Haug: "Per ridurre i costi usiamo i V6 5 anni"

Il responsabile Mercedes teme che l'alto investimento iniziale blocchi ancora i motori turbo

Haug:
Norbert Haug è preoccupato. Il vice presidente di Mercedes Motorsport teme che ci sia un piano per rallentare l'adozione dei motori V6 turbo già posticipata al 2014, rispetto ai piani iniziali della FIA. L'adozione delle nuove unità, almeno secondo i responsabili delle squadre più piccole, dovrebbe avere l'effetto di far aumentare i costi in modo non sostenibile per i team minori che stanno facendo fronte comune per procedere oltre con gli attuali V8 da 2,4 litri aspirati. D'altro canto, ci sono i grandi costruttori che hanno già allestito specifici gruppi di lavoro e investito budget importanti per arrivare alla messa in moto dei primi V6 che hanno già girato al banco prova. Haug, pertanto, propone di allungare la durata del nuovo propulsore ad un periodo di cinque anni, in modo da contenere i costi di ricerca e sviluppo suddividendoli in un periodo più lungo e con cifre più sostenibili, in linea con quelli attuali... "E' prematuro parlare di una cifra - ha detto Haug - ma è giusto fare una corretta analisi della situazione. E' vero che i motori nuovi costeranno il doppio di quelli di 10 anni fa, ma in primo luogo è dovuto al duro lavoro dei costruttori. E' ovvio che se si introduce un nuovo motore questo costerà di più nella fase iniziale, ma se ne allungassimo il periodo vitale a cinque anni, le spese verrebbero spalmate in modo da riportare i costi in linea a quelli attuali, o poco più". La preoccupazione sembra motivata: cosa ne pensano la FIA e la FOM, tanto più che la proposta è arrivata da una squadra che non ha ancora siglato il nuovo Patto della Concordia...
Scrivi un commento
Mostra commenti
A proposito di questo articolo
Campionati Formula 1
Articolo di tipo Ultime notizie