Formula 1
07 ago
Evento in corso . . .
MotoGP
06 ago
Evento in corso . . .
WRC
04 set
Prossimo evento tra
27 giorni
18 set
Prossimo evento tra
41 giorni
WSBK
31 lug
Canceled
09 ago
SSP300 Gara 2 in
2 giorni
Formula E
G
ePrix di Berlino III
08 ago
Prossimo evento tra
23 Ore
:
05 Minuti
:
52 Secondi
WEC
13 ago
Prossimo evento tra
5 giorni
GT World Challenge Europe Sprint
07 ago
Evento in corso . . .
11 set
Prossimo evento tra
34 giorni
GT World Challenge Europe Endurance
04 set
Prossimo evento tra
27 giorni

Isola di Man, 1992: il duello tra Hislop e Fogarty

condivisioni
commenti
11 mag 2020, 17:05

Nel terzodegli episodi gratuiti dell’archivio Duke di Motorsport.tv, riviviamo l'edizione 1992 del TT, in cui si sono sfidati Steve Hislop e Carl Fogarty.

Il duello tra Steve Hislop e Carl Fogarty nel TT Senior del 1992 è probabilmente una delle più belle gare della storia del TT dell’Isola di Man. Nel tempo record di un’ora e 52 minuti, ‘Hizzy’ e ‘Foggy’ sono arrivati al traguardo separati da 8 secondi. Con delle moto semplici, entrambi hanno eclissato il risultato ottenuto l’anno precedente con le Honda. Come ogni grande gara che si rispetti, l’edizione del 1992 del TT Senior ha anche diverse storie da raccontare.

Anche se impossibili da separare sul cronometro, Steve Hislop e Carl Fogarty non potevano avere caratteri più diversi. Fogarty, quattro volte campione del mondo Superbike, ha sempre espresso spudoratamente le proprie abilità. Probabilmente il pilota più feroce mai visto nelle gare motociclistiche, Fogarty non si è fatto degli amici durante il suo cammino verso la vetta. Tuttavia, il suo rispetto per Hislop era assoluto, credeva che il suo avversario fosse uno dei piloti migliori a correre il TT dell’Isola di Man.

Steve Hislop, al contrario, parlava in maniera più pacata, era più discreto, ma incredibilmente veloce. Curiosamente, aveva la stessa sicurezza nelle proprie capacità di Fogarty. Hislop parlava alla sua moto in maniera garbata.

Un anno prima del loro incontro nel 1992, Hislop e Fogarty hanno disputato il loro ultimo TT come compagni di squadra in Honda. Alla guida della RVF, entrambi hanno fatto un altro mestiere rispetto al resto dei piloti. Con un match point che avrebbe portato alla decima vittoria consecutiva nel TT F1, Honda non aveva lasciato nulla al caso. Il capo di Honda Racing Corporation, Oguma, aveva contribuito al successo della missione Honda.

Mentre si divertivano con le loro moto, Hislop e Fogarty hanno già combattuto durante le prove libere. Sebbene fosse solo una giornata normale per ‘Hizzy’ e ‘Foggy’, Oguma era furioso. Entrambi i piloti sono stati sgridati ed è stato ricordato loro che i rivali erano gli altri team, non loro stessi.

Hislop ha battuto Fogarty nel TT F1 del 1991, demolendo il record sul giro. Nel 1992, le circostanze per Hislop e Fogarty hanno fatto sì che il loro TT fosse molto diverso.

Fogarty aveva cercato un finanziamento per il Mondiale Superbike nel 1992. Questo sforzo avrebbe poi portato il britannico a conquistare i suoi quattro titoli (1994, 1995, 1998 e 1999). Tuttavia, l’edizione del 1992 del TT ha giocato un ruolo fondamentale in questo senso. Fogarty aveva lasciato il TT per concentrarsi sulle ‘piste corte’ e aveva deciso che non avrebbe fatto ritorno sull’Isola. Ma una chiamata da Yamaha ha cambiato le cose. Con 7000 sterline dalla Casa dei tre diapason ed altre 7000 dall’ente turistico dell’Isola di Man, hanno convinto Fogarty a tornare, dato che aveva anche una campagna in Superbike da pagare,

Come purtroppo diventato abitudine per Hislop, il suo cammino verso l’edizione del TT 1992 è stata un susseguirsi di promesse non mantenute.

Il capo del team Honda, Neil Tuxworth, aveva assicurato a Hislop una Honda RC30 nel campionato britannico e nel TT per il 1992. Per un vincitore di sette TT e di un campionato britannico 250cc in sella alla Honda, questa sarebbe apparsa una formalità. Eppure, Hislop è stato scaricato, lasciando il posto a Simon Crafar. Avendo preso Tuxworth sulla parola, Hislop è stato messo all’angolo con poco tempo prezioso per assicurarsi una moto.

