Lorenzo vince di forza a Jerez

Lorenzo vince di forza a Jerez

Secondo Pedrosa, poi Valentino Rossi

Un anno fa partire dal quarto posto sullo schieramento portò bene a Valentino, ma questa volta Rossi nulla ha potuto nonostante una gran partenza che ha illuso i suoi fan. La gara era parsa una cosa tutta personale di Pedrosa, al comando con autorevolezza dal primo al penultimo giro, ma a rovinargli la festa ci ha pensato uno straordinario Lorenzo, partito al solito con qualche difficoltà di troppo però poi risalito come una furia. Il suo passo nelle tornate finali ha lasciato a bocca aperta e tutti si sono dovuti inchinare alla sua superiorità. Ma meglio di ogni commento vale la cronaca della gara che racconta l’impresa dello spagnolo della Yamaha, nuovo leader del mondiale, che dopo il traguardo si è esibito anche in un tuffo fuori programma nel lago interno al circuito, uno show decisamente inedito per il Circus delle due ruote. Al via scatta meglio di tutti il poleman Pedrosa, ma Valentino è subito secondo davanti ad Hayden, Lorenzo e Stoner che, un giro dopo, riesce a risalire in quarta posizione. I due in testa fanno subito un po’ di vuoto sulla coppia Ducati, ma la cronaca registra già un doloroso ritiro, quello di Capirossi che scivola e deve dire addio alla compagnia. Al quarto giro Lorenzo risorpassa Stoner, che forse ha avuto troppo “rispetto” per il compagno Hayden. Lo spagnolo si è reso conto che i primi due stanno scappando e vuole accelerare i tempi prima che sia troppo tardi. Stoner fatica a tenere il passo. e al 7. passaggio viene avvicinato anche da Dovizioso in piena rimonta dopo un avvio piuttosto faticato. All’ottavo passaggio Spies torna ai box e abbandona la corsa. Lorenzo prova a disturbare Hayden, e dopo un po’ di scaramucce lo spagnolo ha la meglio. Alla fine mancano 18 giri e davanti Pedrosa ha preso un piccolo vantaggio su Rossi. All’11. giro Melandri e Simoncelli animano la lotta per il settimo posto con continui sorpassi e risorpassi, ma questo favorisce il ricongiungimento di De Puniet, ormai in scia ai due di casa nostra. A metà gara, tempone di Lorenzo che recupera terreno a vista d’occhio su Rossi. In questo momento i primi sei viaggiano divisi uno dall’altro da poco più di un secondo, una situazione un po’ stabilizzata se non per qualche zampata di Lorenzo. A 12 giri dalla fine Simoncelli si è fatto risucchiare dai suoi inseguitori, mentre Melandri resiste un po’ più avanti in settima posizione. A 9 giri dalla fine giro record per Lorenzo che si porta a meno di un secondo da Rossi, ritardo che in poco più di una tornata si dimezza. Ormai è lotta tra i due della Yamaha mentre davanti Pedrosa sembra scappare. Il sorpasso di Lorenzo su Valentino si materializza a 6 giri dal termine, quindi lo spagnolo scappa via. In questo momento Pedrosa ha 2” di vantaggio su Lorenzo che però sembra scatenato, viaggiando mezzo secondo al giro più veloce. Nelle retrovie è salito fortissimo Kallio, che passando Melandri si installa al 7. posto. A due giri dalla fine Lorenzo ha acchiappato Pedrosa: i due sono incollati e sfiorano il contatto, evitato per miracolo. Ancora spallate tra i due al via dell’ultimo giro. Potrebbe succedere di tutto e infatti succede: Pedrosa allarga e dà strada a Lorenzo che si avvia alla vittoria davanti a Pedrosa, Rossi, Hayden, Stoner e Dovizioso. MotoGp, Jerez de la Frontera, 02/05/2010 Classifica finale 1. Jorge Lorenzo (Yamaha), 27 giri in 45'17"538, alla media di 158,2 km/h 2. Dani Pedrosa (Honda) a 0"543 3. Valentino Rossi (Yamaha) a 0"890 4. Nicky Hayden (Ducati) a 9"015 5. Casey Stoner (Ducati) a 10"034 6. Andrea Dovizioso (Honda) a 23"144 7. Mika Kallio (Ducati) a 34"489 8. Marco Melandri (Honda) a 34"687 9. Randy De Puniet (Honda) a 36"160 10. Alvaro Bautista (Suzuki) a 36"791 11. Marco Simoncelli (Honda) a 37"155 12. Colin Edwards (Yamaha) a 38"260 13. Hector Barbera (Ducati) a 38"371 14. Hiroshi Aoyama (Honda) a 1'02"052 15. Aleix Espargaro (Ducati) a 3 giri Il campionato dopo 2 gare: 1. Lorenzo 45 punti; 2. Rossi 41; 3. Pedrosa 29; 4. Dovizioso e Hayden 26; 6. De Puniet 17; 7. Edwards 12; 8. Stoner, Spies e Melandri 11; 11. Simoncelli 10; 12. Kallio 9; 13. Aoyama 8; 14. Capirossi e Barbera 7; 16. Bautista 6; 17. Espargaro 1.

Diventa parte di qualcosa di grande

Scrivi un commento
Mostra commenti
A proposito di questo articolo
Campionati MotoGP
Piloti Jorge Lorenzo
Articolo di tipo Ultime notizie