Indycar: Power concede il bis a St. Petersburg

Indycar: Power concede il bis a St. Petersburg

Secondo successo in altrettante gare per l'australiano della Penske

Con due compagni dal nome e dal piede pesante come Helio Castroneves e Ryan Briscoe erano in molti a pensare che Will Power sarebbe stata solo la terza guida del Team Penske. All'australiano però sono bastate solamente due gare per smentire tutti i pronostici perchè, dopo la vittoria di due settimane fa a San Paolo, oggi si è ripetuto a St. Petersburg, in una gara corsa con circa 18 ore di ritardo rispetto alle previsioni, a causa del violentissimo temporale che si è abbattuto ieri sulla cittadina della Florida. Non essendo troppo a suo agio sugli ovali, Power sta riuscendo infatti a al meglio il “suo territorio”, cioè i tracciati cittadini su cui ha corso per diversi anni ai tempi della Champ Car. Il secondo successo stagionale è arrivato grazie ad un'ottima scelta strategica: durante la terzultima situazione di safety car, quando si trovava in quarta posizione, il leader del campionato ha scelto di non fermarsi ai box, come invece ha fatto chi lo precedeva, e alla ripartenza ha spinto tantissimo, riuscendo a costruire un margine che gli ha permesso di sopravanzare le vetture gemelle di Briscoe e Castroneves, poi giunti terzo e quarto al traguardo. Tra le tre Dallara-Honda della Penske infatti si è inserita quella della Dreyer & Reinbold affidata a Justin Wilson. Il pilota inglese, ex Minardi e Jaguar in Formula 1, ha infatti scalato la classifica “copiando” le scelte del vincitore. Completa la top five il campione in carica Dario Franchitti che ha regalato tantissimo spettacolo negli ultimi giri. Dopo aver disputato una gara sostanzialmente anonima, lo scozzese ha tirato fuori le unghie e nel finale ha saputo recuperare ben sette posizioni, passando dalla dodicesima alla quinta piazza nell'arco di appena otto tornate. Sfortunatissimo E.J. Viso, che ad una ventina di tornate dalla bandiera a scacchi ha dovuto abbandonare i suoi sogni di gloria proprio quando si trovava al comando. Purtroppo la sua monoposto ha accusato un problema al cambio che lo ha costretto ad una lunghissima sosta ai box, finendo per fargli pagare tre giri di distacco dai primi. Nel duello in rosa, infine, la migliore è risultata Danica Patrick, settima al traguardo, anche se l'italo-svizzera Simona De Silvestro era riuscita a darle decisamente filo da torcere, prima di finire in testacoda per un contatto con Ryan Hunter-Reay. Ritirata Milka Duno. INDYCAR, St. Petersburg (US), 29 marzo 2010 CLASSIFICA FINALE 1. Will Power - Penske - 2.07'05"7900 2. Justin Wilson - Dreyer & Reinbold - + 0"8244 3. Ryan Briscoe - Penske - + 4"7290 4. Helio Castroneves - Penske - + 5"699 5. Dario Franchitti - Ganassi - + 22"2172 6. Alex Tagliani - Fazzt - + 29"3224 7. Danica Patrick - Andretti - + 30"3360 8. Raphael Matos - de Ferran Luczo Dragon - + 30"6695 9. Graham Rahal - Sarah Fisher - + 30"8426 10. Tony Kanaan - Andretti - + 31"3508 11. Ryan Hunter-Reay - Andretti - + 31"6286 12. Marco Andretti - Andretti - + 32"1703 13. Mario Romancini - Conquest - + 39"8086 14. Hideki Mutoh - Newman/Haas/Lanigan - + 39"9949 15. Vitor Meira - Foyt - + 56"0593 16. Simona De Silvestro - HVM - + 1 giri 17. E.J. Viso - KV - + 3 giri

Diventa parte di qualcosa di grande

Scrivi un commento
Mostra commenti
A proposito di questo articolo
Campionati IndyCar
Piloti Will Power
Articolo di tipo Ultime notizie