‘Flying Haggis’ ha poi firmato per la Yamaha. Desiderosa di approfittare dello smacco della Honda, la Yamaha non vedeva l'ora di firmare il contratto per un plurivincitore del TT. È stato versato un acconto di 10.000 sterline per gareggiare al TT, ma Hislop desiderava ardentemente fare altre gare oltre il TT. Alla fine, è stato concordato un pacchetto che includeva il Campionato Britannico con la Yamaha sponsorizzata da Tillston.

Dopo la promessa iniziale, il rapporto di Hislop con la Yamaha si è rapidamente deteriorato. Con l'attrezzatura preferenziale accumulata dal team Loctite Yamaha di Rob McElnea, Hislop è rimasto ancora una volta deluso.

Determinato a non sprecare la sua possibilità di riuscire nel campionato britannico, Hislop ha dato un ultimatum. Nessuna promessa di attrezzature per il Campionato Britannico, nessun Steve Hislop con la Yamaha al TT. A loro spese, la Yamaha ha respinto la minaccia.

Dopo un solo giro a Oulton Park, 'Hizzy' ha fatto scattare le tende dei camper, arrivando a Donington Park con la Kawasaki. Hislop ha reso noto il bluff della Yamaha e si è rifiutato di accettare un'altra promessa non mantenuta.

Il sostituto della Yamaha per Hislop al TT? Proprio Carl Fogarty.

Barry Symmons, scoprendo lo status di agente libero di Hislop per il TT, si è immediatamente lanciato. Assicurarsi uno dei piloti più ambiti nelle corse su strada sarebbe stato un grosso colpo per Norton. Nessuno, incluso Hislop, credeva che il Norton potesse sopravvivere all'assalto del TT.

Senza altre opzioni, Hislop ha accettato di guidare una Norton bianca nelle gare di F1 e Senior TT del 1992. Ad un mese dalla fine, la questione di raccogliere 25.000 sterline rimase un ostacolo per Hislop e Norton.

Le serrature degli autobus e i freni EBC hanno raccolto 10.000 sterline, ma questo era ancora insufficiente. Alla fine, l'ente turistico dell'Isola di Man è intervenuto con un ulteriore sostegno di 10.000 sterline. Dopo alcuni ansiosi calcoli, Symmons ha dichiarato di poter andare a correre.

Al giorno d'oggi, i team non potevano aspettarsi grandi cambiamenti da 20.000 sterline per una superbike da strada. Per non parlare di una macchina preparata per la gara.

Gli antifurti Abus ed i freni EBD hanno permesso di raccogliere 10.000 sterline, ma questa cifra era ancora insufficiente. Alla fine, l'ente turistico dell'Isola di Man è intervenuto con un ulteriore sostegno di 10.000 sterline. Dopo alcuni calcoli, Symmons ha dichiarato di poter andare a correre.

Al giorno d'oggi, i team non possono aspettarsi grandi cambiamenti da 20.000 sterline per una superbike da strada. Per non parlare di una moto preparata per la gara.

La settimana del TT del 1992 è iniziata con un prologo per la titanica battaglia del TT Senior. Nel TT di F1, Fogarty si è portata al comando, con Hislop in difficoltà per il surriscaldamento di Norton. Nessuno dei due avrebbe indossato la corona del vincitore. Il ritmo sfrenato di Fogarty alla fine si era rivelato troppo forte per il cambio della Yamaha, lasciando l'uomo del Lancashire devastato per perdere la vittoria. Phillip McCallen della Honda ha conquistato la vittoria dopo il guasto meccanico di Fogarty. Nel frattempo, Hislop ha zoppicato al secondo posto.

Senza un budget per fare cambiamenti radicali, il team Norton di Hislop si è recato al campo d'aviazione di Jurby per apportare modifiche rudimentali alla 588cc. Per evitare che il piccolo telaio di ‘Hizzy’ venisse spinto indietro sulla moto, è stato montato un parabrezza più alto. Anche il manubrio più largo ha migliorato la stabilità, un elemento chiave per una moto TT di successo. Per incoraggiare il flusso d'aria al motore che si surriscaldava, il parafango anteriore è stato cestinato. Queste modifiche "casalinghe" si sono rivelate vitali per Hislop.

Il giorno del TT si è svolto sotto un sole cocente, una gioia per i tanti fan accorsi per vedere la gara. Per la moto di Hislop, le condizioni erano infernali, mentre Fogarty con la Yamaha era il favorito.

Per Hislop e Fogarty, questa doveva essere una gara di addio al TT insieme. Quindi, o tutto o niente.

All'inizio della gara, ogni pilota è salito in moto ad intervalli di dieci secondi. Fogarty è partito quarto, Hislop diciannovesimo. Pertanto, lo scozzese ha dovuto lottare con il traffico più lento man mano che la gara procedeva.

