MotoGP 2010, Sepang, Test: team Yamaha

MotoGP 2010, Sepang, Test: team Yamaha

Rossi e Lorenzo soddisfatti della M1 e delle loro prestazioni

32 giri per Rossi, che fra dieci giorni compirà 31 anni, e ben 60 tornate per il maiorchino che di anni invece ne ha solo 22. Dottore e “pischello” hanno fatto segnare rispettivamente primo tempo (2'00”925) e terzo tempo (2'01”680). Questi test portano alcune conferme – Yamaha molto a punto – e qualche novità, come la separazione totale, non solo con il “muro”, tra i box di Rossi e Lorenzo. Sull'argomento il campione di Tavullia è stato categorico, non fosse altro che per la capacità del suo compagno di squadra, che Valentino riconosce, di portare avanti da solo lo sviluppo della sua moto. Un modo gentile per dire che se la M1 oggi è a questo livello è per merito suo e che se qualcun'altro ha intenzione di andare forte con la stessa moto deve trovare il modo di farlo da solo. LE DICHIARAZIONI “La seconda giornata di test è andata molto bene – afferma Rossi - come quella di ieri, anche se la pioggia ci ha fatto perdere qualche ora; siamo comunque riusciti a finire il programma di lavoro che ci eravamo prefissati. Abbiamo lavorato sulla nuova moto per trovare un set-up migliore e sono contento di essere stato il più veloce: anche se questi sono solo test per me è molto importante! Ai prossimi test avremo ancora alcune novità da provare ma siamo già soddisfatti perché siamo veloci e consistenti. Sicuramente c'è ancora margine per migliorare, Sepang è sempre una buona pista per Yamaha e così dovremo aspettare fino al Qatar per capire meglio a che livello siamo, ma abbiamo comunque cominciato alla grande.” “Mi sentivo molto meglio oggi e sono stato in grado di essere complessivamente più veloce – ha dichiarato Lorenzo -. Non ho avuto un grande problema ieri, è solo che dopo una pausa così lunga mi ero un po' dimenticato come si guida. Ho bisogno ancora di un po' di tempo ma oggi è andata molto meglio. Sono contento della mia prestazione e del feeling che ho con la mia moto. Yamaha ha fatto dei grossi miglioramenti senza cambiare radicalmente il progetto e penso che questo sia il modo migliore per sviluppare la moto. Sono state apportate delle buone modifiche al telaio e al motore e questo ha migliorato il nostro ritmo. Non abbiamo molti giorni da passare in sella prima dell'inizio del campionato così sfrutteremo i prossimi test per migliorare il buon lavoro già iniziato.” I TEMPI 1. Valentino Rossi (ITA) Fiat Yamaha Team 2'00.925 2. Casey Stoner (AUS) Ducati Marlboro Team 2'01.320 3. Jorge Lorenzo (SPA) Fiat Yamaha Team 2'01.680 4. Dani Pedrosa (SPA) Repsol Honda Team 2'01.822 5. Ben Spies (USA) Monster Yamaha Tech 3 2'02.266 6. Andrea Dovizioso (ITA) Repsol Honda Team 2'02.272 7. Colin Edwards (USA) Monster Yamaha Tech 3 2'02.479 8. Nicky Hayden (USA) Ducati Marlboro Team 2'02.493 9. Aleix Espargaro (SPA) Pramac Green Team 2'02.647 10. Loris Capirossi (ITA) Rizla Suzuki MotoGP 2'02.763 11. Marco Melandri (ITA) San Carlo Honda Gresini 2'02.810 12. Hector Barbera (SPA) Aspar Team 2'03.032 13. Randy de Puniet (FRA) LCR Honda MotoGP 2'03.043 14. Hiroshi Aoyama (JAP) Interwetten-Honda MotoGP 2'03.195 15. Marco Simoncelli (ITA) San Carlo Honda Gresini 2'03.245 16. Alvaro Bautista (SPA) Rizla Suzuki MotoGP 2'03.274 17. Mika Kallio (FIN) Pramac Green Team 2'03.359

Diventa parte di qualcosa di grande

Scrivi un commento
Mostra commenti
A proposito di questo articolo
Campionati MotoGP
Piloti Valentino Rossi , Jorge Lorenzo
Articolo di tipo Ultime notizie