WSBK 2010, Valencia: sprazzi di luce per Ducati

WSBK 2010, Valencia: sprazzi di luce per Ducati

La vittoria di Haga potrebbe essere il vero inizio di stagione...

Lo scorso anno, a Valencia, Nori Haga vinse per distacco entrambe le corse. Quest'anno, complici la bravura di Haslam, di Biaggi e di alcuni errori in gara1, il nipponico si è permesso di mettere la sua firma solamente in gara2, segnando una vittoria importantissima per il mondiale della Rossa. Dopo un avvio discreto a Phillip Island e la catastrofica Portimao, infatti, gli ufficiali della Rossa speravano in una riscossa a Valencia, che fortunatamente è arrivata. Certo, le 1098R F10 non sono ancora al livello sperato da "Marinelli & soci", e la fatica con la quale è stata ottenuta la vittoria di Haga sulla Ducati privata di Carlos Checa la dice lunga sul potenziale ancora inespresso da Haga e Fabrizio: di sicuro c'è che le vittorie danno morale e da Assen, pista dove Nori lo scorso anno ha ottenuto un primo ed un secondo posto, potrebbe aprirsi la stagione della Ducati. Gli avversari da cui guardarsi alle spalle, in ogni caso, non mancano. Anzi, quelli "tosti", sono più dello scorso anno: Haslam lo scorso anno ottenne un secondo ed un terzo posto con la Honda "privatissima" del team Stiggy e, visto lo stato di forma, c'è da attendersi un'ennesimo exploit da parte sua. Meglio dello scorso anno (5° in gara1 e ritirato in gara2) andrà anche Biaggi, così come deve fare meglio anche Fabrizio. Il romano, che ha perso per un soffio la volata su Haslam a Phillip Island, è reduce dal secondo race-weekend nero di fila: manca confidenza con l'avantreno, continua a ripetere da Portimao e la caduta in gara1 non è stata certamente un toccasana a riguardo. Ad Assen le cose potrebbero cambiare: quello che noi tutti speriamo è di tornare a vedere il Fabrizio dell'ultima gara 2009 e della prima del 2010. "L’asfalto era molto più caldo in gara 1 rispetto al warm-up della mattina - ha dichiarato Noriyuki Haga (Gara 1 – 5° , Gara 2 – vincitore) - e mi mancava grip al posteriore. Più spingevo, più la mia moto scivolava e questa è stata la cosa principale da risolvere per la seconda manche. Prima di gara 2 abbiamo fatto una modifica, tornando al setting che avevamo usato durante il warm-up e ha funzionato bene. Ho potuto spingere, rimanere con Biaggi e Checa e alla fine superarli; sono molto contento di essere riuscito a vincere. Ringrazio il mio team, la Ducati e tutti gli sponsor per avere contributo a questo bellissimo risultato.” "E’ stato un weekend da cancellare - ha dichiarato Michel Fabrizio (Gara 1 – DNF , Gara 2 - DNF) - ed ora c'è bisogno di svoltare pagina concentrandosi sulla prossima gara di Assen. In Gara 1 avevo un buon passo e sono riuscito a recuperare un paio di posizioni quasi subito. Ma poi, inaspettatamente l’anteriore si è chiuso e mi sono trovato per terra. Abbiamo fatto alcune modifiche per la seconda manche ma il freno anteriore era incostante e ho deciso di rientrare." "La vittoria di oggi - ha dichiarato Ernesto Marinelli, Team Manager è stata molto importante. Abbiamo avuto momenti difficili ma è essenziale non abbassare mai la guardia e lottare con determinazione, sempre e comunque, questo è quello che ha fatto Noriyuki oggi e tutta la squadra da inizio campionato. Dobbiamo lavorare ancora tanto e Martedì saremo in pista al mugello con Michel per risolvere i problemi emersi in queste ultime due gare."

Diventa parte di qualcosa di grande

Scrivi un commento
Mostra commenti
A proposito di questo articolo
Campionati WSBK
Piloti Noriyuki Haga , Fabrizio Michel
Articolo di tipo Ultime notizie