Il futuro GT di Valentino Rossi: cervello e pazienza, non pretese
Prime

Il futuro GT di Valentino Rossi: cervello e pazienza, non pretese

Di:

Valentino lascerà l'amato mondo delle 2 ruote per... raddoppiare e salire sulle 4. La voglia di essere protagonista anche nelle GT3 è tanta e si può fare un percorso serio con la Ferrari, ma dovrà essere capace di calarsi nella parte e non voler tutto subito. Vediamo come e perché.

Il ritiro di Valentino Rossi dalla MotoGP ha inevitabilmente inchiostrato le pagine di tutti i giornali e inondato il mondo del web di commenti e analisi. E ancora continuerà a farlo, perché parliamo comunque di uno dei più grandi motociclisti di tutti i tempi, sul quale ogni singola virgola ormai è ripetuta a dismisura.

Il "Dottore" è poi personaggio di spicco anche per l'attualità e il gossip (ultimo il fatto che diventerà papà), ma continuerà soprattutto a far parlare di sè per le gesta in pista. Non tanto grazie al team VR46 con cui manterrà un ruolo nel panorama delle due ruote, ma per la scelta di proseguire una carriera attiva... raddoppiando.

condivisioni
commenti
Prema entra nel WEC nel 2022 insieme ad Iron Lynx
Articolo precedente

Prema entra nel WEC nel 2022 insieme ad Iron Lynx

Prossimo Articolo

WEC: United Autosports conferma Hanson per il 2022

WEC: United Autosports conferma Hanson per il 2022
Carica commenti