Nel calendario 2011 c'è il cittadino di Bucarest

Nel calendario 2011 c'è il cittadino di Bucarest

La gara, prevista per luglio, è stata presentata ufficialmente oggi

Nel 2011 le monoposto da 550 CV dell’Auto GP sfrecceranno per le strade del centro di Bucarest, facendo rimbombare l’urlo del loro V8 tra i palazzi della capitale rumena. Anche se mancano ancora due eventi alla fine del campionato 2010, l’organizzazione è infatti già al lavoro sul calendario del prossimo anno e stringendo un accordo con Nic Serbu, promotore del circuito e presidente della Bucharest Grand Prix Srl, ha definito un primo importante tassello per la stagione 2011. La gara, denominata Bucharest GP, si svolgerà nel mese di luglio e avrà luogo sul tracciato cittadino della capitale, denominato Bucharest Ring: lungo tre chilometri, è stato disegnato con la supervisione di Hermann Tilke, architetto di fiducia di Bernie Ecclestone per tutte le piste più recenti della F.1. Si tratta di un circuito già collaudato (ha ospitato le gare del FIA GT nel 2007 e nel 2008) e davvero unico al mondo. Per un lungo tratto, infatti, le vetture costeggeranno il palazzo del Parlamento, uno degli edifici più spettacolari d’Europa. Completato nel 1989, con le sue 1100 stanze è iscritto nel Guinnes dei primati come il palazzo amministrativo più grande, costoso e pesante del mondo. Sarà dunque uno sfondo d’eccezione per la sfida in pista tra i piloti dell’Auto GP. L’evento è stato presentato oggi in una conferenza stampa nella capitale rumena, evento a cui hanno partecipato Enzo Coloni, organizzatore dell’Auto GP, Nic Serbu, promotore dell’evento, Gaetano Limongi, manager organizzativo della gara oltre a Ion Olaru, rappresentante dell’Automobil Club Romania, e Gabriel Olariù della Federazione Motociclistica rumena. Enzo Coloni:Siamo molto contenti di questo accordo che ci permetterà di creare un evento unico e di grande prestigio, che negli anni potrà crescere fino a diventare un appuntamento classico e atteso del motorsport. Inoltre i circuiti cittadini sono sempre un qualcosa di speciale perché i piloti devono dare il massimo con dei margini di errore ridottissimi, una circostanza che di solito esalta ancora di più i migliori talenti, proprio quello che è l’obiettivo dell’Auto GP. Si tratta del primo passo verso il 2011, una stagione in cui miriamo a crescere ancora di più dopo i già ottimi riscontri che abbiamo ottenuto quest’anno”.
Scrivi un commento
Mostra commenti
A proposito di questo articolo
Campionati Auto GP
Articolo di tipo Ultime notizie