Spa, 21a Ora: Ferrari-Audi alla resa dei conti finale

La 488 di Iron Lynx e la R8 del Team WRT sono in piena lotta per il successo, Aston #95 terza a guardare da lontano. Risalgono le Audi di Attempto #66 e WRT #37, Lambo-FFF ancora punita. MadPanda trema in Silver, AF Corse guida la PRO-AM.

Spa, 21a Ora: Ferrari-Audi alla resa dei conti finale

Saranno 180' finali da vivere con il fiato sospeso quelli che mancano al termine della 24h di Spa-Francorchamps, con i protagonisti di GT World Challenge Europe - Endurance Cup ed Intercontinental GT Challenge che hanno completato la 21a ora di gara.

In tre categorie su quattro è ancora tutto in bilico, cominciando dalla graduatoria assoluta, dove i PRO si stanno contendendo il primato e le posizioni a seguire. Come se non bastasse, il cielo è minaccioso coi suoi nuvoloni neri e la pioggia (che sta iniziando a scendere con qualche goccia) potrebbe ulteriormente rimescolare le carte nella volata conclusiva.

Parlando del braccio di ferro per il primo posto, Alessandro Pier Guidi/Côme Ledogar/Nicklas Nielsen a cavallo fra la 18a e 19a si sono visti ridurre da un Full Course Yellow/Safety Car il buon vantaggio che avevano sull'Audi R8 #32 di Dries Vanthoor/Kelvin Van Der Linde/Charles Weerts (Team WRT).

Vanthoor, il cui ritmo era decisamente superiore, ha inseguito e raggiunto Ledogar alla 21a ora, col francese che è rientrato ai box per cedere il volante a Nielsen, imitato poco dopo dal belga che ha dato spazio a Van Der Linde. La Ferrari ha riallungato con 6" al rientro in pista, ma l'Audi s'è rifatta sotto e in una fase di doppiaggio molto complicata, Van Der Linde ha dovuto scartare nella via di fuga alla "Bus Stop" per non tamponare una Mercedes, mentre Nielsen cercava un varco all'interno.

Nell'ultima sosta ai box, la Ferrari è uscita di nuovo davanti all'Audi, che ora insegue con 6" da rimontare.

Terza con un giro di ritardo da loro c'è sempre la Aston Martin Vantage #95 della Garage 59 (Nicki Thiim/Ross Gunn/Marco Sørensen), ora inseguita dalle Audi R8 LMS di Attempto Racing (#66 Mattia Drudi/Dennis Marschall/Christopher Mies) e Team WRT (#37 Nico Müller/Robin Frijns/Dennis Lind).

Entrambe hanno beneficiato del Drive-Through inflitto alla Lamborghini Huracán #63 dell'Orange 1 FFF Racing Team (Andrea Caldarelli/Marco Mapelli/Mirko Bortolotti) per aver mandato in testacoda a "Bruxelles" la Ferrari #93 in un doppiaggio che doveva effettuare Mapelli.

La vettura del Toro di Sant'Agata Bolognese è quindi scivolata sesta, anche se il buon passo può ancora riportarla a ridosso delle rivali dei Quattro Anelli, mentre soffre la Porsche 911 GT3-R #47 di KCMG (Maxime Martin/Nick Tandy/Laurens Vanthoor) scesa settima e superata dagli avversari in pista, oltre che incappata in 15" di penalità da scontare per aver tagliato la chicane "Bus Stop" avvantaggiandosi.

Ottava la McLaren 720 S #38 della Jota (Rob Bell/Oliver Wilkinson/Ben Barnicoat), ampiamente davanti all'Audi #25 di Saintéloc Racing (Markus Winkelhock/Patric Niederhauser/Christopher Haase) e alla Mercedes-AMG #89 di AKKA ASP (Lucas Auer/Timur Boguslavskiy/Felipe Fraga), che è tornata fra i PRO della Top10 ai danni della Porsche di KCMG (#18 Edoardo Liberati/Alexandre Imperatori/Josh Burdon), che ha passato la Mercedes-AMG #89 di AKKA ASP (Lucas Auer/Timur Boguslavskiy/Felipe Fraga).

Leggi anche:

In Classe Silver Cup ha sudato freddo la Mercedes-AMG #90 di MadPanda Motorsport (Ezequiel Perez Companc/Ricardo Sanchez/Patrick Kujala/Rik Breukers) dopo il FCY/SC, superata dalla Aston Martin #159 di Garage 59 (Tuomas Tujula/Alex MacDowall/Valentin Hasse Clot/Nicolai Kjaergaard) e riprendendosi il primato nella 20a ora, ma con una manciata di secondi di margine.

L'Audi #99 di Attempto Racing (Fabien Lavergne/Max Hofer/Alex Aka) era in lizza con loro, ma l'ennesimo Drive-Through comminatole per track limits la vede arretrare nei tempi.

La Ferrari #33 della Rinaldi Racing (Benjamin Hites/Fabrizio Crestani/David Perel) - fra le punite con Drive Through per track limits - ha invece perso il quarto posto a vantaggio della Mercedes di Toksport WRT (#7 Axcil Jefferies/Oscar Tunjo/Paul Petit/Marvin Dienst), mentre rimane sesta quella della SPS Automotive Performance (#40 Miklas Born/Jordan Love/Yannick Mettler/Lance David Arnold).

Seguono le AMG le Audi di Team WRT, con la #30 di James Pull/Franco Colapinto/Benjamin Goethe che ha sopravanzato la #31 di Ryuichiro Tomita/Frank Bird/Valdemar Eriksen.

In Classe PRO-AM davanti abbiamo sempre le due Ferrari di AF Corse. Leader è la #53 di Duncan Cameron/Rino Mastronardi/Matt Griffin/Miguel Molina con dietro la 'gemella' #52 di Louis Machiels/John Wartique/Andrea Bertolini/Alessio Rovera.

Sul podio resta la Lamborghini #77 della Barwell Motorsport (Miguel Ramos/Leo Machitski/Henrique Chaves/Sandy Mitchell), anche perché la Ferrari #93 di Sky Tempesta Racing (Jonathan Hui/Chris Froggatt/Matteo Cressoni/Eddie Cheever) ha perso tempo per il testacoda sopracitato e per un Drive-Through causa track limits.

Più lontane le Porsche #61 di EBM Giga Racing (Wolfgang Triller/Carlos Rivas/Reid Harker/Will Bamber) e #911 di Herberth Motorsport (Antares Au/Daniel Allemann/Alfred Renauer/Robert Renauer).

Infine in Classe AM l'unica superstite è la Porsche #166 della Haegely by T2 Racing (Pieder Decurtins/Dennis Busch/Manuel Lauck/Marc Basseng), visto il precedente ritiro della #23 di Hubert Motorsport (Jacob Schell/Ivan Jacoma/Niki Leutwiler/Nico Menzel).

condivisioni
commenti
Crash 24H di Spa: Aitken, fratture a clavicola e a una vertebra

Articolo precedente

Crash 24H di Spa: Aitken, fratture a clavicola e a una vertebra

Prossimo Articolo

24h Spa: capolavoro Pier Guidi, è trionfo Ferrari-Iron Lynx!

24h Spa: capolavoro Pier Guidi, è trionfo Ferrari-Iron Lynx!
Carica commenti