Nella gara di F1 del 1991, Hislop aveva messo in crisi la determinazione di Fogarty ingaggiando la lotta già dalla partenza. Per questa volta però era necessaria una tattica diversa. Hislop ha utilizzato il suo ‘vecchio stile di guida e si è stabilito dolcemente su un ritmo. Ha funzionato, Hislop è entrato ai box al secondo giro per 2,8 secondi.

In un colpo da maestro tattico, Hislop ha scelto di cambiare il suo pneumatico posteriore Michelin. In teoria, questo avrebbe garantito le prestazioni del pneumatico quando sarebbe stato impegnato nell'inevitabile lotta dell'ultimo giro. Fogarty è uscito dai box senza cambiare una gomma, pizzicando il vantaggio di Hislop.

Hislop ha utilizzato ogni centimetro di strada tra i muri e le siepi da Douglas a Ramsey. Fogarty ha portato la Yamaha sul tratto di montagna. Hislop ha trovato la linea perfetta nel suo stile elegante. Fogarty ha lottato contro il manubrio della Yamaha come un grande combattente. Due individui profondamente contrastanti, ma inseparabili sul cronometro.  

Al quarto giro, Hislop ha allungato di 7,4 secondi. Tuttavia, un errore nella pit lane ha eroso il vantaggio. L'errore di rifornimento ha fatto sì che il vantaggio di Hislop fosse sceso a un secondo. Tuttavia, con la sua tipica serenità, Steve Hislop ha ricostruito il suo vantaggio arrivando ad averne 6,4 all'ultimo giro.

Quello che ne è seguito nel giro finale del Senior TT del 1992, racchiude lo stile di entrambi gli uomini. La Yamaha di Fogarty era tutt'altro che sana. Anche con un tubo di scappamento bruciato, gli apparecchi che scuotevano e che perdevano liquido, Fogarty mostrava la sua incredibile grinta, eclissando di tre secondi il precedente record sul giro di Hislop.

Hislop, con Fogarty che lo inseguiva furiosamente, mostrava una compostezza che pochi possiedono. Senza il lusso di tirarsi indietro il temperamento calmo di 'Hizzy' si è rivelato cruciale.

A causa delle rispettive posizioni di partenza, un'attesa di quasi tre minuti per Hislop ha lasciato tutti con il fiato sospeso. Con soli 4,4 secondi, Steve Hislop aveva fatto la storia. Aveva segnato un nuovo record di gara ed era il primo a vincere il Senior TT su una moto britannica dopo Mike Hailwood nel 1961.

Fogarty e Hislop non hanno mai considerato nessun altro avversario. Contrariamente a quanto si crede, Hislop e Fogarty non erano guidati dall'odio. Alzavano la loro velocità alimentati dal rispetto reciproco. Il loro avversario più vicino è stato Robert Dunlop, arrivato con 2 minuti di ritardo.

Hislop ha poi dichiarato che il Senior TT del 1992  è stata “probabilmente la mia più grande corsa”. Un bel vanto per un uomo che ha vinto più di un terzo delle gare del TT a cui ha partecipato.

Per Norton, questa vittoria avrebbe potuto trasformare un marchio trascurato. La stampa britannica è impazzita come non si vedeva dal ritorno di Hailwood nel 1978. Il marchio britannico vinceva contro il gigante giapponese. Avrebbe dovuto essere un giorno storico per un'azienda che una volta governava il TT.

Al ritorno alla base, il team manager di Norton, Barry Symmons, ha ricevuto un caloroso benvenuto in officina. Tuttavia, la risposta del senior management non è stata entusiasta. L'unico commento dell'amministratore delegato David Macdonald sull'importante trionfo di TT è stato quello di chiedere perché il loro pit stop sembrava disordinato in TV. L'assenza di interesse di Macdonald per il motociclismo e l'incapacità di individuare un'opportunità commerciale erano evidenti.

Marcato da una presunta scorrettezza finanziaria, Norton è stato poi venduto ad una società canadese nel 1993, per poi rientrare nel TT anni dopo con un altro grande di tutti i tempi. Ma questa è un'altra storia.

Questo episodio generalmente fa parte del contenuto premium di Motorsport.tv, ma alcuni archivi Duke sono stati eccezionalmente messi a disposizione gratuitamente per permettervi di trascorrere del tempo durante la quarantena. Se vi piace, visitate il sito Motorsport.tv, dove troverete più di 750 episodi simili, oltre a migliaia di immagini esclusive! Visitate il canale Duke Storici qui.

FMI e Pata insieme per i Talenti Azzurri

Articolo precedente

FMI e Pata insieme per i Talenti Azzurri

Prossimo Articolo

Pirelli Cup: si parte il 19 luglio con tanta voglia di rimettersi in gioco

Pirelli Cup: si parte il 19 luglio con tanta voglia di rimettersi in gioco
Carica commenti

Riguardo questo articolo

Serie ALTRE MOTO