di: Amalgam Collection

Un motore termico senza concessioni, dal momento che è un V12 da 6,3 litri e 800 cavalli, assistito da un KERS che porta la sua potenza a 963 cavalli e la coppia a 900 Nm. Con i suoi 1370 chili, va da 0 a 100 km/h in 2,6 secondi.

Ferrari LaFerrari

Ferrari LaFerrari
23/44

Foto di: Amalgam Collection

Prodotta in 499 esemplari, ciascuno venduto al prezzo di 1.250.000 euro, è stata fabbricata una 500esima e ultima volta per essere messa all'asta. Il denaro raccolto è stato ridistribuito per aiutare le vittime del terremoto dell'agosto 2016, nel centro Italia.

Ferrari LaFerrari

Ferrari LaFerrari
24/44

Foto di: Amalgam Collection

Spesso presentata in rosso, con gli specchietti e la parte superiore in nero, questa miniatura in scala 1/12 veste un abito blu per un effetto più bello. Su questo modello, come sulla macchina originale, si può osservare il V12 attraverso la lunga finestra sul cofano.

Ferrari LaFerrari

Ferrari LaFerrari
25/44

Foto di: Amalgam Collection

Amalgam ha utilizzato la progettazione assistita dai computer della Ferrari, per recuperare i piani comleti e precisi dell'hypercar, oltre a un lavoro di scansione effettuato con i dipendenti della Ferrari, con l'obiettivo di non lasciare alcun dettaglio al caso.

Porsche 911RSR (1973)

Porsche 911RSR (1973)
26/44

Foto di: Amalgam Collection

Ecco la Porsche 911RSR del 1973 vincitrice della 24 Ore di Daytona di quell'anno. Un'edizione speciale che ha seguito la 6 Ore di Daytona del 1972, ridotta di 3/4 a causa della crisi petrolifera, e preceduto l'edizione del 1974, cancellata per le stesse ragioni.

Porsche 911RSR (1973)

Porsche 911RSR (1973)
27/44

Foto di: Amalgam Collection

È stata guidata da Hurley Haywood e Peter Gregg, che sono ancora tra i piloti di maggior successo in questo evento, avendo vinto rispettivamente cinque e quattro edizioni della gara. Da parte sua, Haywood ha anche vinto tre volte la 24 Ore di Le Mans e due volte la12 Ore di Sebring.

Porsche 911RSR (1973)

Porsche 911RSR (1973)
28/44

Foto di: Amalgam Collection

Come tutte le Porsche dell'epoca, era equipaggiata con il motore piatto a sei cilindri caratteristico del marchio e un blocco atmosferico da 2,8 litri. Sviluppava 280 cavalli a 8000 rpm, passando da 0 a 100 km/h in 4 secondi!

Porsche 911RSR (1973)

Porsche 911RSR (1973)
29/44

Foto di: Amalgam Collection

La sua tipica carrozzeria, che era uno degli ingredienti chiave delle sue formidabili prestazioni, è riprodotta in ogni dettaglio. Questo modello in scala 1/18 riflette la struttura aerodinamica e i tratti più ampi rispetto alla precedente 911 RS.

Porsche 911RSR (1973)

Porsche 911RSR (1973)
30/44

Foto di: Amalgam Collection

Anche in questo caso, Amalgam si è avvalsa dei piani originali e delle competenze degli ingegneri Porsche per replicare il più fedelmente possibile questa 911 del team Brumos, che ha anche vinto l'edizione 1975 della 24 Ore di Daytona.

McLaren Ultimate Vision GT

McLaren Ultimate Vision GT
31/44

Foto di: Amalgam Collection

Avrete già sentito parlare del modellino della McLaren Ultimate Vision Gran Turismo, creata dal team di progettazione di McLaren Automotive. Robert Melville, il direttore del design, e Alexandar Alexiev, lo stilista, hanno guidato questo progetto che mostra che aspetto potrebbe avere una McLaren del 2030.

McLaren Ultimate Vision GT

McLaren Ultimate Vision GT
32/44

Foto di: Amalgam Collection

Il modello in scala 1/8 misura circa 60 cm di lunghezza. È stato prodotto in 91 esemplari, in tre colori, dando risalto alla fibra di carbonio. Ogni copia reca una targa numerata e firmata da Melville e Alexiev, attaccata a una nuova base progettata appositamente per questa edizione.

