Onidi e la maledizione di Gara 2

Onidi e la maledizione di Gara 2

Il pilota del team Lazarus analizza come mai non riesce a finire un week end col sorriso

Fabio Onidi sembra essere vittima di una maledizione che gli impedisce di vedere la bandiera a scacchi della seconda corsa. Finora il pilota della Lazarus ha collezionato quattro ritiri in Gara 2, e questo sta seriamente danneggiando una stagione potenzialmente molto buona. Fabio, infatti, ha dimostrato ripetutamente di essere tra i piloti più veloci del campionato: a confermarlo ci sono i suoi tre arrivi a podio, tutti nella prima gara del weekend, la più significativa visto che si corre senza la griglia invertita. Quindi, con un po’ più di fortuna, avrebbe potuto essere tra i contendenti al titolo. Sei staccato dalla vetta di 14 punti, con 38 ancora in palio. Pensi che il titolo sia ancora un obiettivo realistico? “Beh la matematica direbbe di sì, ma francamente credo che col livello dei piloti che partecipano al campionato puntare al titolo con questo distacco sia obiettivamente difficile. Ci proverò comunque, e in ogni caso ci terrei veramente a finire la stagione sul podio della classifica generale. È un obiettivo alla mia portata, e darò tutto per centrarlo”. Un problema col carburante a Brno, un incidente a Imola, un semiasse a Spa e un errore a Magny-Cours. E solo sfortuna? “Non mi piace parlare di sfortuna, e francamente nemmeno ci credo più di tanto. Sono semplicemente cose che accadono nelle corse: una macchina da gara è un oggetto complesso ed estremo e che si rompa qualcosa, sia un semiasse o una pompa della benzina, non è niente di strano. È solo un peccato che a causa di questo e di un paio di miei errori io abbia segnato zero punti in quattro gare. In un campionato come questo è qualcosa che si paga caro”. Chi pensi saranno gli avversari più difficili da battere? “Grosjean è senza dubbio il pilota più veloce e completo, mentre guardando agli altri mi sento in grado di lottare alla pari con tutti. Devo riconoscere che mi hanno impressionato Tappy e Tambay, la loro crescita in questa stagione è stata straordinaria. Dall’altra parte Piscopo mi sembra non al massimo della forma, quindi credo che alla fine il titolo non sarà suo”. E comunque quest'anno hai ottenuto tre podi... “Credo che il mio rapporto col Team Lazarus abbia la sua importanza in questo. Con loro avevo già corso nel 2008 ed eravamo andati forte, e quest’anno abbiamo subito ritrovato quel feeling. Dobbiamo solo migliorare un po’ in qualifica, magari sperimentando meno e andando più sul sicuro, e trovare quel pizzico di velocità che ci manca per stare con le macchine della DAMS”.
Scrivi un commento
Mostra commenti
A proposito di questo articolo
Campionati Auto GP
Articolo di tipo Ultime notizie
Tag fiat 500, spy foto