La HRT andrà in galleria del vento alla Toyota

La HRT andrà in galleria del vento alla Toyota

Nella struttura di Colonia dovrebbe nascere anche la monoposto 2011

La HRT avrebbe trovato la struttura dove sviluppare la deludente monoposto a telaio Dallara. Si tratta di una factory che è anche in grado di garantire tutto il supporto tecnico per costruire la vettura del 2011, seguendo i dettami di Geoff Willis, l'ingegnere che ha preso in mano la conduzione tecnica del team spagnolo. Stando alle indiscrezioni si tratta della Toyota Motorsport: nella sede di Colonia che la Casa giapponese ha mantenuto attiva, c'è ancora una cellula vitale capitanata da Pascal Vasselon. Per dare una possibilità di lavoro ad una parte delle maestranze che facevano parte del team Toyota, il manager francese aveva ceduto il progetto Tf110 alla Stefan Gp, affittando alla squadra del serbo una parte della fabbrica. Come si sa il programma di Stefanovic non è mai partito, per cui l'area si è liberata in fretta. La HRT, quindi, potrebbe cogliere al balzo l'opportunità trovando subito un'alternativa a Dallara, visto che con l'azienda parmense è in atto un forte contenzioso (gli spagnoli contestano le deludenti prestazioni della monoposto, mentre a Varano de Melegari aspettano ancora i compensi che erano stati pattuiti). Al momento, però, non c'è una visione condivisa sul da farsi: il finanziatore spagnolo, Carabante, infatti, pare sia in rotta di collisione con le strategie di Colin Kolles. Quest'ultimo ha trasferito la base del team in Germania, dove Colin gestisce il resto dell'attività sportiva del suo team, e spinge per aggregarsi alla Toyota che potrebbe subito effettuare un importante lavoro di sviluppo in una delle due gallerie del vento di cui dispone. Il socio di maggioranza, stando alle indiscrezioni che si sentono nel paddock, vorrebbe liquidare Kolles e proseguire l'avventura in F.1 con un nuovo finanziatore iberico interessato a rilanciare il progetto. Nel frattempo sulla HRT ha fatto il suo debutto Christian Klien: l'austriaco è stato ingaggiato per dare informazioni su come sviluppare la monoposto, visto che sia Senna che Chandock si sono rivelati “acerbi” nella messa a punto essendo dei debuttanti. Le prime informazioni sono state giudicate molto utili: i piloti titolari dovrebbero trarre un utile giovamento nel trovare il miglior assetto per Barcellona.

Diventa parte di qualcosa di grande

Scrivi un commento
Mostra commenti
A proposito di questo articolo
Campionati Formula 1
Articolo di tipo Ultime notizie