Valentino: "Il 2015 è il passato, oggi inizia il 2016"

Il "Dottore" ha stretto la mano a Lorenzo sul palco di Barcellona e pensa solo a riconfermarsi competitivo

"Il 2015 è il passato, da oggi inizia una nuova stagione dall'inizio". E' questo il messaggio importante che Valentino Rossi ha lanciato dal palco di Barcellona durante la presentazione della squadra ufficiale Yamaha, dove per la prima volta è tornato a stringere la mano al compagno/rivale Jorge Lorenzo.

Il "Dottore" ha ammesso che non è stato affatto facile mettersi alle spalle la maniera in cui si è chiuso il 2015, con quello che lui ha definito il "biscottone" degli spagnoli per favorire la conquista del titolo da parte del maiorchino, ma sembra disposto a guardare avanti: "Digerire la fine della scorsa stagione è stato difficile. Sono felice però per come è andato il 2015. Sono stato competitivo ed ho lottato per il campionato. Quello però ormai è il passato, da oggi si pensa al futuro. Dobbiamo trovare la giusta motivazione e la giusta concentrazione. Gli altri sono tutti molto competitivi, quindi ci aspetta un campionato interessante".

Riguardo al suo approccio all'anno nuovo, il pesarese ha spiegato di aver cercato di migliorare ulteriormente la preparazione, che già l'anno scorso lo aveva portato ad iniziare alla grande: "Ho fatto lo stesso tipo di preparazione cercando di migliorare ancora alcuni aspetti. L'inizio fu fantastico e sarebbe bello ripartire dallo stesso punto, con la vittoria in Qatar. Quest'anno poi si riparte davvero da zero, con le gomme e l'elettronica che sono nuovi per tutti".

Elementi che però non sembrano spaventare il 9 volte iridato, che sogna ancora di dare l'assalto al decimo Mondiale: "L'obiettivo sarebbe quello di rimanere al livello della stagione passata, anche perché quando diventi più anziano provi a sfruttare l'esperienza per colmare il gap". Da un certo punto di vista però non si vuole neanche sbilanciare troppo. "Capiremo qualcosa in più dai test. Potremmo essere più competitivi o anche meno, dobbiamo aspettare".

L'attesa per il primo test, in programma ad inizio febbraio a Sepang, è sempre speciale: "L'anima della nostra moto è sempre la stessa, anche se cambia di anno in anno. Il primo test di Sepang è particolare, perché è la prima volta che guidi la moto che guiderai per tutto l'anno. Quindi è sempre importante avere sensazioni positive in Malesia".

Tra le novità, a preccupare Valentino sembra essere il processo di adattamento alla gomma anteriore della Michelin: "Il feeling con l'anteriore è ancora un problema per tutti i costruttori. L'inverno sarà importante per capire le gomme e migliorare il feeling. Le gomme da 16,5 pollici mi piacevano, ma la Michelin ha deciso di passare a quelle da 17 pollici. La moto ha guadagnato agilità, ma in questo modo ha perso un po' di stabilità, quindi è più reattiva, ma è più facile commettere degli errori".

Ma non bisogna dimenticare neppure il software unico, anche se pure questo è un discorso che vale per tutti: "Ogni pilota deve adattarsi velocemente a questa nuova situazione. A noi in particolare forse serve un pochino di velocità massima in più, perché è l'aspetto su cui soffriamo. A livello di elettronica poi la differenza è molta, quindi dovremo lavorare anche su quello e sulla distribuzione dei pesi".

Scrivi un commento
Mostra commenti
A proposito di questo articolo
Campionati MotoGP
Evento Yamaha M1 2016 MotoGP, la presentazione
Sub-evento Presentazione
Piloti Valentino Rossi
Articolo di tipo Ultime notizie
Tag rossi, yamaha, yamaha m1, yamaha m1 2016