Il mondo del motociclismo è in lutto: è morto Alan Kempster

32,858 viste

Il pilota diversamente abile, vittima di un incidente stradale che lo ha privato del braccio e della gamba destri, è deceduto domenica nella sua abitazione

Alan Kempster non c’è più. Con un post su Facebook, è stato il nipote del pilota ad annunciare la scomparsa del 56enne australiano, deceduto per cause naturali domenica nella sua abitazione.

Una triste notizia che ha lasciato un grande vuoto nel cuore di chi l’ha conosciuto e l’ha visto correre, perché Kempster non era un motociclista come tutti gli altri.

Pilota professionista e membro dell’Hartwell Motorcycle Club Victoria, aveva una storia incredibile alle spalle, che lo ha portato a farsi conoscere oltre i confini della sua Australia.

Nel 1990, mentre si trovava alla guida della sua moto, è rimasto vittima di un terribile scontro con un automobilista che ha invaso la sua corsia, perdendo braccio e gamba destri. La doppia amputazione, però, non ha fermato Kempster, che con una tenacia incredibile ha continuato a inseguire i suoi sogni.

Dopo un mese in ospedale e oltre un anno di riabilitazione ha iniziato a praticare sci nautico, arrivando a rappresentare l'Australia in 5 campionati del mondo e a vincerne 3. Ma la passione per il motociclismo era più forte di qualsiasi altra cosa e a 47 anni, modificati i comandi di una Kawasaki 400, è ritornato in sella a una due ruote, senza l'ausilio di alcuna protesi. Grazie a uno spirito incredibile, e a una buona dose di ironia, Alan si è rimesso tutta e casco ed è tornato a correre contro avversari normodotati, facendo sfoggio di un iconico “1/2” come numero di gara.

 

 

Pur quasi senza sponsor, è riuscito a portare avanti la sua carriera agonistica grazie alle donazioni, riuscendo a partecipare a diverse edizioni del Barry Sheene Festival of Speed Australia e del Burt Munro Challenge New Zealand. Per arrivare poi a presenziare, nel 2014, alla Di.Di.World Bridgestone Cup, la prima gara internazionale dedicata a piloti disabili, organizzata dalla Diversamente Disabili Onlus sul circuito del Mugello.

La "Left Side Story" di Kempster è finita troppo presto, ma il suo ricordo continuerà a vivere. Lo testimonia il grande affetto che circondava il pilota australiano, espresso anche dall'Associazione fondata da Emiliano Malagoli, che si è affidata a un toccante post per augurare ad Alan un buon viaggio.

 
Scrivi un commento
Mostra commenti
A proposito di questo articolo
Campionati ALTRE MOTO
Articolo di tipo Ricordo