Dakar, 2° Tappa: Coma domina e si prende la vetta

Lo spagnolo della KTM si prende 2'30" su Chaleco Lopez. In ospedale Da Costa: ha investito una mucca

Dopo aver ottenuto il secondo tempo nella breve prova speciale di ieri, Marc Coma ha fatto decisamente la voce grossa nella seconda tappa della Dakar 2012. Questa volta i piloti dovevano affrontare la bellezza di 295 km cronometrati e il vincitore dell'edizione 2011 ha tirato fuori gli artigli, facendo veramente un altro sport. Nell'arco di pochi chilometri il portacolori della KTM è andato a prendere l'Aprilia di Chaleco Lopez, partito per primo in virtù della vittoria di tappa di ieri, e poi ha preso il largo: alla fine, infatti, il cileno della Casa di Noale si è ritrovato a pagare la bellezza 2'44". Un distacco che comunque gli ha consentito di mantenersi almeno in seconda piazza, staccato di 2'30" dal Coma, che ha vinto una speciale alla Dakar per la 17esima volta in carriera e che è il nuovo leader della corsa. Anche oggi c'è stato incidente grave dopo la morte di ieri dell'argentino Jorge Martinez Boero: Bruno Da Costa è stato ricoverato dopo che ha investito una mucca. Arrivato all'ospedale di San Rafael dopo essere stato soccorso da un elicottero, il francese è stato dichiarato ''fuori pericolo'', ma ha subito una contusione ai reni e quindi dovrà abbandonare la gara. La tappa odierna ci ha anche restituito un grande Cyril Despres: ieri il francese non era andato oltre al 13esimo tempo, ma oggi ha spinto al limite, chiudendo con un gap di appena 1'18" nei confronti del velocissimo Coma. In questo modo è riuscito a scalare ben 10 posizioni nella classifica generale, portandosi addirittura in terza piazza, a meno di 3' dal battistrada. Dopo la bella impresa compiuta ieri da Javier Pizzolito, anche la seconda tappa ha regalato una sorpresa: lo spagnolo Joan Barreda ha ottenuto il terzo tempo di giornata con la sua Husqvarna. Ora quindi è quinto nella classifica generale, nonostante sia incappato anche in una penalità di cinque minuti. Per quanto riguarda i piloti di casa nostra, ancora una volta la palma di migliore è toccata ad Alessandro Botturi, autore della diciottesima prestazione e risalito al 16esimo posto nella classifica generale. Da segnalare, infine, il ritiro di Manuel Jammett: cadendo dopo 260 km di speciale si è procurato la frattura di un dito del piede. 33. Dakar, seconda tappa, 02/01/2012 Classifica generale Moto 1. Coma - Ktm - 3.40'12" 2. Lopez - Aprilia - + 2'30" 3. Despres - Ktm - + 2'52" 4. Przygonski - Ktm - + 4'52" 5. Barreda - Husqvarna - + 8'16" 6. Casteu - Yamaha - + 8'26" 7. Pizzolito - Honda - + 9'38" 8. Ullevalseter - Ktm - + 10'38" 9. Pedrero Garcia - Ktm - + 11'45" 10. Viladoms - Ktm - + 12'10" 16. Botturi – Ktm - + 18'21” 24. Ceci – Ktm - + 24'08” 51. Picco – Yamaha - + 53'39” 76. Fesani – Rieju - + 1.18'47” 89. Ciotti – Rieju - + 1.40'047” 91. Tonetti – Honda - + 1.42'55” 92. Pederzoli – Yamaha - + 1.46'10” 117. Ghitti – Ktm - + 2.30'00” 135. Astori – Ktm - + 3.18'22” 137. Lucchese – Husaberg - + 3.20'57” Classifica Quad 1. La Fuente – Yamaha – in 4.30'09” 2. Patronelli – Yamaha – + 6'34” 3. Maffei – Yamaha – + 9'42” 4. Patronelli – Yamaha – + 9'48” 5. Bonetto – Honda - + 20'27 6. Declerck – Polaris – + 28'13” 7. Henderson – Honda – + 32”51” 8. Duverney-Pret – Honda – + 37'51” 9. Vachkov – Can-Am – + 38'49” 10. Cangani – Polaris – + 39'087” 14. Liparotti – Yamaha – + 1.04'34” 15. Tonetti – Yamaha – + 1.09'15” in grassetto gli italiani
Scrivi un commento
Mostra commenti
A proposito di questo articolo
Campionati Moto Rally Raid
Piloti Marc Coma
Articolo di tipo Ultime notizie