Ferrari 250 LM

Ferrari 250 LM
33/44

Foto di: Amalgam Collection

Vi abbiamo già mostrato la Ferrari 250 LM in scala 1/18, che è arrivata seconda alla 24 Ore di Le Mans del 1965, ora è arrivato il turno di chi l'ha battuta! Questa Ferrari 250 LM è stata guidata da Jochen RIndt e Masten Gregory ... almeno all'inizio!

Ferrari 250 LM

Ferrari 250 LM
34/44

Foto di: Amalgam Collection

In effetti, Gregory era troppo stanco al momento dell'ultimo turno di notte e Rindt era introvabile e non poteva tornare a guidare prima del previsto. Da quel momento in poi, fu il pilota collaudatore Ed Hugus a prendere il volante, senza che ciò venisse notificato ai commissari.

Ferrari 250 LM

Ferrari 250 LM
35/44

Foto di: Amalgam Collection

Ecco il perchè: se un collaudatore si metteva al volante di una macchina, uno dei conducenti non poteva rientrare in azione. Luigi Chinetti, direttore della squadra, non disse nulla e la vittoria venne confermata. Hugus parlò a lungo della sua partecipazione alla vittoria, ma nessuno l'ha mai attestata...

Ferrari 250 LM

Ferrari 250 LM
36/44

Foto di: Amalgam Collection

Vettura eccezionale, eccezionale livello di finitura: Amalgam Collection ha aumentato ulteriormente la sua attenzione a questo modello, per realizzare una perfetta replica 1/18 della vettura vittoriosa alla 24 Ore di Le Mans.

Ferrari 250 LM

Ferrari 250 LM
37/44

Foto di: Amalgam Collection

All'interno come all'esterno, questa miniatura ha tutti i dettagli dell'originale, schierata dal North American Racing Team.

Porsche 911R (1967)

Porsche 911R (1967)
38/44

Foto di: Amalgam Collection

Questa versione sportiva della Porsche 911 è stata progettata da Ferdinand Piëch, nipote di Ferdinand Porsche e fondatore della Volkswagen. Aveva un motore boxer sei cilindri, da 230 cavalli per 820 chili di peso.

Porsche 911R (1967)

Porsche 911R (1967)
39/44

Foto di: Amalgam Collection

La scritta 'World Record' (Record del Mondo) sulle fiancate dipende dal tentativo omologato dalla FIA e realizzato dalla filiale svizzera della BP. La 911R ha infatti firmato un record di resistenza sul vecchio circuito di Monza, con le sopraelevate.

Porsche 911R (1967)

Porsche 911R (1967)
40/44

Foto di: Amalgam Collection

In 96 ore, quattro soli giorni, la 911R ha fatto 20'000 km sulla pista italiana. Sotto la pioggia, di notte, i quattro autisti si sono alternati per battere i record sulle 10.000 miglia, le 72 e le 96 ore. Uno dei piloti, Charles Vögele, disse "attaccai le banchine praticamente alla cieca". Il direttore del programma bollò i suoi piloti come "ragazzi difficili".

Porsche 911R (1967)

Porsche 911R (1967)
41/44

Foto di: Amalgam Collection

Ancora una volta, la Collezione Amalgam ha fatto tutto il possibile per riprodurre fedelmente questa vettura in scala 1/18.

Mercedes-AMG W09

Mercedes-AMG W09
42/44

Foto di: Amalgam Collection

Guidata da Lewis Hamilton e Valtteri Bottas, la Mercedes-AMG W09 è stata la rivale della Ferrari SF71-H presentata all'inizio di questa gallery. Poco vincente nelle mani del finlandese (che non ha conquistato nessun successo), ha comunque portato a Hamilton e alla Mercedes il loro quinti titoli mondiali.

Mercedes-AMG W09

Mercedes-AMG W09
43/44

Foto di: Amalgam Collection

Il livello di dettaglio è ancora molto alto, specialmente sulle fibre di carbonio che compongono l'Halo, ma anche sul volante, che riproduce esattamente i numerosi pulsanti e selettori che consentono ai piloti di gestire autonomamente i parametri della loro auto.

Mercedes-AMG W09

Mercedes-AMG W09
44/44

Foto di: Amalgam Collection

Questa miniatura in scala 1/8 è limitata a 99 esemplari per ciascuno dei piloti. Anche in questo caso, i designer della collezione Amalgam si sono recati nello stabilimento Mercedes e hanno avuto accesso ai progetti per replicare la quinta Mercedes ad aver conquistato entrambi i titoli.

Prossimo Articolo
Carica commenti

Su questo articolo

Serie Prodotto
Autore Emmanuel Touzot